PUBBLICITÀspot_imgspot_img

La mia prima volta. My Lesbian Experience with Loneliness – Recensione in anteprima

PUBBLICITÀspot_imgspot_img

Uno dei volumi più apprezzati in Giappone e all’estero degli ultimi tempi è senza dubbio My lesbian experience with loneliness. Il manga di Kabi Nagata ha riscosso un grande successo negli USA vincendo il premio Best Manga agli Harvey Awards. E il 23 gennaio uscirà in italiano per J-POP Manga con il titolo La mia prima volta My lesbian experience with loneliness. Noi lo abbiamo letto in lingua inglese per voi e oggi vi parliamo di quest’opera imperdibile e che tocca l’animo del lettore con la forza dei sentimenti che racconta.

Una storia nella quale ci si riconosce

Ci sono situazioni nella vita che tutti abbiamo provato prima o poi: il sentirci soli, persi, il non avere un obbiettivo o la voglia di fare qualcosa. L’avere paura nel soddisfare il giudizio degli altri, superare le loro aspettative, sentirci accettati, sentirci amati. Tutti questi temi sono presenti in My lesbian experience with loneliness, storia autobiografica dell’autrice che decide di fare sesso con una escort.

E se la cosa potrebbe risultare ridicola a molti il passo che decide di fare l’autrice è importante e ben spiegato perché frutto di una riflessione durata anni su se stessa. Lei, infatti, ha cercato in tutti i modi di farsi accettare dalla sua famiglia, ma sopratutto ha cercato di capire cosa volesse fare lei della sua vita e chi fosse davvero. Il trovare un lavoro soddisfacente, capire la propria sessualità e fare nuove esperienze che la aiutassero ad accettarsi e volersi bene.

Una storia narrata con disegni semplici ma efficaci, che racconta di situazioni anche piccole che però tutti abbiamo provato o pensato proprio come la nostra autrice. Si prova molto simpatia ed empatia nei suoi confronti, si fa il tifo per lei nel realizzare il suo sogno di diventare mangaka.

la mia prima volta my lesbian experience with loneliness

I manga che ci salvano

I manga infatti vengono subito citati nell’opera. Si capisce quanto forse sia questo il mezzo giusto per l’autrice di esprimere i suoi tormenti e forse aiutarla a migliorarsi. Però insieme al suo percorso artistico e lavorativo, che la porteranno a lavorare nel mondo dei manga, abbiamo appunto una crescita personale e una discussione della sua sessualità. E il fatto di andare con una escort per perdere la tanto agognata verginità non è la conclusione quanto un’inizio. Si tratta della realizzazione di cosa l’autrice vuole davvero fare della sua vita anche se non va incontro a quello che la sua famiglia e la società vuole da lei. Ma ciò la rende felice e questo è quello che importa davvero.

My lesbian experience with loneliness è una storia molto bella e nella quale ci si relaziona molto con le situazioni raccontante dall’autrice proprio perché sono comuni a tanti giovani: i dubbi, le speranze, le paure che tutti abbiamo provato e forse proviamo ancora. Il disegno sa essere molto divertente e coinvolgente: esprime pur con semplicità e schematicità i sentimenti contrastanti della protagonista e la sua voglia di cambiare e accertarsi.

Trovare la forza dentro di noi

Una storia che conclude la vicenda dell’autrice ma allo stesso tempo lascia aperto uno spiraglio. La serenità che si trova sul finale non fa sì che i problemi scompaiono definitivamente. Ma la speranza data dall’aver trovato nei manga un mezzo di comunicazione danno all’autrice nuova forza per andare avanti. E forse con la sua opera da anche al lettore coraggio di buttarsi e cercare quello che lo rende felice.

la mia prima volta my lesbian experience with loneliness

In tal senso La mia prima volta My lesbian experience with loneliness è una storia davvero toccante ed emozionante, coinvolgente e che non posso non consigliare proprio per la forza che esprime in maniera semplice ma efficace e che tocca le corde del nostro animo.

La mia prima volta My lesbian experience with loneliness di Kabi Nagata sarà disponibile dal 23 gennaio per J-POP Manga. E si spera che uscirà presto anche il seguito, My solo exhange diary dove l’autrice continua a raccontare le sue difficoltà nel vivere sola e relazionarsi con gli altri.

TI POTREBBERO INTERESSARE

LEGGI ANCHE

Dune di Denis Villeneuve – Recensione

Adattare sul grande schermo un romanzo di fantascienza come Dune di Frank Herbert non...

Deathloop: la nostra recensione dello sparatutto di Arkane

Arkane Studios ha avuto qualche titolo apprezzato dai giocatori e dalla critica durante la...

Star Wars: Visions, la recensione no spoiler della prima stagione

Star Wars: Visions è il nuovo prodotto d'animazione ambientato nella Galassia Lontana Lontana e in questa recensione no spoiler vedremo perché bisogna assolutamente guardare questo show!

ARGOMENTI CORRELATI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

CORRELATI

Batman: Death Metal 7 – riflessioni sulla conclusione dell’evento DC Comics

Non è mai facile parlare del finale di un evento come Batman: Death Metal. Una storia carica di avvenimenti significativi, ricchissima di personaggi e...

Death or Glory 1,2 – Recensione

Rick Remender è uno di quei nomi che fanno subito drizzare le orecchie a qualsiasi lettore di comics. Nel corso degli anni ha dato...

Dylan Dog 419: Albachiara + 420: Jenny – Recensione

Dopo avervi recensito il numero 418 di Dylan Dog, Sally, la trilogia dedicata a Vasco Rossi e alle donne più famose delle sue canzoni,...

Sex Education 3: la recensione (spoiler free) della serie Netflix

La terza stagione di Sex Education sarà disponibile su Netflix, con otto nuovi episodi, dal 17 Settembre. Guarda QUI il trailer di Sex Education 3 Sinossi È...
spot_img