PUBBLICITÀspot_imgspot_img

Tarantino, la filmografia – siamo vicini alla fine?

Capitolo 0: la vita e gli esordi

Quentin Tarantino ha affermato che come regista avrebbe realizzato un massimo di dieci film e Once Upon a Time in Hollywood Star Trek saranno rispettivamente il nono e decimo film. Vi propongo di seguito il primo capitolo dell’analisi della sua filmografia.

La vita del regista.

Leggendo dell’infanzia di Quentin non è stato difficile capire il perché di certi film.

Tarantino

Nato da Tony Tarantino, attore e musicista di origini napoletane, e Connie McHugh, il futuro regista non conobbe mai suo padre perché quest’ultimo abbandonò la madre appena sedicenne, prima del parto.

All’età di due anni Tarantino si trasferì in un piccolo paesino della California, dal nome tremendamente familiare: Torrance.
Qui la madre conobbe il primo padre adottivo di Quentin, con il quale il regista strinse un forte legame affettivo. Con  Curt Zastoupil il piccolo Quentin andò a vedere l’unico film, a detta sua, che sia mai riuscito a spaventarlo: Bambi.

Anche questo matrimonio però non andò bene, dopo essersi trasferiti a El Segundo, la madre divorziò.
Nel frattempo Quentin frequentava una scuola cattolica del luogo, e fu in questo periodo che il regista si appassionò agli spaghetti western di Sergio Leone, e sempre negli stessi anni si interessò alla scrittura e all’età di 14 anni concluse la sua prima sceneggiatura: Captain Peachfuzz and the Anchovy Bandit.

Tarantino

Iscrittosi all’ High School, l’abbandonò successivamente per dedicarsi al lavoro di maschera in un cinema porno di Torrance. Tra un lavoro e l’altro, riuscì a pagarsi gli studi presso una scuola di recitazione e riuscì ad entrare a far parte di una compagnia teatrale.

Lavorando in un videonoleggio di Manhattan Beach, sempre a L.A. conobbe molti colleghi e futuri attori, tra cui Roger Avary.

Continuando a studiare recitazione, capì che la sua vera passione era la scrittura e la regia. Approfondì la sua cultura cinematografica e diede consigli a molti attori e registi emergenti.

La prima esperienza

Mentre continuava a lavorare al videonoleggio, Tarantino provò a realizzare un suo primo film, che chiamare indipendente e fargli un complimento.

- Advertisement -

Realizzato dai dipendenti di tutto il negozio, e con un budget di $6000, detratti dagli stipendi di tutti, il film presentava una sceneggiatura scritta da Tarantino stesso, e aveva come titolo My best friend’s Birthday.
Il film era stato realizzato con una pellicola da 16mm e in bianco e nero, usando come set vecchi bar abbandonati e la casa della madre.

Questo primo tentativo però non fu dei più felici. Dopo una serie di ritardi, che portarono le riprese a durare 3 anni, un errore del laboratorio di sviluppo eliminò gran parte della pellicola, e l’intero progetto andò a farsi benedire.

Se volete però il film è stato caricato su Youtube in modo incompleto.

Le prime sceneggiature 

Prima di iniziare a dirigere film, Tarantino si dedicò alla stesura di diverse sceneggiature, che fecero la sua prima fortuna. Vendette la sceneggiatura di:

  •  Una vita al massimo per $40.000 all’amico Roger Avary;
  • Natural Born Killer per $400.000 al regista Oliver Stone con il quale Tarantino ebbe una violenta lite per le troppe modifiche alla sua sceneggiatura, e per questo motivo se ne distaccò completamente.
  • Dal Tramonto all’Alba nel quale ebbe anche un ruolo da protagonista.

Conclusione

Come avrete potuto leggere, la vita di Tarantino non è stata delle più tranquille, ma la sua grande passione per il cinema e per l’arte della recitazione gli hanno permesso di diventare uno dei migliori registi contemporanei.

Durante un intervista, quando gli chiesero del lavoro al videonoleggio lui rispose:

Non sono diventato un cinefilo perché lavoravo lì, è il contrario: mi hanno preso a lavorare in quel posto perché ero molto appassionato di cinema e sapevo tutto sull’argomento

Se vi interessa l’argomento e volete sapere di più su Quentin Tarantino restate sintonizzati su Nerdpool ci aspettano altri 10 articoli pieni di curiosità.

ARGOMENTI CORRELATI

LEGGI ANCHE

“Life Camminando sulla linea” – Recensione

Chissà dove ci porterà la linea che stiamo percorrendo e chi incontreremo lungo il...

Star Trek: Picard, Jeri Ryan annuncia la produzione della stagione 2

Secondo un recente tweet della star Jeri Ryan, ( Seven of Nine) la seconda...

Star Trek: la famiglia si allarga con una nuova Serie tv ambientata con un...

È ufficiale l'arrivo di una nuova serie televisiva in casa Star Trek Star Trek:Strange New...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

4,891FansLike
1,560FollowersFollow
221FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

CORRELATI

Star Trek: Picard, recensione (no spoiler) degli ultimi cinque episodi. La fine di un viaggio iniziato il 28 settembre 1987

Gli ultimi 5 episodi di Star Trek: Picard chiudono un percorso e gettano le basi per una nuova avventura, ma a che prezzo? La serie...

Star Trek: Picard, recensione (no spoiler) dei primi cinque episodi . Un ritorno al passato che vi lascerà un sorriso nel presente

Torna Jean-Luc Picard al massimo della sua forma, in una nuova serie tv che vi lascerà stupefatti. Diciamoci la verità: i primi esordi di Amazon...

NYCC 2019: ecco tutti i trailer delle serie tv (Star Trek: Picard, Riverdale, Outlander, Lost in Space e tante altre)

Durante il New York Comic-Con 2019 tante le notizie ed i trailer rilasciati, in particolare su diverse serie tv, tra Netflix, Amazon Prime, Hulu...

Quentin Tarantino: il suo decimo e ultimo film potrebbe essere un horror

Il regista Quentin Tarantino ha offerto al pubblico una serie di film che spingono oltre i confini, nessuno dei quali si tira indietro quando...
spot_img
PUBBLICITÀspot_imgspot_img

I PIÙ VISTI DI OGGI