Baby - la nuova serie Netflix
Baby - copertina NEtflix

Due Giorni fa è stato aperto l’account instagram ufficiale per la nuova serie di Netflix, “Baby”
La serie, composta da sei episodi sarà liberamente ispirata alla vicenda delle baby-squillo dei Parioli del 2013, ed uscirà in autunno.

Le primissime immagini pubblicate, mostrano le due protagoniste Benedetta Porcaroli e Alice Pagani.
Benedetta interpreterà Chiara, un’atleta con genitori radical chic.
Alice, invece, sarà Ludovica.

View this post on Instagram

#BabyNetflix

A post shared by Baby (@baby_netflix) on


Baby – Di cosa parla

La serie esplorerà la vita piena di alcuni adolescenti romani che cercano di sfidare la società tra amori proibiti e pressioni famigliari. Un racconto disinibito che andrà a colpire il cuore del pubblico con una storia di adolescenti in cerca di se stessi.

Cast

Oltre a Benedetta Porcaroli e Alice Pagani, nel cast anche Marco Trovato, nei panni del ribelle Marco, e Riccardo Mandolini che interpreta Damiano, un ragazzino di periferia con una passione per lo skate e l’hip hop e che perde la madre. Prevista anche la partecipazione di Claudia Pandolfi, Isabella Ferrari, Massimo Poggio e Claudio Calabresi. 

La serie sarà divisa in sei puntate, quattro delle quali saranno dirette da Andrea De Sica (già premiato per “I ragazzi della notte”), le altre due saranno dirette da Anna Negri. La storia sarà raccontata con lo stile dei GRAMS, un nuovo collettivo di scrittori compostoda cinque autori: Antonio Le Fosse, Eleonora Trucchi, Marco Raspanti, Giacomo Mazzariol e Re Salvador. A questi si sono aggiunti gli scrittori Isabella Aguilar e Giacomo Durzi che hanno contributo alla storia con la loro visione.

Baby - le protagoniste Benedetta Porcaroli e Alice Pagani
BABY

Red Hasting, amministratore delegato e co-fondatore Di Netflix lo ha definito “uno degli appuntamenti più controversi e attesi della nuoa stagione”.

Per Baby sono stati acquisiti gli atti giudiziari ed ascoltate le intercettazioni, ma De Sica ha spiegato al “See What’s Next” romano: “Non si tratta di una cronaca o di uno studio sociale di quello che è successo, la storia è ambientata in un quartiere ricco di Roma e rappresenta un certo carattere degli adolescenti. Ma va ben al di là della prostituzione, del traffico sessuale, vuole rappresentareun’ampia gamma di teenager a cui piace la trasgressione, in un modo o nell’altro. Il focus è che questi ragazzi si trovano davanti ad una realtà spesso cattiva”. 

Non è stata ancora annunciata una data di uscita ufficiale per Baby, ma si parla di una premiere durante l’autunno.

Scrivi qui il tuo commento...