Una donna e la guerra narra la quotidianità di una coppia nel Giappone della Seconda Guerra Mondiale: uno scrittore nichilista e una ex prostituta frigida.

L’edizione Dynit Manga, unica nel suo genere, unisce narrativa e fumetto econtiene sia la traduzione due racconti di Sakaguchi Ango (a cura di Maria Teresa Orsi), sia l’adattamento a fumetti.

I racconti e Il fumetto

La prima versione del racconto, che narra le vicende dal punto di vista del protagonista maschile, Una donna e la guerra fu pubblicato nel 1946 dopo aver subito numerosi tagli ad opera delle forze alleate e la versione integrale del primo racconto fu data alle stampe solo nel 2001. Sempre nel 1946, Ango pubblicò una versione alternativa dal punto di vista della protagonista femminile.

Adattamento tratto dal duplice racconto di Sakaguchi Ango, autore provocatorio e anticonformista del Giappone postbellico, e disegnato da Kondo Yoko, mangaka dalla forte autorialità, proveniente dalla fucina della rivista cult Garo.

UNO SGUARDO SUGLI AUTORI

Sakaguchi Ango

Nato nella prefettura di Niigata nel 1906 e mor­to nel 1955, è stato uno scrittore e saggista noto per la vita sregolata e la produzione eterogenea. Insieme a Dazai Osamu e altri autori, viene associato alla corrente burai-ha (scuola decadente). L’unico volume presente finora in italiano è la raccolta Sotto la foresta di ciliegi in fiore e altri racconti, a cura di Maria Teresa Orsi (Marsilio).

Kondō Yōko

Nata nel 1957 nella prefettura di Niigata, debutta nel 1979 sulla rivista Garo mentre frequenta ancora l’università. Particolarmente apprezzata dalla critica, nel 1986 ottiene l’Excellence Award del Japan Cartoonists Association Award con Miharashigaoka nite (Al colle belvedere). Ha realizzato versioni a fumetti di altri testi di Sakaguchi Ango e si ricorda La dote della sposa, pubblicato da Coconino Press.

Iscriviti al nostro gruppo Telegram per rimanere sempre aggiornato su Cinema, Serie TV, Giochi, Fumetti, Manga e Anime

Scrivi qui il tuo commento...