Netflix

Se tu e i tuoi amici condividete un account Netflix, Hulu, Amazon o qualsiasi altro per risparmiare denaro, le cose potrebbero diventare un po ‘più difficili per voi negli anni a venire.

La nuova Intelligenza Artificiale che impedisce la condivisione di account Netflix

Questa settimana al CES 2019 di Las Vegas, il fornitore di software
video Synamedia ha rivelato una nuova tecnologia che potrebbe aiutare a porre fine alla condivisione degli account.
Secondo The Daily Mail, il sistema basato sull’Intelligenza Artificiale di
Synamedia è progettato per rintracciare e analizzare quali utenti hanno effettuato l’accesso in diversi luoghi, rapidamente in grado di segnalare gli account che vengono condivisi.

Snyamedia ha appreso che circa il 26% dei millennial condivide le proprie credenziali personali di Netflix, creando una potenziale perdita di entrate.
Uno studio di Parks Associates ha concluso che, entro il 2021, la condivisione delle credenziali potrebbe rappresentare 9,9 miliardi di dollari in perdite per i ricavi della pay-TV e 1,2 miliardi di dollari in ricavi OTT.

Mai più condivisione

Synamedia Credentials Sharing Insight non si limita a risolvere problemi di condivisione di piccole dimensioni, come un utente con lo stesso login del fratello minore lontano da casa.
È più fortemente mirato a credenziali più grandi, operazioni di condivisione su tutto il servizio di streaming.
Il sistema potrebbe consentire all’azienda che lo gestisce di specificare quanti utenti dovrebbero essere in grado di utilizzare un singolo account, cosa che risulta utile per i vari piani familiari.

Synamedia

Ad esempio, Netflix ha un livello di abbonamento che consente di tenere traccia di un account su quattro dispositivi diversi contemporaneamente.
Una famiglia non dovrebbe essere rintracciata o rimproverata per l’utilizzo di più dispositivi o posizioni nell’ambito di tale piano.

Ciò che la tecnologia può fare è capire da dove viene l’attività fraudolenta, rintracciando esattamente dove gli account vengono erroneamente utilizzati.
Può anche individuare le posizioni e i dispositivi corretti che famiglie e utenti utilizzano regolarmente per determinare quali sono “sicuri”.

La condivisione casuale delle credenziali sta diventando troppo costosa da ignorare“, ha dichiarato Jean Marc Racine, capo responsabile acquisti di Synamedia.
La nostra nuova soluzione offre agli operatori la possibilità di agire. Molti utenti occasionali saranno felici di pagare una tariffa aggiuntiva per un servizio premium e condiviso con un numero maggiore di utenti simultanei. È un ottimo modo per mantenere oneste le persone beneficiando di un flusso di entrate incrementale“.

Cosa pensate di questa notizia?
Lasciate un commento qua sotto per farcelo sapere e continuate a seguire NerdPool per rimanere sempre aggiornati!