Sony e Microsoft finalmente insieme: inizia la partnership

Una (finora) incredibile stretta di mano tra i due storici "rivali"

Sony e microsoft partnership

E’ la notizia che ha chiuso la giornata di ieri: Sony e Microsoft avviano una storica partnership di sviluppo e programmazione concentrata sul cloud gaming.

Il sodalizio tra i due colossi, capitanati da Kenichiro Yoshida e Satya Nadella (i CEO di Sony e Microsoft), ha un obiettivo maximo: lo sviluppo e la costruzione del futuro del gaming. Il tutto promette di evolversi tramite cloud e quindi grazie allo streaming.

La condivisione delle rispettive competenze (e tecnologie) sboccia naturalmente per contrastare un altro colosso, che rischiava di mettere a repentaglio il dominio delle due major. Google Stadia, la piattaforma della Grande G, è infatti la prima in assoluto ad essere pensata interamente per il cloud gaming.

Ecco il motivo per cui la “preoccupazione” di Sony e Microsoft è venuta allo scoperto.

Le due multinazionali stringono un’alleanza e si concentrano nello sviluppo di soluzioni cloud sulla piattaforma Microsoft Azure, grazie alla quale sarà possibile fornire servizi di Entertainment e di gaming avanzati. D’altra parte, Microsoft potrà godere di supporto tecnologico e di marketing nei paesi dove Sony fa da padrona.

A questo punto, il “cross-platform” è veramente ad un passo, perché nel momento in cui i servizi online saranno condivisi, riusciremo finalmente a coronare il sogno di giocare con tutto il mondo (o quasi), a prescindere dalla piattaforma fisica posseduta.

Ultimo, ma non in ordine di importanza, sarà anche l’accesso alla tecnologia di Azure AI, lo sviluppo tecnologico dell’intelligenza artificiale iniziato da Microsoft, ma che verrà proseguito anche con l’aiuto di Sony.

Le due maggiori potenze dell’intrattenimento si sono finalmente unite. Ci aspettano degli anni, ne siamo certi, meravigliosi.

La stretta di mano storica tra i CEO di Sony e Microsoft.

Continuate a seguirci su NerdPool.it, per non perdere una virgola che si sposta sui server Azure o nelle sinapsi delle intelligenze artificiali.

Scrivi qui il tuo commento...