Todd Phillips ha parlato del suo Joker durante la conferenza al Festival di Venezia, e in un’intervista a rivelato che è servito un anno per convincere Warner Bros. a fare il film.

Il regista di Joker, Todd Phillips ha aperto così la confernza stampa a Venezia:

Per alcuni non è ovvio, ma questa è una versione originale del Joker. Non vedo mai un film come una partenza per me. Ha un tono diverso rispetto ad altri film che ho fatto, ma si tratta sempre di narrazione. Sono stato molto influenzato da questi personaggi degli anni ’70, e mi chiedevo perché non potessi fare un approfondimento di un personaggio come Joker, per cui però avevo bisogno di un attore fantastico.

Phillips ha affermato di aver creato qualcosa di completamente pazzo con Joker:

Non faccio parte del mondo del fumetto, ma quando abbiamo concepito quest’idea, si trattava di aver un altro approccio. Non so che approccio avranno altri registi, ma secondo me i film di fumetti vanno molto bene, per cui non c’è ragione di cambiarlo. Era difficile convincere la DC e gli studio, ma abbiamo continuato a insistere finché lo studio non ha preso il coraggio a due mani e ha accettato. Avevo un sacco di libertà sul personaggio, in uno dei fumetti si dice che pensa al suo passato come una scelta multipla. Non c’erano confini e abbiamo creato qualcosa di completamente pazzo.

Il rapporto con Joaquin Phoenix è stato determinante per realizzare Joker:

Io e Joaquin abbiamo lavorato molto insieme ancora prima delle riprese. Abbiamo parlato del personaggio, della voce, di cosa indossava, della capigliatura, però andavamo in profondità in tutti i dettagli. Quando abbiamo cominciato le riprese abbiamo continuato queste discussioni, che in fondo non sono mai finite. Se avessimo avuto più tempo, avrei voluto tornare indietro e rifare alcune scene con lati del Joker che avevamo scoperto in seguito

Le fonti dispirazione:

Ciò che mi ha divertito è stato il poter scegliere diversi elementi dal passato fumettistico, dai vecchi fumetti, ed utilizzare ciò che volevamo; quindi abbiamo usato un po’ di quello ed un po’ di questo, immagino che The Killing Joke abbia contribuito all’idea del comico fallito, ma sapete, un’altra grande influenza per il film è stato ciò che ha ispirato i creatori originali di Joker, il film muto “L’Uomo che Ride”, ed è da lì che abbiamo iniziato.

Todd Phillips ha parlato acnhe dellaltra attrice protagonista Zazie Beetz:

Tutta la parte di sceneggiatura che aveva a che vedere con il suo personaggio è stata quella riscritta più volte. Lei è stata una collaboratrice fantastica, quando arrivava la mattina le presentavamo un’idea e la scrivevamo in due ore mentre il resto del cast aspettava. Ha fatto anche molta improvvisazione, come si fa in genere nella commedia, ma è sempre stata efficace e creativa in questo processo.

Le musiche della compositrice Hildur Guðnadóttir:

Avevamo una compositrice fantastica per il film. La sceneggiatura è stata scritta in parallelo, di tanto in tanto davo idee a Hildur e lei mi rispondeva. Man mano che andavamo avanti con le riprese, cambiavamo tantissime cose. La musica è molto semplice, ma ridefinisce completamente alcune scene.

A Phillips viene infine chiesto se in fondo il Joker vince veramante, e il regista ha risposto così:

Non credo che l’obiettivo di questo Joker sia vedere il mondo bruciare. All’inizio lo vediamo seduto che fa tante cose, cercando la sua identità; è diventato erroneamente un simbolo, ma non voleva far bruciare il mondo. Il suo obiettivo era veramente quello di far ridere le persone. Purtroppo ha preso delle decisioni sbagliate e gradualmente è diventato questo simbolo sbagliato. Lui stesso nel film risponde che non ha un ruolo politico.

