IN EVIDENZA

Child’s Play: Mark Hamill difende il reboot

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,449FansMi piace
1,560FollowerSegui
193FollowerSegui

L'attore che presta la voce alla bambola assassina giustifica l'esistenza di questo nuovo reboot.

Mark Hamill, la voce di Chucky nel reboot di Child’s Play, ha spiegato le differenze tra il film originale e il remake, giustificando l’esistenza del nuovo film.
Rilasciato nel 1988, il primo Child’s Play fu scritto da Don Mancini e divenne un
cult dell’horror, con il personaggio della bambola Chucky in particolare che si guadagnò un posto nella storia dei film horror come uno dei più spaventosi villain.

Seguiranno numerosi sequel, continuando fino al 2017 con Il Culto di Chucky.
In generale, tuttavia, i sequel di Child’s Play sono stati rilasciati a rendimenti
sempre più bassi e il riavvio del franchise è stato ufficialmente annunciato a
luglio 2018.

Chucky la bambola assassina - film horror - Mark Hamill

In una recente conferenza stampa di Child’s Play, Mark Hamill ha affrontato la questione del perché al franchise si sia aggiunto questo reboot e perché la sua interpretazione di Chucky si differenzi dalla classica incarnazione.

Le dichiarazioni di Hamill:

Advertising

Mi hanno mandato la sceneggiatura e ho pensato che l’elemento cruciale fosse molto diverso dall’originale, che mi piaceva, sono un grande fan dell’interpretazione di
Brad Dourif.
Ma in questo, Chucky ha un’origine diversa, al suo interno non vi non è l’anima di un serial killer, semplicemente qualcuno deliberatamente entra e altera il suo sistema operativo e toglie le misure di sicurezza.
Quindi era davvero come un bambino innocente, che impara da quello che succede intorno lui.
Era cruciale, inoltre, l’età del ragazzo che nell’originale ha 5 o 6 anni.
Qui Gabriel (Bateman) interpreta un personaggio che è un giovane adolescente e questa era una differenza fondamentale.

Child's Play - Mark Hamill

I commenti di Mark Hamill arrivano sulla scia di un diluvio di reinterpretazioni moderne dei film horror degli anni ’80.
L’ultimo decennio ha visto ricostruzioni di Venerdì 13, A Nightmare on Elm Street,
Poltergeist e Evil Dead, solo per citarne alcuni, e per ogni reboot che trova
il perfetto equilibrio tra originalità e rispetto per il materiale di partenza, innumerevoli altri non riescono ad essere all’altezza dei loro predecessori.
Con Hollywood che attualmente sta affrontando accuse di mancanza di idee e
si affida troppo a sequel e remake, è forse facile capire perché le persone coinvolte sentano il bisogno di giustificare quello che potrebbe sembrare l’ultimo di una lunga serie di vecchi film riproposti sul grande schermo.

Una serie tv di Child’s Play

Oltre ad Hamill, il reboot di Child’s Play vede nel cast Aubrey Plaza, Gabriel Bateman e Bryan Tyree Henry ed è diretto dal norvegese Lars Klevberg, nel suo progetto di lungometraggi di più alto profilo.
Le prime reazioni al reboot di Child’s Play sono state un po ‘contrastanti, anche se più positive dell’altra produzione recente del franchise, e ci sono già suggerimenti di un possibile sequel, se il reboot dovesse andare bene al botteghino.
Oltre al nuovo film, Mancini sta anche sviluppando una serie TV basata sul personaggio di Chucky, che sarà completamente diversa dal film con Mark Hamill e da ogni possibile sequel generato.

Child’s Play è al cinema già dal 19 Luglio!
Voi lo avete visto?
Cosa ne pensate?
Lasciate un commento qua sotto per dire la vostra e continuate a seguirci su NerdPool per rimanere sempre aggiornati!

Advertising

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,449FansMi piace
1,560FollowerSegui
193FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...