IN EVIDENZA

George Lucas “si è sentito tradito” per la gestione della Disney dei film di Star Wars

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

3,326FansMi piace
1,560FollowerSegui
190FollowerSegui

Non c’è niente di nuovo nel fatto che Lucas sia deluso dalla gestione Disney del franchise, le lacrime da coccodrillo sono ormai una sua costante

Poco dopo l’uscita di The Force Awakens nel 2015, Lucas stava già esprimendo il suo disappunto. Affermava che l’approccio “retrò” dello studio si scontrava con la sua visione dei film e paragonava la Disney a “schiavisti bianchi” (parole per le quali in seguito si scusò). Ma le sue obiezioni erano iniziate molto prima che vedesse il film finito, come ha rivelato ora il CEO della Disney Bob Iger.

Nel suo nuovo libro di memorie Iger racconta la relazione travagliata di Lucas con Disney e i suoi piani per Star Wars. In The Ride of a Lifetime: Lessons Learned From 15 Years in qualità di CEO della Walt Disney Company (attualmente in vendita) ricorda che con l’acquisto di Lucasfilm nel 2012, la Disney aveva anche acquistato le bozze che Lucas aveva pronte per i tre nuovi film di Star Wars.

Star Wars

“Tuttavia” scrive Iger “abbiamo chiarito nell’accordo di acquisto che non saremmo stati obbligati contrattualmente ad aderire alle trame che lui aveva preparato.”

E infatti non le usarono. Come Lucas ha rivelato in precedenza, Disney ha scartato le sue storie, decidendo di portare i nuovi film in una direzione diversa. Quando ha incontrato gli scrittori J.J. Abrams e Michael Arndt per discutere di The Force Awakens, scrive Iger,

“George si arrabbiò immediatamente quando iniziarono a descrivere la trama e si rese conto che non stavamo usando nessuna delle storie che aveva presentato durante i negoziati. George sapeva che non eravamo contrattualmente legati a nulla, ma pensava che nell’acquistare i trattamenti della storia ci fosse la tacita promessa che li avremmo seguiti. Ora era deluso che la sua storia fosse stata scartata. Ero stato così attento dalla nostra prima conversazione a non fuorviarlo in alcun modo, e non penso di averlo fatto, ma avrei potuto gestirlo meglio.”

Star Wars

“George si è sentito tradito e, sebbene l’intero processo non sarebbe mai stato facile per lui, siamo partiti inutilmente con il piede sbagliato”, continua Iger.
E dopo la situazione non è migliorata molto. Anzi.

Dopo aver visto il film completo, Lucas “non ha nascosto la sua delusione.”

“Non c’è niente di nuovo”, ha detto. In ciascuno dei film della trilogia originale, era importante per lui presentare nuovi mondi, nuove storie, nuovi personaggi e nuove tecnologie. In questo, ha detto, “Non ci sono stati abbastanza salti visivi o tecnici in avanti.”.
Iger, inoltre, aggiunge che Lucas

“Non aveva torto, ma non apprezzava nemmeno la pressione a cui eravamo sottoposti per dare ai fan ardenti un film che fosse la quintessenza di Star Wars. Avevamo creato intenzionalmente un mondo che era in sintonia, visivamente collegato ai film precedenti, per non allontanarci troppo da ciò che la gente amava e si aspettava, e George ci stava criticando proprio per la stessa cosa che stavamo cercando di fare.”

Naturalmente, l’approccio della Disney ha consentito loro di fare soldi a palate, con Force Awakens che ha guadagnato oltre $ 2 miliardi in tutto il mondo. Il coinvolgimento di Lucas nei nuovi film di Star Wars è stato minimo, e si vede tutto, purtroppo. Abrams, che ha diretto Force Awakens e The Rise of Skywalker in uscita a dicembre, ha però detto ad IGN in aprile di aver incontrato Lucas prima di scrivere la sceneggiatura dell’ultimo.

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

3,326FansMi piace
1,560FollowerSegui
190FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...