IN EVIDENZA

Jessica Jones 3: “È tempo di dire addio” – recensione

Jessica Jones 3
5
Dopo una terribile seconda stagione, speravamo che la terza stagione di Jessica Jones ci avrebbe risollevato il morale, come quella di Daredevil. È una stagione che non ha una fine, nè la trama principale nè le sottotrame presenti, come se nello scriverla avessero pensato ad una quarta stagione. Ma sappiamo che, purtroppo, questo non succederà. E con il cuore in gola diciamo addio a Jessica Jones.

Jessica Jones 3, la serie con protagonista Krysten Ritter, è disponibile su Netflix dal 14 Giugno 2019. Con questa stagione si chiude la collaborazione Marvel/Netflix e tutto il ciclo dei Defenders, composti da: Daredevil, Jessica Jones, Iron Fist e Luke Cage.

Jessica Jones 3 – Il trailer

Sinossi

La terza stagione si apre su una Jessica Jones (Kristen Ritter) che combatte contro la sua nuova posizione di “eroina” e sul successo che la Alias Investigation ha riportato dopo i fatti accaduti nella seconda stagione.
Dopo l’omicidio della madre, Jessica non parla più con Trish (Rachael Taylor), che nel frattempo ha sviluppato i poteri e ha deciso di combattere il crimine come una vigilante mascherata. Le sue azioni però scateneranno una serie di eventi catastrofici che coinvolgeranno tutti i personaggi della serie e a cui si aggiunge uno spietato Serial Killer che prende di mira Jessica. Per sconfiggerlo dovrà allearsi con le sua vecchia amica e troverà un nuovo alleato che ha la capacità di vedere il male nelle persone.

Jessica Jones 3 - Netflix - krysten ritter

Personaggi da “Telenovela”

Cominciamo parlando dei personaggi presenti in Jessica Jones 3. Le sottotrame dei vari protagonisti sembrano usciti dritti dritti da una Telenovela.
Partendo dalla storia di Jeri Hogart (Carrie-Ann Moss), che rimasta sola a combattere contro la sua malattia, sprofonda sempre di più nel vortice oscuro della sua anima e si butta in una “relazione” che al fine della serie non trova un nesso con tutto il resto.

jessica jones 3 Netflix - Jeri Hogart (Carrie-Ann Moss)

Malcom Ducasse (Eka Darville) invece, si rende conto di essere passato “al lato oscuro” lavorando per Jeri e tenta la strada della redenzione. Riuscirà a sconvolgere la sua vita e la sua relazione (riecco la telenovela), ma non capiremo dove questa strada lo porterà.

Jessica Jones 3 - Malcolm

Passiamo ora al villain, Gregory Salinger (Jeremy Bobb), nonostante un ottima interpretazione del serial killer psicopatico (nei fumetti:l’insanicida), non riesce comunque a far decollare questa terza stagione in quanto le sue motivazione restano completamente sconosciute al pubblico e verranno rivelate solo alla fine. Vero che Salinger cerca di ridare alle puntate quella stessa sensazione di angoscia opprimente che avevamo provato inzialmente con Kilgrave, in quanto il serial killer è molto intelligente ed in grado di anticipare tutte le mosse di Jessica. Ma non è Kilgrave, non è David Tennant. E diciamocelo, ci manca fin dalla seconda stagione, moltissimo.

Gregory Salinger (Jeremy Bobb)

Qual’è la storia?

La vera storia di questa terza stagione, non è quella di Jessica (interpretata da una sempre più brava Krysten Ritter) e neanche quella di Salinger, ma il rapporto tra Jessica e Trish che si manifesta dalla prima all’ultima puntata e forse anche l’unico coerente dall’inizio alla fine.
Anche se devo ammettere che il personaggio di Trish Walker non mi ha entusiasmato. Anzi, non mi è piaciuto per niente. Mi sono chiesta per tutto il tempo quali fossero questi poteri, Trish non è super forte, non è immortale, non guarisce in fretta. Trish salta sui muri e ci vede al buio. Ok. Dopo un intenso allenamento decide poi di farsi giustizia da sola, di diventare l’eroina di cui tutti (chi?) hanno bisogno, finendo per combinare più guai che altro. Trish è una ragazza con molti complessi, poca autostima e un forte senso di inferiorità.


La nota positiva è, appunto, il rapporto tra le due ragazze. Al principio Jessica non ne vuole sapere niente della sorella, sopratutto dopo che quest’ultima le ha ucciso la madre appena ritrovata. Ma sarà costretta ad allearsi con lei per combattere Salinger, il rapporto tra le due affronterà alti e bassi e costringerà Jessica a prendere decisioni che la faranno soffrire molto, e nonostante questo non ha una fine. Avremmo avbuto bisogno di una quarta stagione per approfondire tutto, eppure siamo costretti, con il cuore in gola a fermarci qui.

Jessica e Trish (krysten ritter e Rachael Taylor)

Speriamo che Disney possa rilanciare la saga dei Defenders, dopo Netflix, sulla sua nuova piattaforma. Perchè le ultime due stagioni di Jessica Jones, sono state un disastro, ma ci mancherà la nostra eroina preferita e anche la splendida Krysten Ritter.

Ricordo che le 3 stagioni di Jessica Jones sono disponibili su Netflix.

E voi avete visto Jessica Jones 3?
Cosa ne pensate?
Fatecelo sapere nei commenti 🙂

Leggi anche: Jessica Jones 3: ecco gli Easter Eggs su Hellcat e Captain Marvel

Se vuoi restare sempre aggiornato sul mondo delle Serie Tvclicca qui

Jessica Jones 3
5
Dopo una terribile seconda stagione, speravamo che la terza stagione di Jessica Jones ci avrebbe risollevato il morale, come quella di Daredevil. È una stagione che non ha una fine, nè la trama principale nè le sottotrame presenti, come se nello scriverla avessero pensato ad una quarta stagione. Ma sappiamo che, purtroppo, questo non succederà. E con il cuore in gola diciamo addio a Jessica Jones.

Scrivi qui il tuo commento...