In una notte buia e silenziosa, un lupo ulula e un castello ululì (cit.). Scherzi e citazioni a parte, in questo unboxing parleremo davvero di un castello, quello di “Escape the Dark Castle“. Grazie a Ghenos Games che distribuisce questo titolo tradotto in lingua italiana, verremo catapuntati in “un gioco d’avventura ricco di atmosfera”, come recita la scatola, firmato Themeborne.

Ma non soffermiamoci troppo sull’ambientazione e il gameplay di questo titolo, del quale parleremo ampiamente nella nostra recensione, ma apriamo subito la scatola assieme per sbirciare cosa si nasconde sotto il coperchio bianco e nero.

Escape the Dark Castle edizione italiana

Componenti

Elenchiamo prima i pezzi che vanno a comporre questo gioco, si tratta di carte e dadi che ci permetteranno di vivere la nostra avventura come se sfogliassimo le pagine di un libro-game.

  • 45 carte Capitolo
  • 6 carte Personaggio
  • 9 dadi Capitolo
  • 6 dadi Personaggio
  • 1 carta di Partenza
  • 5 carte Boss
  • 1 Segnapunti
  • 4 Matite
  • 1 Regolamento

Le dimensioni della scatola sono 26 × 25 × 5,2 cm. È leggermente sovradimensionata ma almeno ha una grandezza che ci permetterà di affiancarla ad altri giochi. Se anche voi, come me, avete la mania di mettere le scatole in verticale non dovrete impazzire per delle dimensioni balorde che mal si adattano allo spazio che riserverete al gioco.

Una prima occhiata

Aprendo la scatola troveremo, come di consueto, il Regolamento. Composto da 11 pagine, il libretto è di dimensioni contenute con lo svolgimento del gioco ben spiegato.

Si passa poi al contenuto vero e proprio, posto ordinatamente nel divisore di plastica sagomata. Al suo interno vi sono posti un mazzo di carte Oggetto, i dadi, 57 carte di grande formato e le matite.

Le carte Oggetto

Le carte Oggetto sono 35: 2 armatura, 4 arma, 4 reliquia, 10 cibo e 15 pozione. Ci sono inoltre 4 carte esplicative che ci ricordano il significato dei simboli di gioco da un lato, e le regole base dall’altro. Il formato è piccolo, 74 × 50 mm, ma se volete ricorrere alle bustine protettive fortunatamente potrete trovarne di adatte in commercio (qui un esempio). Purtroppo non ho potuto verificare se, una volta imbustate, le carte stiano ugualmente all’interno del loro spazio dedicato.

Dadi Capitolo e Personaggio

Più in basso rispetto alle carte troviamo 15 dadi, 9 neri (dadi Capitolo) e 6 bianchi (dadi Personaggio). Sono un po’ più grandi e pesanti dei dadi standard ma ben realizzati e incisi. I nomi dei personaggi sui dadi sono in inglese, così come sulle carte, ma non sappiamo se è una mancata traduzione o semplicemente una scelta logica. Ciò comunque non influisce sulla comprensione del gioco.

Carte Capitolo, Personaggio e Boss

Passando al lato sinistro della scatola abbiamo le 57 carte di grande formato. Si dividono in una carta di Partenza, ovvero quella che vedrete subito nel pacchetto ancora sigillato, seguito da 45 carte Capitolo dal retro nero, da 6 carte Personaggio anch’esse con il retro nero, e infine le 5 carte Boss con retro descrittivo.

Se amate l’arte incisoria a cavallo tra medioevo e rinascimento, le illustrazioni di queste carte si ispirano proprio a quei due stili, mescolandoli però con una sana dose di fantasy. Le carte Capitolo creano una bella atmosfera, sia a livello illustrativo che narrativo.

Segnapunti e matite

Sollevando le carte sopracitate, troveremo infine il Segnapunti, da usare con le matite in dotazione, due cose che i veri collezionisti non useranno mai per non rovinare il packaging.

Per questo Unboxing è tutto, vi invitiamo a leggere la nostra recensione di prossima pubblicazione per scoprire di più su Escape the Dark Castle.

Scrivi qui il tuo commento...