Team Sonic Racing

Siete pronti a scendere in pista con il vostro team? Bene, perché abbiamo provato per voi Team Sonic Racing su Nintendo Switch. Ecco la nostra recensione dove vi spieghiamo cosa ne pensiamo dell’ultima avventura del riccio blu.

La Storia

Sonic ed i suoi amici vengono contattati da un alieno chiamato Dodon Pa che li invita a provare delle auto da cosa super tecnologiche da lui create. Nonostante lo scetticismo generale, Sonic si fa avanti ed accetta l’invito, per poi essere seguito anche dai suoi amici. Tuttavia, i sospetti che Dodon Pa collabori con l’acerrimo rivale di Sonic, il Dr. Eggman, aumentano sempre di più. Riusciranno i nostri eroi a scoprire la verità? Dovrete gareggiare fino all’ultimo centimetro per scoprirlo!

Team Sonic Racing 01

Go, Team Sonic, Go!

Partiamo subito dalla cosa che ci è piaciuta di più, ovvero l’idea di una corsa a squadre. Infatti, in Team Sonic Racing non importa solo vincere singolarmente, ma è fondamentale che tutti i componenti della squadra si piazzino in ottime posizioni. Per decretare la vittoria di una squadra vengono sommati i punti ottenuti da ciascun componente della stessa. I punti assegnati dipendono dal piazzamento finale della corsa.

Tenendo sempre questo concetto a mente, abbiamo un po’ di modalità con le quali sbizzarrirci: ad esempio il GP (mini-torneo da quattro gare) o anche una gara stile “Last Man standing”, dove ad ogni giro l’ultimo in classifica viene eliminato dalla gara. Esistono anche gare atipiche dove il vostro obiettivo sarà quello di passare più velocemente e vicino possibile a dei pali senza toccarli, magari in derapata per avere un moltiplicatore punti maggiore. 

Oltre ciò, l’idea di poter condividere i potenziamenti e le armi in gara con i propri compagni di squadra è sicuramente un plus gradevole. Per dire: se si è in testa durante una corsa, piuttosto che utilizzare l’arma Razzo all’indietro un po’ alla cieca, può essere utile passarlo ad un compagno nelle retrovie per fargli guadagnare posizioni. Come già detto, infatti, in Team Sonic Racing arrivare primi è del tutto inutile se i tuoi compagni arrivano in fondo alla classifica, perciò è meglio dare una mano se si può. Ovviamente vale il ragionamento inverso, quindi anche loro potranno (e dovranno) aiutarvi.
A condire il tutto, i 3 livelli diversi di difficoltà che vi metteranno alla prova per alcune ore.

La grafica durante la gara – animazioni incluse – è di livello più che discreto, anche se la fisica degli urti è rivedibile. Per quanto riguarda il comparto sonoro, giocando a Team Sonic Racing ascolteremo una buona varietà di tracce, tutte tendenti al rock o all’elettronico. Il modo giusto per gasarvi un po’ durante le corse.

Team Sonic Racing 02

Belli, veloci e tosti anche online!

Non poteva mancare la parte online. In Team Sonic Racing sarà infatti possibile gareggiare contro piloti di tutto il mondo. Vincendo, ma anche ottenendo ottimi piazzamenti, scalerete la classifica mondiale.
Altro concetto interessante è sicuramente la personalizzazione delle auto dei personaggi. Infatti, le auto sono modificabili sia sotto l’aspetto delle performance sia sotto quello estetico. Essere veloci è importante, ma anche essere tirati a lucido con la propria vettura fa la sua figura.

Per concludere, il numero di piloti. Ne avremo a disposizione ben 15, tutti con caratteristiche diverse, ma suddivisi in 3 macro categorie. Ci saranno i piloti di tipo Velocità (ad esempio Sonic) che faranno del turbo il loro migliore amico. Vi piacciono le derapate e le accelerazioni in uscita di curva? Allora il tipo Tecnica (come Tails) fa al caso vostro. Se invece non vi importa dello stile di guida ma preferite giocare in stile autoscontro, il tipo Resistenza, di cui Knuckles è un pioniere, sarà sicuramente quello che fa per voi.

Team Sonic Racing 03

Team Sonic: bene, ma non benissimo

Non è tutto oro ciò che luccica. Infatti, anche Team Sonic Racing ha delle notevoli pecche. La prima è sicuramente il modo con il quale vengono spiegati i comandi di gioco. Eccetto per il modo con il quale possiamo dare un potenziamento ad un compagno di squadra, non esiste nessun tutorial iniziale che ci farà capire come derapare, accelerare, usare il Super Turbo o altro. Sia chiaro, dopo un paio di gare si inizia a capire facilmente come giocare, però generalmente ci aspettavamo un minimo di spiegazione all’inizio, almeno per derapare!

Altra pecca alla quale nemmeno Team Sonic Racing è riuscito a sfuggire: il porting su Switch. Ci sembra un po’ strano che la funzionalità del touch screen messa a disposizione dalla console non venga mai presa in considerazione, nemmeno per le selezioni all’interno dei menù. Team Sonic Racing non è l’unico gioco che soffre di questa pecca, ma questo non giustifica nessuno.

Infine, mettiamoci la modalità Avventura, cioè la storia vera e propria. Ovviamente sappiamo che questo gioco è incentrato sulle corse online, ma la storyline è davvero scarna. Oltretutto, non ci sono video veri e propri, ma “cartonati” dei personaggi con sfondo fisso che vengono mostrati con la nuvoletta contenente le frasi da dire, stile Graphic Novel. Buone comunque le voci italiane che riescono a dare un po’ di enfasi a tutta questa staticità che ci ha un po’ spiazzato. Staticità in un gioco di Sonic, poi.

Recensione TSR

E voi cosa ne pensate di Team Sonic Racing? Fatecelo sapere nei commenti e seguiteci su NerdPool.it!

Scrivi qui il tuo commento...