IN EVIDENZA

Greedfall – Recensione del GdR di Focus Home Interactive

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,481FansMi piace
1,560FollowerSegui
206FollowerSegui

Focus Home Interactive va in produzione con il promettente Greedfall.

Greedfall è (sulla carta) un ottimo progetto che cerca di riproporre i classici RPG in una versione più interessante per il pubblico moderno. Ma sotto il punto realizzativo come siamo messi? Scopriamolo insieme in questa recensione.

La trama

In quanto rpg, Greedfall ci permette di scegliere sesso e aspetto del personaggio, ma esso verrà sempre chiamato Signor o Signora De Sardet.

Greedfall Recensione
Ecco un esempio di dialogo tra noi e un npc.

La nostra avventura inizia nel regno di Sérène, governato da nostro zio e che rientra nella Congregazione dei Mercanti, una delle 4 grandi fazioni del mondo insieme ai Nauti, all’Alleanza del Ponte e Thélème.

Ogni fazione è assegnata ad un preciso scopo:

  • La Congregazione dei Mercanti, quella a cui apparteniamo, si occupa del commercio e per questo risulta la più imparziale.
  • I Nauti si occupano invece del mare, dai trasporti alla sicurezza.
  • L’Alleanza del ponte è la fazione più avanzata a livello scientifico e, per questo, per nulla credente.
  • Thélème, invece, è ultrareligiosa e di conseguenza meno incline ad accettare altre fedi.

Purtroppo la vita a Sérène non è delle migliori a causa della Malicore, una malattia incurabile che affligge indistintamente tutti e che porta alla comparsa di vene nere lungo la faccia, arrivando alla cecità e infine alla morte.

Greedfall recensione
Il nostro primo incontro con nostra zia, ormai vittima della Malicore…

L’occasione per scoprire di più su questa malattia si presenta quando a nostro cugino, Constantine d’Orsay, viene ordinato da suo padre di diventare governatore di Nuova Sérène, in Teer Fradee.

Teer Fradee è una terra scoperta da poco e proprio per questo partireremo per esplorarla e cercare una cura alla Malicore.

Nonostante la città di Sérène sia una sorta di tutorial di Greedfall, durante la nostra recensione siamo rimasti sorpresi perché piena di attività e scoperte da fare, facendoci capire fin dall’inizio la grandezza del titolo.

Nella sconfinata terra di Teer Fradee, dovremo iniziare la nostra ricerca per la cura, che ci metterà in contatto con diverse civiltà locali ed obbligherà a compiere delle scelte.

È proprio qui che i richiami agli rpg vecchio stile si fanno sentire, perché oltre ad influire sui nostri rapporti con le fazioni, appoggiare le azioni di Thélème ci porterà ad andare in disaccordo con Siora, una nativa del luogo che si unirà alla nostra squadra.

Le fazioni

In corso di recensione, una delle fasi più divertenti è stata conoscere le fazioni di Greedfall. Eccone una breve panoramica.

La fazione di Thélème, infatti, in quanto religiosa e intollerante, ha molti richiami alla terribile Inquisizione Spagnola e non ci penserà due volte ad uccidere gli indigeni di Teer Fradee.

Il nostro primo incontro “ufficiale” in Greedfall con questa fazione sarà infatti duro e spietato: nella piazza troveremo legato al rogo un mostro, simile a quello che affronteremo a Sérène come tutorial, e il capitano dell’Inquisizione intento a pestare un indigeno chiedendogli “Quel mostro è veramente un Dio?”.

Ad andare in conflitto con Thélème c’è anche l’Alleanza del Ponte, che basandosi principalmente sullo studio della scienza non sopporta minimamente questi atteggiamenti.

Passando ai Nauti, questi ultimi sono un popolo di navigatori e capitani che da supporto a tutte le altre fazioni senza fare distintinzioni in base a credenze o azioni.

Greedfall recensione
Vasco sarà disposto a parlarci dei Nauti e della loro vita

Ha anche un background interessante, in quanto ci viene raccontato come, anni prima dell’inizio del gioco, questi e la Congregazione dei Mercanti strinsero accordi commerciali che prevedevano l’invio di bambini ai Nauti per farli diventare marinai.

I personaggi

In Greedfall avremo la possibilità di incontrare tanti personaggi diversi, ma i principali incontrati durante la nostra recensione sono sicuramente:

  • Principessa De Sardet: nonostante sia nostra zia, si è sempre comportata come una madre. È ormai alla fase finale della Malicore, divenuta cieca e molto malata.
  • Kurt: Guardia del Conio e nostro istruttore di spada fin dalla giovane età. Dopo un test/tutorial, si unirà al nostro gruppo. È specializzato nel combattimento con spadoni e armi a due mani.
  • Costantine: Nostro cugino e figlio del governatore di Sérène, gli viene ordinato di andare fino a Teer Fradee per diventare governatore di Nuova Sérène.
  • Vasco: capitano Nauto che dopo averci accompagnato fino a Nuova Sérène perderà la nave e ci seguirà.
  • Siora: nativa del luogo e figlia di una delle capoclan più importanti. E’ specializzata nella cura e nel combattimento magico.
La personalizzazione è molto buona e si adatta bene anche alle animazioni

L’ambientazione

Greedfall è ambientato quasi unicamente nella selvaggia terra di Teer Fradee, un’isola che per molti aspetti può ricordare l’America pre-coloniale.

Purtroppo, però, è qui che nascono i primi problemi: se le città risultano ben caratterizzate e piene di dettagli, l’open world vero e proprio appare pieno di limitazioni.

Nonostante infatti sia molto bello, è caratterizzato da un gran numero di muri invisibili che rendono poco godibile l’esplorazione, oltre che penalizzato dall’assenza della possibilità di scavalcare e arrampicarsi.

Greedfall recensione
Una bellissima vista su una delle città del gioco

I muri invisibili sono presenti anche nelle città e durante la prova per questa recensione ci è capitato varie volte di non poter scavalcare un muretto ed essere obbligati a fare il giro.

Il lato grafico e sonoro risulta invece ben realizzato, con dialoghi discretamente recitati e musiche di sottofondo capaci di farci immedesimare nell’ambiente.

Il gameplay

Greedfall cerca di portare la formula dei classici rpg isometrici ai giocatori moderni con una visuale in terza persona e un gameplay action. Il tutto, però, senza perdere quelle che sono le caratteristiche originarie del genere, come la pausa nei combattimenti e le scelte multiple.

Queste ultime, infatti, condizioneranno il nostro personaggio e ciò che gli NPC intorno a noi pensano di lui, favorendo o svantaggiando alcune fazioni.

Se come detto prima, le scelte multiple sono ben fatte e cambieranno radicalmente il gioco, è il sistema di combattimento che invece non funziona a dovere.

Greedfall recensione
In base alla classe che sceglieremo, il nostro inventario cambierà e con esso le armi a nostra disposizione

È legnoso, monotono e dà la sensazione di giocare ad un titolo uscito diversi anni fa. In aiuto non accorre neanche la già citata pausa, attivabile durante gli scontri per usare e assegnare oggetti o armi, che invece risulta praticamente inutile.

Inutile perché, a differenza degli rpg isometrici, dove era possibile selezionare un attacco e vederne la precisione, il danno e il possibile critico, in Greedfall non vi è nessuna informazione.

L’unica meccanica che ripara (in parte), è lo skill tree, che permette fin dall’inizio di cambiare classe tra le tre disponibili: arma bianca a uno/due mani, arma da fuoco e alchimia.

Greedfall recensione
Lo skill tree si rivela molto ampio e a differenza di altri giochi, scopriremo i potenziamenti man mano

In conclusione

Greedfall è stato un ottimo banco di prova per Spiders che, dopo il mezzo flop di The Tecnomancer, è riuscita a presentare un prodotto degno di nota. Il gioco non è sicuramente perfetto, ma ha comunque degli ottimi spunti a livello di meccaniche e idee che purtroppo vengono un po’ compromesse da un gameplay assai primitivo.

Sotto questo punto di vista, di strada da fare ce n’è ancora molta, ma non è una missione impossibile dato l’ottimo materiale di partenza, di cui vi abbiamo parlato in corso di recensione.

Noi di NerdPool crediamo siano ormai pronti al salto di qualità. Continuate a seguirci!

ARGOMENTI CORRELATI

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,481FansMi piace
1,560FollowerSegui
206FollowerSegui

1 commento

Scrivi qui il tuo commento...

I PIÙ VISTI DI OGGI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: