IN EVIDENZA

Battlefield V: i dialoghi saranno in lingua originale

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,458FansMi piace
1,560FollowerSegui
191FollowerSegui

Accuratezza storica anche nei dialoghi per il nuovo sparatutto DICE

Dopo l’ottimo Battlefield 1, Dice è riuscita a dare nuova linfa a una serie storica degli FPS. Il ritorno a periodi storici classici ha dato i suoi frutti, e lo sviluppatore ha evidentemente deciso di proseguire su questa strada. Mentre l’ultimo capitolo ci immergeva nelle trincee della Grande Guerra, è ora il momento di tornare nella Seconda Guerra mondiale con Battlefield V.

Battlefield V

La deriva multiplayer che ormai caratterizza grandissima parte del mondo videoludico ha ovviamente interessato anche gli shooter, e DICE non fa eccezione. Tuttavia, il nuovo capitolo recupererà la sezione single player di Battlefield 1, le cosiddette ‘Storie di guerra‘, prendendo le distanze dallo storico concorrente Call of Duty, passato quest’anno a un titolo esclusivamente multiplayer. Per chi non lo sapesse, si tratta di brevi campagne collocate sui diversi fronti del conflitto e focalizzate su determinate mini-storie. 

Come mostrato dall’ultimo trailer rilasciato dallo sviluppatore, anche le nuove Storie andranno a toccare diversi gruppi etnici coinvolti nella guerra. DICE ha però voluto fornire un’ulteriore informazione riguardo l’accuratezza storica del nuovo Battlefield: i protagonisti parleranno ciascuno il proprio idioma nativo. Evidente l’intento di calare il giocatore all’interno del mondo di gioco con maggiore immersività, oltre che di fornire verosimiglianza storica alle singole sequenze. Un doppiaggio interamente in inglese, ad esempio, sarebbe risultato stonato all’interno di queste mini-campagne, che puntano soprattutto a mostrare al giocatore la guerra dal punto di vista dei singoli soldati.

Advertising

Vi ricordiamo che Battlefield V è in uscita per PS4, XboxOne e PC il 20 novembre 2018.

Advertising

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,458FansMi piace
1,560FollowerSegui
191FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...