Lenovo

Al giro di boa del primo anno compiuto durante la kermesse lucchese, la Sergio Bonelli Editore annuncia le molte novità della linea “adulta”

Si potrebbe dire che all’ultima Lucca Comics & Games  l’etichetta Audace ha compiuto un anno di vita. Il primo annuncio sulla misteriosa, per allora, linea editoriale, infatti, era stato dato durante l’abituale keynote a Lucca 2017.

In quell’occasione, Michele Masiero (Direttore Editoriale) aveva spiegato che si sarebbe trattato di un “ombrello” sotto il quale dar vita a progetti con una caratterizzazione narrativa e grafica dal taglio più “adulto” rispetto alla bonellianità tradizionale. Nel corso del 2018, Audace ha presentato in edicola e libreria i suoi primi prodotti, a partire dagli apprezzatissimi libri dedicati a Senzanima e dall’interessante serie sul personaggio di Deadwood Dick creato da Joe R. Lansdale, che ha ormai esaurito, come programmato, la sua corsa in edicola e si prepara a ripresentarsi in libreria con altri due volumi cartonati.

Perché una delle particolarità di questa etichetta è proprio quella di cavalcare entrambi i canali distributivi: edicola e libreria.

Audace

È infatti in libreria e fumetteria che la saga di Senzanima si sta dipanando, per ora. Il terzo volume, Buio, è atteso sugli scaffali in primavera, per proseguire il racconto delle avventure del giovane Ian Aranill e della famigerata compagnia mercenaria conosciuta appunto come “i Senzanima”. Gli autori sono Luca Enoch per i testi, Alfio Buscaglia per i disegni e Andres Mossa per i colori, con la copertina firmata – come sempre – da Mario Alberti. Nel frattempo, i sei Cani Sciolti di Gianfranco Manfredi proseguono i loro viaggi in edicola. Un viaggio che li ha portati nell’assolata Costa Azzurra e che nei prossimi mesi li porterà anche dall’altra parte dell’Atlantico. Al contrario, il viaggio di Mister No Revolution si conclude come da programma a fine maggio. Nonostante sappiamo già che il suo peregrinare lo porterà infine in Amazzonia, il viaggio sarà comunque ricco di sorprese.

Le vere novità di Audace arrivano a partire dall’estate.
A giugno, torna in edicola “Darwin”, in autunno sarà invece il turno di “K-11” e “10 ottobre”

Audace

Le vere novità dell’etichetta Audace arrivano però a partire dall’estate. A giugno, infatti, torna in edicola Darwin, il personaggio di Luigi Piccatto incontrato per la prima volta nel #7 della collana Romanzi a fumetti. Otto albi scritti da Michele Masiero e disegnati da Piccatto, ancora una volta con la collaborazione di Renato Riccio e Matteo Santaniello. Questi albi proseguono la storia raccontata nel giugno del 2012 esplorando il mondo post-apocalittico immaginato dal disegnatore torinese.

In autunno sarà invece il turno di K-11, la creatura di Matteo Casali che la Sergio Bonelli Editore ha annunciato al keynote di Lucca 2018 e di cui noi vi abbiamo parlato qui.
K-11 propone un’ambientazione un po’ diversa dalle abitudini dei nostri lettori, sfruttando un genere narrativo inedito per l’editore milanese. Partendo dalla battaglia di Stalingrado, la serie – il cui primo numero si avvale dei disegni di Davide Gianfelice – racconta una vicenda (distopica?) umana che si sviluppa a cavallo della Cortina di Ferro e che non potrà lasciare indifferenti i lettori.

Audace

Quella di 10 ottobre è, al contrario, una storia intimista e segnata da una forte vena di malinconia, scritta da Paola Barbato e disegnata dal bravissimo Mattia Surroz, che fa con questo titolo il suo esordio bonelliano. Una storia di cui non vogliamo però dirvi ancora nulla, lasciando che a parlare siano i disegni di Surroz e i dialoghi della Barbato.
In questo fiorire di titoli non vorremmo certo dimenticarci la nuova serie dedicata allo Sconosciuto di Magnus, che uscirà anch’essa nel corso dell’autunno, supponiamo a ridosso dell’edizione 2019 di Lucca Comics&Games.

Audace

E poi arriverà Il Confine (o meglio: tornerà, dopo il portfolio all-star presentato a Lucca 2018).

Come e dove apparirà il misterioso progetto ideato da Mauro Uzzeo e Giovanni Masi? Impossibile avere una risposta a questa domanda, ma se il 2018 ci ha insegnato qualcosa è che la SBE diffonderà un po’ di tracce nei prossimi mesi che porteranno le aspettative a mille per poi dirci il minimo indispensabile al keynote del Teatro del Giglio.

Leggi anche: