Death Stranding: il video del SDCC su Heartman è disponibile!

Già reso pubblico sul canale YouTube PlayStation Ufficiale

Death Stranding Heartman

Death Stranding continua a scoprirsi, man mano che la data d’uscita (8 novembre 2019, siamo già in ansia) si avvicina. Qualche giorno fa, vi avevamo raccontato delle novità venute fuori dal San Diego Comic-Con, incluso il video su Heartman, che hanno destato in noi una folle curiosità. Proprio alcune ore fa, il canale ufficiale YouTube di PlayStation ha pubblicato il video integrale, quello visto dai pochi eletti al Comic-Con.

Ecco a voi, Heartman ed il suo defibrillatore portatile…

Heartman, dopo un breve countdown, si ridesta nel suo lettino. Riprende coscienza del mondo reale, si gira verso una clessidra (!), la ribalta, ed il conteggio riparte: 21 minuti, e via così, prima di morire ancora una volta. Il dialogo con Sam Bridges è molto intenso, si capisce che sostanzialmente è una delle prime volte – probabilmente la prima – che si incontrano. Toccanti i momenti in cui Heartman descrive la sua “vita“, se così può chiamarsi, appeso ad un limbo di morte e rinascita, affrontato con un unico scopo: ritrovare la propria famiglia.

Le novità nel dettaglio

Le novità che si evincono vedendo il filmato di persona, sono svariate.
– Heartman sembra, appunto, incontrare per la prima (o seconda) volta Sam.
– Heartman effettua la scelta di usare una clessidra, appena si sveglia dal “coma“, per misurare il tempo che gli rimane prima di morire nuovamente. Scelta curiosa, considerando che vive immerso in una tecnologia futuristica.
– Appena Heartman torna nel mondo reale dalla morte, dietro di lui c’è un gigantesco monitor-finestra che cambia il panorama. Da uno sfondo nero con la scritta BRIDGES, esso mostra successivamente delle montagne innevate. Non sappiamo se sia una finestra interattiva sul mondo reale o una proiezione.
– In basso a sinistra c’è un timer che misura il tempo prima di resuscitare di Heartman, e subito dopo il tempo che rimane prima che muoia nuovamente.
– Il curioso personaggio, mentre chiacchiera con Sam, mostra il cortometraggio “Twenty Minutes of Love“, e su schermo ci vengono mostrate informazioni in merito ad esso. Una interattività presente praticamente ovunque.
– Viene menzionato per la prima volta il Death Stranding, l’evento maximo filo conduttore dell’intera esperienza di gioco, con Heartman che dice che ogni cosa che fa nei suoi 21 minuti di vita, è antecedente all’avvenimento.
– Prima che il video finisca, Heartman ribadisce che egli “vive” solo per ritrovare la sua famiglia, perché in realtà lui è già morto.

Un trailer molto intenso, calmo, cadenzato, ma che inizia ad immergerci veramente a fondo nel concetto di gioco di Death Stranding. Sono tante le speculazioni o le teorie che vengono fuori dalle nostre menti (e su tutto il web), ma una cosa è certa: Kojima è un artista nell’incuriosirci.

Rimanete sintonizzati su NerdPool.it per evitare di essere defibrillati dall’AED di Heartman.

Scrivi qui il tuo commento...