Come vi abbiamo anticipato la scorsa settimana, siamo stati alla mostra di Batman: 80 Years of Technology. Oggi vi porteremo alla scoperta di alcuni fumetti che potrete vedere al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.

batman

All’interno della mostra dedicata agli 80 anni di Batman, ci sarà modo di vedere anche alcuni fumetti storici, legati alla tecnologia che ha accompagnato Batman nella sua missione. Il più vecchio è Batman #10 del 1942, scritto da Joseph Greene e disegnato da Bob Kane. Nella storia intitolata “The Isle That Time ForgotBruce Wayne regala a Dick Grayson un piccolo Batplane, con cui i due si avventureranno nei cieli di Gotham City, finendo però inghiottiti improvvisamente su un’isola piena di dinosauri.

Altra storia che abbina tecnologia e fumetti è senza dubbio Batman #37, dove nella copertina di Jerry Robinson e George Roussos potrete vedere un’aereo e una macchina progettata dal Joker.

All’interno di questo fumetto, Joker dice:

Solo una persona mi ostacola: il Batman! Mi ha battuto costantemente, grazie a Batmobile, Batplane, Bat Symbol e altri dispositivi rivoluzionari … Ma non di più! Le stesse armi che ha usato contro di me, posso rivoltarle contro di lui, con miglioramenti che solo il mio genio potrebbe escogitare!

batman 80 years of technology

Detective Comics

Se andrete alla ricerca di informazioni, troverete dei riferimenti molto interessanti legati alla tecnologia e Batman. Il Cavaliere Oscuro è da sempre uno degli eroi che usa più gadget per combattere il crimine. La sua Bat-cintura esordì nel n.29 di Detective Comics, equipaggiata di gas lacrimogeno e soporifero e dei bat-guanti per scalare le pareti dei palazzi.

Sul numero N.31 del settembre del 1939, debutta il il Baterang, primo veicolo volante del Batman. Inizialmente il Cavalier Oscuro faceva uso di pistole, ma nel 1940 con l’arrivo di Robin sul n.38, vengono dismesse per lasciare spazio a storie con un tono più leggero.

batman 80 years of technology

Batman

Nel 1940 DC lancia la testata Batman, scelta inevitabile dopo il grande successo di Detective Comics. Sul primo numero di giugno esordiscono personaggi come Joker e Catwoman, ma tecnologicamente parlando è il costume di Batman che cambia. L’uomo pipistrello indossa per la prima volta una tuta con materiale antiproiettile. Sul n.5 e su Detective Comics #48 arriva uno degli elementi più iconici della storia del pistrello di Gotham, la Batmobile. L’auto di Batman è destinata a cambiare nel corso degli anni, con versioni proposte anche nei film e ricondotte successivamente al fumetto. Ad accumunarle però, c’è sempre la componente tecnologica, con armamentario e gadget interni che gli consentono di individuare i criminali.

Bat-segnale

Il Bat-segnale, una delle tecnologie più famose, debutta invece su Detective Comics n.60 del 1942. La Bat-Caverna viene ampliata nel 1948 sul n.47 di Batman, dove tutti i suoi gadget e veicoli vengono mostrati all’interno della grotta.

Nel corso degli anni la tecnologia nei fumetti di Batman e Detective Comics ha raggiunto vette inimmagginabili, alimentate anche dai film della Warner Bros. e dai videogiochi. All’interno della mostra avrete la possibilità di scoprirne la storia attraverso questi fumetti esposti e alle descrizioni dell’evoluzioni tecnologiche del mondo di Batman. Quindi, dalle armature tecnologiche e i gadget, fino ai compagni della Bat-family che ne usufruiscono, al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano tutto vi sarà più chiaro dopo aver visitato la mostra dedicata a Batman.

Vi ricordiamo che l’ingresso all’exhibition è compreso nel biglietto del Museo (intero 10 euro, ridotto 7,50). Orari: da martedì a venerdì 10-18 | sabato e festivi 10-19

Cosa state aspettando? Andate a conoscere elementi fondamentali della storia di Batman!

Scrivi qui il tuo commento...