Titolo originale: Orphan Black
Creata da: Graeme Manson e John Fawcett
Data di uscita: 30 Marzo 2013
Stato: Concluso Stagioni: 5
Genere: Fantascienza
Paese: Canada
Trasmessa da: Space in Canada e BBC America negli Stati Uniti, Netflix in Italia
Durata: 42 min

Orphan black - netflix - poster
Orphan Black – Poster

Trama

La storia è incentrata su Sarah Manning, una truffatrice, che assiste al suicidio di una donna Beth Child.
La donna sembra essere il doppelgänger di Sarah, che ne assume così l’identità. Sarah scoprirà di essere un clone e di essere al centro di una ricerca perpetrata da un gruppo segreto chiamato “Neoluzione” che ritiene che gli esseri umani possono utilizzare le conoscenze scientifiche per orientare la loro evoluzione come specie.

Orphan black - netflix - tatiana maslany
Sarah Manning – Tatiana Maslany

Il movimento ha la sua base istituzionale nel Dyad Institute, un influente e ricca società biotecnologica capitanata dal Dr. Aldous Leekie con l’aiuto del clone Rachel.
Quando il Dyad Institute e i Proletani (un gruppo religioso che uccide i cloni) scopriranno che Sarah ha una figlia, Kira, per lei e i suoi amici comincerà una vera e propria caccia alla verità. Accanto al fratello adottivo Felix Dawkins e a due suoi cloni, Alison Hendrix e Cosima Niehaus, Sarah dovrà scoprire i motivi della sua fertilità (I cloni sono sterili) e della composizione genetica di Kira, per una cura contro una malattia genetica letale per i cloni.

Trailer – Stagione 1

Cast

Tatiana Maslany: Sarah Manning, Alison Hendrix, Cosima Niehaus, Helena, Beth Childs, Rachel Duncan, Krystal Goderitch, M.K., Katja Obinger, Tony Sawicki, Jennifer Fitzsimmons, Miriam Johnson e Camilla Torres
Jordan Gavaris: Felix Dawkins
Dylan Bruce: Paul Dierden
Kevin Hanchard: Arthur “Art” Bell 
Maria Doyle Kennedy: Siobhan Sadler
Évelyne Brochu: Delphine Cormier
Ari Millen: Mark Rollins
Kristian Bruun: Donnie Hendrix
Michiel Huisman: Cal Morrison
Zoé De Grand Maison: Gracey Johanssen
Josh Vokey: Scott Smith

Tatiana Maslany

Recensione

A partire dalla prima stagione ogni episodio di Orphan Black delinea un quadro in cui eugenetica, desiderio di profitto, fanatismo e paranoia rendono la vita un inferno a tutti i personaggi.
Sarah viene presto a conoscenza di tutte le sure “sorelle”, che per quanto simili nell’aspetto sono differenti l’una dall’altra come “il giorno e la notte”. 
I cloni non si distinguono solo per l’accento (canadese, britannico, tedesco, ucraino e americano), ma anche da diverse scelte di stile nell’abbigliamento e per tratti comportamentali distintivi: chi è più fragile, chi più forte, chi è feroce… 
Anche orientamento sessuale e profilo genetico sono diversi, infatti alcuni cloni sono condannati ad una misteriosa malattia degenerativa.
Le indagini di Sarah, Alison e Cosima conducono lo spettatore in un mistero ben congegnato che regala momenti di ottima azione e intrattenimento.

Orphan black - Tatiana Maslany - Cosima
Cosima – Tatiana Maslany

Una storia, più storie

Mano a mano che la storia procede e veniamo a conoscenza di tutte le diramazioni del progetto Leda, la storia delinea due fronti: quella dei ricercatori che hanno creato i cloni e quella del gruppo di fanatici religiosi che li vuole eliminare.

Alison Hendrix – Tatiana Maslany

Un solo volto, mille personaggi

Un forte applauso, inoltre, al modo della serie di delineare diverse varianti della stessa figura, ruolo centrale dello show.
Stiamo parlando di Tatiana Maslany, candidata per il ruolo di Sarah e dei cloni al Golden Globe come miglior attrice protagonista in una serie drammatica, ha poi vinto per questa categoria il Critics’ Choice Television Award. Tatiana risulta molto a suo agio nell’interpretare diversi ruoli e personaggi. Mille sfumature, accenti, espressioni per una sola donna, che si fa davvero in quattro per lo show regalandoci una guerriera e facendo di Orphan Black una serie tv d’azione al femminile di cui non si riesce più a fare a meno.

Oprhan Black - Netflix - Helena/tatiana maslany
Helena – Tatiana Maslany

Qualche curiosità su Orphan Black – ALLERTA SPOILER!!!

  • Nella prima stagione i titoli degli episodi sono tratti da “L’origine della specie” di Charles Darwin; per la seconda stagione sono citazioni da opere di Francis Bacon; nella terza stagione tutti i titoli degli episodi sono citazioni dall’ultimo discorso pubblico di Dwight Eisenhower; per la quarta stagione tutti i titoli degli episodi sono tratti dalle opere di Donna Haraway; infine, nella quinta ed ultima stagione tutti i titoli degli episodi sono citazioni tratte dalla poesia “Protest” di Ella Wheeler Wilcox.
  • Tatiana ha ammesso che doversi fingere dispiaciuta per la morte di Helena durante le intervista, è stata una delle interpretazioni più difficili della seconda stagione.Il personaggio di Ari Millen (Mark) sarebbe dovuto morire nel sesto episodio (o questo gli hanno fatto credere), ma la bravura dell’attore ha convinto gli autori a dargli un ruolo di maggiore importanza.
orphan black - sarah/tatiana maslany e sua figlia kira
Sarah e sua figlia Kira
  • La voce di Tatiana per Tony Sawicki è stata modificata in post-produzione, per renderla più credibile, e così pure le voci di Cosima e Delphine sotto l’effetto dell’elio, poiché non era sicuro far inalare il gas alle attrici tutte le volte necessarie per girare la scena.
  • Per entrare nella fisicità dei diversi cloni, Tatiana ha sviluppato una sorta di danza per ciascuno dei cloni. Un assaggio di questa danza si può avere nella famosa scena dei quattro cloni (più Felix e Kira) del finale di stagione.
  • Orphan Black ha vinto diversi premi (10 ai Canadian Screen Awards, un Emmy per la miglior attrice protagonista in una serie drammatica) e ricevuto una miriade di nomination. 
  • Per quanto riguarda i termini scientifici di bioetica e gli esperimenti, i produttori si sono rivolti alla scienziata Cosima Herter (per questo il personaggio della serie tv si chiama Cosima).
orphan black - netflix. rachel/tatiana maslany - bbc america
Rachel – Tatiana Maslany

Voi avete visto Orphan Black? Vi è piaciuto?
Se non l’avete vista la guarderete?
Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti 🙂

Leggi anche: Nerdpool consiglia: Sense8



Scrivi qui il tuo commento...