Al giro di boa del primo anno compiuto durante la kermesse lucchese, la Sergio Bonelli Editore annuncia le molte novità della linea “adulta”

Si potrebbe dire che all’ultima Lucca Comics & Games  l’etichetta Audace ha compiuto un anno di vita. Il primo annuncio sulla misteriosa, per allora, linea editoriale, infatti, era stato dato durante l’abituale keynote a Lucca 2017.

In quell’occasione, Michele Masiero (Direttore Editoriale) aveva spiegato che si sarebbe trattato di un “ombrello” sotto il quale dar vita a progetti con una caratterizzazione narrativa e grafica dal taglio più “adulto” rispetto alla bonellianità tradizionale. Nel corso del 2018, Audace ha presentato in edicola e libreria i suoi primi prodotti, a partire dagli apprezzatissimi libri dedicati a Senzanima e dall’interessante serie sul personaggio di Deadwood Dick creato da Joe R. Lansdale, che ha ormai esaurito, come programmato, la sua corsa in edicola e si prepara a ripresentarsi in libreria con altri due volumi cartonati.

Perché una delle particolarità di questa etichetta è proprio quella di cavalcare entrambi i canali distributivi: edicola e libreria.

Audace

È infatti in libreria e fumetteria che la saga di Senzanima si sta dipanando, per ora. Il terzo volume, Buio, è atteso sugli scaffali in primavera, per proseguire il racconto delle avventure del giovane Ian Aranill e della famigerata compagnia mercenaria conosciuta appunto come “i Senzanima”. Gli autori sono Luca Enoch per i testi, Alfio Buscaglia per i disegni e Andres Mossa per i colori, con la copertina firmata – come sempre – da Mario Alberti. Nel frattempo, i sei Cani Sciolti di Gianfranco Manfredi proseguono i loro viaggi in edicola. Un viaggio che li ha portati nell’assolata Costa Azzurra e che nei prossimi mesi li porterà anche dall’altra parte dell’Atlantico. Al contrario, il viaggio di Mister No Revolution si conclude come da programma a fine maggio. Nonostante sappiamo già che il suo peregrinare lo porterà infine in Amazzonia, il viaggio sarà comunque ricco di sorprese.

Le vere novità di Audace arrivano a partire dall’estate.
A giugno, torna in edicola “Darwin”, in autunno sarà invece il turno di “K-11” e “10 ottobre”

Audace

Le vere novità dell’etichetta Audace arrivano però a partire dall’estate. A giugno, infatti, torna in edicola Darwin, il personaggio di Luigi Piccatto incontrato per la prima volta nel #7 della collana Romanzi a fumetti. Otto albi scritti da Michele Masiero e disegnati da Piccatto, ancora una volta con la collaborazione di Renato Riccio e Matteo Santaniello. Questi albi proseguono la storia raccontata nel giugno del 2012 esplorando il mondo post-apocalittico immaginato dal disegnatore torinese.

In autunno sarà invece il turno di K-11, la creatura di Matteo Casali che la Sergio Bonelli Editore ha annunciato al keynote di Lucca 2018 e di cui noi vi abbiamo parlato qui.
K-11 propone un’ambientazione un po’ diversa dalle abitudini dei nostri lettori, sfruttando un genere narrativo inedito per l’editore milanese. Partendo dalla battaglia di Stalingrado, la serie – il cui primo numero si avvale dei disegni di Davide Gianfelice – racconta una vicenda (distopica?) umana che si sviluppa a cavallo della Cortina di Ferro e che non potrà lasciare indifferenti i lettori.

Audace

Quella di 10 ottobre è, al contrario, una storia intimista e segnata da una forte vena di malinconia, scritta da Paola Barbato e disegnata dal bravissimo Mattia Surroz, che fa con questo titolo il suo esordio bonelliano. Una storia di cui non vogliamo però dirvi ancora nulla, lasciando che a parlare siano i disegni di Surroz e i dialoghi della Barbato.
In questo fiorire di titoli non vorremmo certo dimenticarci la nuova serie dedicata allo Sconosciuto di Magnus, che uscirà anch’essa nel corso dell’autunno, supponiamo a ridosso dell’edizione 2019 di Lucca Comics&Games.

Audace

E poi arriverà Il Confine (o meglio: tornerà, dopo il portfolio all-star presentato a Lucca 2018).

Come e dove apparirà il misterioso progetto ideato da Mauro Uzzeo e Giovanni Masi? Impossibile avere una risposta a questa domanda, ma se il 2018 ci ha insegnato qualcosa è che la SBE diffonderà un po’ di tracce nei prossimi mesi che porteranno le aspettative a mille per poi dirci il minimo indispensabile al keynote del Teatro del Giglio.

Leggi anche: