IN EVIDENZA

J.J. Abrams e Kathleen Kennedy discutono sul ruolo di Carrie Fisher in Star Wars: The Rise of Skywalker

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,461FansMi piace
1,560FollowerSegui
192FollowerSegui

Carrie Fisher potrà non esserci più, ma la sua eredità sopravvive e bisogna tenerne conto anche in questo capitolo finale della saga di Star Wars.

Seduti nello studio video di EW e PEOPLE al D23 Expo di Anaheim, in California, J.J. Abrams, regista di Star Wars: The Rise of Skywalker, e Kathleen Kennedy, responsabile di LucasFilm, hanno discusso di come hanno gestito il ruolo di Carrie Fisher nella prossima pellicola che sarà anche la conclusione dell’ultima trilogia.

“C’era un enorme senso di responsabilità”, afferma Kathleen Kennedy. “Abbiamo trascorso molto tempo a parlare, cosa vogliamo trovarci? Prima di tutto, Leia. È stata una conversazione davvero complicata, ma sapevamo che era un personaggio molto importante per la storia.”

E Abrams aggiunge: “Mi è sembrato sbagliato dire che non c’era, dire che era andata da qualche parte, dire che era morta nel mezzo, sembrava che non ci fosse modo di porre fine a questa storia. Lei ne è parte integrante.”

Advertising

“Trovare la fine in modo emotivo è stato fondamentale”, afferma Kennedy.

Durante il panel dell’Expo D23, Abrams ha rivelato che in Star Wars: The rise of Skywalker “ci siamo resi conto di avere filmati dell’Episodio VII che abbiamo capito di poter usare in un modo nuovo. Quindi Carrie, nel ruolo di Leia, sarà comunque presente nel film.”

Quando si è trattato di pensare al finale di Star Wars: The Rise of Skywalker, Abrams sapeva da subito di avere tra le mani un’impresa colossale.

STAR WARS: THE RISE OF SKYWALKER

Non solo questo pone fine alla più recente trilogia di Star Wars, ma promette anche di concludere la saga di nove film iniziata nel 1977 con A New Hope.

“Non è solo la fine di tre film; è la fine di nove film, tre trilogie”, afferma il regista. “Quindi la storia doveva avere una fine emotiva, doveva finire con un crescendo ma al contempo n maniera intima. Era un esercizio da giocolieri sul filo del rasoio. Ma è stato davvero importante per noi raccontare una storia che coinvolga le le persone e dove ha senso se sei un bambino che oggi guarda tutti e nove i film e ti senti come se tutti gli altri abbiano condotto sino a questo finale.”

Prima che Abrams e Kennedy si incontrassero con EW and People, hanno fatto debuttare un nuovo poster al D23 Expo che mostra Rey (Daisy Ridley) che affronta Kylo Ren (Adam Driver), nonché lo special look, il primo nuovo filmato del film da quando il trailer del teaser è stato rilasciato ad aprile, online ormai da qualche ora.

Star Wars: The Rise of Skywalker uscirà il 20 dicembre 2019.

Advertising

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,461FansMi piace
1,560FollowerSegui
192FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...