spot_imgspot_img

Marvel: annunciata la nuova testata mutante CHILDREN OF THE ATOM

PUBBLICITÀspot_imgspot_img

La Marvel ha rivelato il team creativo e gli X-men coinvolti nella più recente aggiunta al rilancio mutante Dawn of X. Scritta da Vita Ayala e disegnata da Bernard ChangChildren of the Atom introduce una nuova squadra di giovani X-Men.

Ayala ha spiegato che:

Le basi per questa idea sono arrivate dall’editor Chris Robinson: e se gli X-Men avessero dei partner? Allora ho pensato, come sarebbero dei ragazzini di oggi se fossero le spalle dei più esperti X-Men? Come sarebbero gli X-Men della generazione Z?

Non ho mai conosciuto un mondo senza mutanti e X-Men, e non è facile creare personaggi che poi diventeranno canonici. Io, Bernard e Chris ci abbiamo lavorato molto, e non vedevo l’ora di potervi annunciare quello che abbiamo in serbo per voi. Ciò che rende il cast speciale per me è che assomigliano a molte persone che conosco, che credono agli ideali per i quali combattono gli X-Men e che hanno deciso di contribuire alla causa. Queste ragazzini sono quelli che, nella vita reale, hanno poster di Tempesta e Wolverine nelle loro camere, che sono cresciuti vedendoli come eroi e che vogliono essere come loro.

Children of the Atom #1 di Vita Ayala e Bernard Chang sarà in vendita ad aprile per Marvel Comics.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo Marvel Comics.

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

Viacbr

ARGOMENTI CORRELATI

LASCIA IL TUO COMMENTO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img
spot_img

CORRELATI

spot_img
Simone Giorgi
Sono Simone, 27 anni, e al momento mi divido tra Milano e Macerata. Laureato in Lingue e Letterature Straniere, ho frequentato il Master in Editoria della Fondazione Mondadori e lavoro come Junior Publisher per Pearson Italia. Ho sempre avuto una grande passione per la lettura, in particolar modo per i fumetti. Da Topolino ai manga, passando per i comics americani, il fumetto italiano e quello franco-belga, non rinuncio a esplorare ogni sottogenere di questo mondo così vasto e spesso troppo sottovalutato. Tuttavia, mi piace definirmi come un nerd a 360°, essendo appassionato anche di cinema e serie tv.

POTREBBERO INTERESSARTI: