Halloween è passato, ormai da poco, ma la sezione di 2K Sports dedicata alla WWE non è rimasta con le mani in mano!
Accennammo con qualche anticipazione ad una delle modalità più attese, parlandovi della sua disponibilità in pre-order e, con l’arrivo del giorno più “terrificante” dell’anno, WWE 2K20 ha reso disponibile il DLC Bump in the Night“.

WWE 2K20 Bump in the Night
Di certo non si può dire che non sia accogliente!

Prendi posto tra gli pneumatici e i manichini verniciati!

La tetra modalità incentrata sulla gimmick del “Divoratore dei MondiBray Wyatt, prevede delle mini-torri dedicate che fanno da cornice ad una modalità Showcase a dir poco interessante e ricca di caratteristiche!
In un contesto completamente dominato dalla skin Swampfather di Bray, il patriarca invita “The Demon KingFìnn Bàlor nel bel mezzo della palude, affinché si unisca alla famiglia.
Inutile dire che i tentativi di Wyatt sono invani, ma bastano a far sì che in Fìnn si riveli il demone interiore che va oltre le apparizioni televisive in WWE degli ultimi anni! Quest’ultimo, infatti, dopo una serie di estenuanti match contro Aleister BlackMalvagio“, Eric Rowan e Luke Harper in un Tornado Tag Team Match, “UnleashedRandy Orton e Frankerstrowman, ha modo finalmente di chiudere i conti con The Swampfather, così da convertirsi… e spodestare il “Signore della Palude”!

WWE 2K20 Bump in the Night
I vecchi tempi non passano mai di moda!

Quanto sarai “affamato”?

Sebbene l’intera modalità sia interessante e permetta di sbloccare veri e propri personaggi con set di mosse differenti dalla skin originale di ogni superstar, c’è da dire che in Bump in the Night persino le mini-torri non hanno molto da invidiare alla Showcase! È infatti possibile sbloccare un mare di roba e gli incontri sono molto ardui… ma sono solamente 5, a differenza della mini-torre di Sasha Banks Zombi a WCW NWO Halloween Havoc. Questa, infatti, ne presenta 8 ed è possibile disputare incontri ricchi di condizioni sfavorevoli che mettono alla prova il giocatore. Per ognuna delle mini-torri quanto per la Showcase vi sono personaggi e costumi da sbloccare, ma non si può ignorare la poca longevità di Bump in the Night. Quest’ultima, non favorita né dai pochi match per ogni torre né tantomeno dall’assenza di vere e proprie cutscene tra un match e l’altro. Un peccato, visto che son state sostituite da dialoghi scritti in sovrimpressione con il modello della superstar interlocutrice.

WWE 2K20 Bump in the Night
… Iniziamo bene…

Non proprio le più scarse insomma…

Per ogni feature, c’è un lato positivo e negativo e a questo non fa eccezione nemmeno il commento nella Showcase di Bray Wyatt, il quale sostituisce i telecronisti Michael Cole, Corey Graves e Byron Saxton durante i match di Fìnn Balor. Questo perché, per quanto sia apprezzabile ed un’ottima idea, ad un certo punto emerge la ripetitività di determinate frasi.

Ordunque, Bump in the Night è sicuramente un contenuto interessante che, nel corso del tempo, si aggiornerà sempre più! Voi l’avete già provato? Raccontateci la vostra esperienza nei commenti, non perdetevi la nostra recensione di WWE 2K20 e continuate a seguirci su NerdPool.it.

Scrivi qui il tuo commento...