Cross-Play o non Cross Play? Questo è il dilemma che Sony si pone da un bel po’ di tempo a questa parte. In particolare, dopo aver ricevuto le critiche da alcuni esponenti del mondo dei videogames, la società nipponica non sembra comunque intenzionata ad investire su questa funzionalità. O almeno, questo è quello che sembra aver deciso per la PS4. D’altra parte, alcuni sviluppatori sono favorevoli a questa strategia, sotto l’aspetto di business.

In particolare, Dave Bars, fondatore dei BARS Studios, ha rilasciato una dichiarazione a Gaming Bolt dove spiega alcune sue riflessioni in merito al Cross-Play:

“Ci sono diverse motivazioni per le quali si sceglie una console, ad esempio le esclusive oppure la simpatia verso il brand stesso. Ma la motivazione principale che spinge una persona a comprare una console è una sola: ‘i miei amici hanno la console xy‘. Se compri un’altra console, stai decidendo di non poter giocare con loro. Per quanto per i videogiocatori questo sia visto come un limite, non lo è per la Sony, o almeno fintanto che sarà leader in questo settore. ‘Compro la PlayStation perché ce l’hanno i miei amici’ è una motivazione che incide tantissimo sulle vendite. Questo ragionamento non è corretto visto dal lato degli utenti, perché ognuno deve essere libero di scegliere la sua console preferita. Ma visto sotto l’aspetto del business è più che comprensibile.”

Sfortunatamente per i gamers, il discorso sul Cross-Play fatto da Bars sembra essere piuttosto logico. A volte dimentichiamo che le varie aziende (Sony ma ugualmente Microsoft, Nintendo e tutte le altre) puntano ad avere il maggior ricavo possibile. Il Cross-Play avvantaggerebbe sicuramente i competitors e non Sony che, al momento, è leader nel settore per numero di console vendute.

E voi, che ne pensate del ragionamento fatto da Bars sul Cross-Play? Fatecelo sapere nei commenti e seguiteci su NerdPool.it!

Scrivi qui il tuo commento...