Il regista, in un’altra intervista ha spiegato che ci ha messo un anno a convincere Warner Bros. a fare Joker:

È stato un processo lungo un anno da quando abbiamo finito lo script al momento in cui siamo riusciti a convincere le nuove persone coinvolte nel progetto circa la bontà delle nostre idee perché, inizialmente, lo avevo proposto a un team di gente completamente diverso. C’erano queste mail dove mi dicevano “Ma sei consapevole che vendiamo i pigiami di Joker da Target?”. C’erano un milione di ostacoli che dovevi affrontare uno alla volta. All’epoca li maledicevo tutti i giorni. Ma poi metto tutto in prospettiva e devo ammettere che sono stati alquanto audaci a farlo. D’altronde i film con cui sono cresciuto e che amo, sono questi “studi sui personaggi” della cinematografia anni settanta, pellicole che non puoi realizzare col clima attuale. E così mi sono detto “Perché non fare un film del genere con i personaggi dei fumetti?.

joker festival di venezia warner bros todd phillips

Restate con noi per altre notizie sul film provenienti dal Festival di Venezia.

La sinossi di Joker

Joker, che arriverà nelle sale italiane a partire dal prossimo 3 ottobre. È incentrato sulla figura dell’iconico villain ed è uno standalone originale, diverso da qualsiasi altro film tratto dai comics apparso sul grande schermo fino ad ora. L’esplorazione di Phillips su Arthur Fleck (Phoenix), un uomo profondamente turbato e ignorato dalla società, non è soltanto uno studio crudo e affascinante del personaggio, ma una storia più ampia che si prefigge di lasciare un insegnamento, un monito.

Il cast

Il tre volte candidato all’Oscar Joaquin Phoenix (“The Master”, “Quando l’amore brucia l’anima”, “Il Gladiatore”) è il protagonista del film al fianco del premio Oscar® Robert De Niro (“Toro scatenato”, “Il Padrino – Parte II”) nei panni di Franklin. Fanno parte del cast anche Zazie Beetz (“Deadpool 2”), Frances Conroy (le serie TV “American Horror Story”, “Castle Rock” di Hulu), Marc Maron (le serie TV “Maron”, “GLOW”), Bill Camp (“Red Sparrow”, ” Molly’s Game”), Glenn Fleshler (le serie TV “Billions”, “Barry”), Shea Whigham (“First Man – Il primo uomo”, “Kong: Skull Island”), Brett Cullen (“42 – La vera storia di una leggenda americana”, “Narcos” di Netflix), Douglas Hodge (“Red Sparrow”, “Penny Dreadful” in TV) e Josh Pais (l’imminente “Motherless Brooklyn”, “Insospettabili sospetti”).

Il candidato all’Oscar® Phillips (“Borat”, la trilogia di “Una notte da leoni”) dirige il film da una sceneggiatura che ha scritto insieme all’autore candidato all’Oscar® Scott Silver (“The Fighter”), basato sui personaggi di DC. Il film è prodotto da Phillips e dal candidato all’Oscar® Bradley Cooper (“A Star Is Born”, “American Sniper”) con la loro Joint Effort, e dalla nominata all’Oscar® Emma Tillinger Koskoff (“The Wolf of Wall Street”). I produttori esecutivi sono Michael E. Uslan, Walter Hamada, Aaron L. Gilbert, Joseph Garner, Richard Baratta e Bruce Berman.

Dietro le quinte, Phillips è stato affiancato dal direttore della fotografia Lawrence Sher (“Godzilla II King of the Monsters”; la trilogia di “Una notte da leoni”), lo scenografo Mark Friedberg (“Selma – La strada per la libertà”; “The Amazing Spider-Man 2 – il potere di Electro”), il montatore Jeff Groth (“Trafficanti”, “Una notte da leoni III”) e il costumista premio Oscar® Mark Bridges (“Il filo nascosto”, “The Artist”). Musiche di Hildur Guðnadóttir (“Soldado”).

Uscita Cinematografica

Warner Bros. Pictures presenta, in collaborazione con Village Roadshow Pictures e BRON Creative, una produzione Joint Effort, un film di Todd Phillips: “Joker”, arriverà nelle sale italiane a partire dal 3 ottobre 2019 e sarà distribuito in tutto il mondo dalla Warner Bros. Pictures.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi tutti gli aggiornamenti.

Scrivi qui il tuo commento...