apex legends non avrà wall running o titans

E’ passato solo un giorno e già lo conoscono tutti: Apex Legends è il nuovo Battle Royale Free to play di Respawn Entertainment che ha sbancato subito dopo la presentazione ufficiale facendo cinquecentomila utenti connessi su Twitch per vederlo e un milione di utenti nelle prime 8 ore dal lancio. Ma la domanda che chiunque, vedendo il logo di Respawn Entertainment, si chiede è: “Come mai in Apex Legends non ci sono gli elementi caratteristici del franchise Titanfall come i titans, il wall running ed il double jumping?”

Domande legittime in quanto oltre ad essere prodotto dalla stessa casa di sviluppo, Apex Legends è anche ambientato nell’universo di Titanfall.

Apex Legends ha avuto un successo immediato e clamoroso

In effetti i (pochi) detrattori si lamentano proprio dell’assenza di questi iconici elementi nel titolo appena sfornato.

A dare una risposta a questa domanda è Drew McCoy, Executive Producer di Apex Legends

Perchè non sono stati inseriti nel gioco i titans?

“Molte delle cose [di Titanfall] sono state portate in questo gioco volutamente. Ma il nostro fine è quello di creare un gioco imparabile, profondo in termini di strategie di cui il giocatore può impadronirsi. (…)

Quando abbiamo iniziato a creare il gioco, per essere onesti, c’erano il double jumping ed il wall running. C’è stato anche il triple jumping per un certo periodo. C’erano i Titans di ogni tipo e forma.

Noi non includiamo o escludiamo qualcosa a priori sul contenuto del gioco. (…) Ma durante il processo iterativo di creare una build prototipo e giocarla le features restano, se ne vanno o entrano in base a quanto riusciamo a raggiungere lo scopo prefisso.

Niente wall running o double jumping, per rendere il gioco “imparabile”

Cose come il wall running ed il  double jumping, in realtà danneggiano l’aspetto strategico del gioco e lo rendono meno ‘imparabile’. Ciò perché il giocatore può arrivare ovunque molto velocemente.

Quindi non può esistere il processo mentale del tipo: ‘ho visto qualcuno correre attorno a quell’edificio, quindi potrebbe essere in uno di questi due posti’. Con double jumping e wall running ciò è impossibile, e non impari niente per migliorare”.

McCoy fa riferimento a questa motivazione anche alla base della scelta delle squadre di tre giocatori.

Squadre con un numero più ampio di giocatori erano divertenti ma difficili da gestire mentalmente per il membro del team “Non sentivi di aver imparato qualcosa dopo la morte, sentivi semplicemente che era successo quello che era successo, e andavi oltre.”

Ecco altri articoli interessanti di Nerdpool:

Scrivi qui il tuo commento...