Dopo i festeggiamenti per il record crescente di utenti singoli, Apex  Legends rischia di rovinare il gran lavoro a causa di un bug

Siamo nel pieno del primo evento ufficiale di Apex Legends, evento a tema San Valentino. Un evento che vede crescere giorno dopo giorno gli account unici, arrivati a 25 milioni. Un continuo che affossa in parte il rivale diretto, Fortnite.

Con questo bonus per ridar vita ad un compagno di team “morto”, Apex Legends e il team di Respawn ce la sta mettendo tutta per invogliare i player mondiali ad imbarcarsi in questa avventura Battle Royale.
Ma ecco le prime serie dolenti note.

Tutto sul primo grande bug di Apex Legends

Il gioco, pur essendo partito alla grande dal giorno del suo esordio, ha ancora diversi bug e glitch che stanno danneggiando la qualità del gameplay.

Uno di questi bug che è stato recentemente portato alla luce consente ai giocatori di usare la propria arma dopo essere stati abbattuti, il che è chiaramente contrario al modo in cui il gioco dovrebbe funzionare. Normalmente, i giocatori che vengono sconfitti in Apex Legends possono solo provare a difendersi con uno Scudo Knockdown e, nel raro caso in cui possano avere una versione in oro dell’oggetto, possono persino iniziare a rianimarsi.
Tuttavia, una cosa che non possono fare è usare un’arma per sparare contro i giocatori nemici, che è esattamente ciò che questo bug sta permettendo ai giocatori abbattuti di fare.

Un’altalena fra record e problemi tecnici

Gli sviluppatori Respawn, che hanno scelto una via ben più breve di test prima del lancio ufficiale, ora stanno pagando in parte questa strategia. Pur riscuotendo tanto nelle prime settimane dall’uscita, stabilendo il record di 25 milioni di account in una settimana, si vedono costretti a far fronte a glitch e bug che stanno rovinando il gioco. Sono tutti problemi comuni a tutti i giochi on line, ma certo è che il team creativo Respawn dovrà darsi da fare per non rovinare quanto di buono Apex Legends abbia già fatto.

Per il momento è tutto. Stay Tuned su NerdPool per tutti gli aggiornamenti.

Scrivi qui il tuo commento...