spot_imgspot_img

Marvel: Annihilation: Scourge ci dimostra perché Reed Richards è il genio più stupido dell’Universo Marvel

PUBBLICITÀspot_imgspot_img

ATTENZIONE: il seguente articolo contiene spoiler su Annihilation: Scourge – Fantastic Four #1 di Christos Gage, Diego Olortegui, Juan Vlasco, Cam Smith, Scott Hanna, Erick Arciniega e VC’s Travis Lanham, in vendita ora negli USA.

Tutti sanno che l’Universo Marvel è pieno di grandissimi geni, ma sono stati quasi sempre loro a lasciare un sacco di problemi irrisolti. Problemi reali come la povertà e le malattie vengono lasciati da parte e molti dei loro esperimenti scatenano minacce fantastiche e più terribili. E’ un miracolo che eroi come Tony Stark e Pantera Nera non abbiano ancora distrutto il mondo.

Questi eroi super intelligenti potrebbero creare innovazioni tecnologiche per la guerra ma hanno spesso un complesso da dio che li porta a prendere cattive decisioni. Ora, Annihilation: Scourge ci dimostra che il più stupido di tutti i geni potrebbe essere Reed Richards.

Mr. Fantastic ha una lunga storia di decisioni molto discutibili. Dall’apertura della Zona Negativa ,senza tenerla sotto controllo, alla clonazione di Thor e alla decisione, insieme agli Illuminati, di scagliare Hulk nello spazio, Reed ha commesso molto sbagli per un uomo con la sua intelligenza. Adesso, in Annihilation: Scourge — Fantastic Four #1, Reed ammette la sua stupidità, per il modo in cui ha agito nei confronti di un altro eroe.

Quando i Fantastici Quattro utilizzano un dispositivo di memoria sui rifugiati della Zona Negativa, scoprono che le forze del Cancroverso, in particolare i Revengers, sono pronte a invadere la Terra. Quando Reed vede il loro leader, Sentry, inizia a sentirsi colpevole e confessa alla famiglia che è sua la colpa per quello che sta succedendo. Inizia a ricordare il ritorno di Sentry nella serie Black Panther and Agents of Wakanda, quando Bob Reynolds gli chiese se poteva aiutarlo a separarsi da Void, il suo alter ago, per sempre. I due non riuscirono a trovare una soluzione, decidendo di mandare Bob nel Cancroverso, in cui le leggi della fisica non si applicano. Una volta separatosi dal suo lato oscuro, avrebbe avvisato Reed per riportarlo a casa.

Benché il piano potesse sembrare sensato, i due non avevano tenuto conto di alcuni particolari. Sentry poteva essere ucciso dalle creature della Zona Negativa, co-optato nella loro causa, o Void avrebbe potuto assumere una nuova forma. Spedire Sentry da solo nella Zona Negativa è come lanciare un fiammifero acceso in un barile di benzina. Questa è stata sicuramente una delle peggiori decisioni di Reed, e ora tocca a lui rimediare. Vedendo Sentry scatenato sotto l’influenza del Cancroverso, ammette le sue colpe di fronte ai compagni.

La colpa di tutto il caos in Annihilation: Scourge ricade sulle sue spalle e bisogna fare i conti con le creature corrotte del Cancroverso. Ora, grazie a Reed, sono guidati dal più forte Avenger di sempre.

In breve, Sentry è sempre stato un’incognita, e la stupidità di Reed ha fornito al Cancroverso un generale che gli altri eroi Marvel non sanno come affrontare. Neanche Hulk, gli Avengers o gli X-Men possono controllare uno scatenato Sentry. Ma ora, grazie a Reed, un Sentry corrotto sta arrivando sulla Terra con un’orda di zombi e con un unico obiettivo: l’estinzione dell’umanità.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo Marvel Comics.

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

Viacbr

ARGOMENTI CORRELATI

LASCIA IL TUO COMMENTO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img

CORRELATI

spot_img
Simone Giorgi
Sono Simone, 27 anni, e al momento mi divido tra Milano e Macerata. Laureato in Lingue e Letterature Straniere, ho frequentato il Master in Editoria della Fondazione Mondadori e lavoro come Junior Publisher per Pearson Italia. Ho sempre avuto una grande passione per la lettura, in particolar modo per i fumetti. Da Topolino ai manga, passando per i comics americani, il fumetto italiano e quello franco-belga, non rinuncio a esplorare ogni sottogenere di questo mondo così vasto e spesso troppo sottovalutato. Tuttavia, mi piace definirmi come un nerd a 360°, essendo appassionato anche di cinema e serie tv.

POTREBBERO INTERESSARTI: