IN EVIDENZA

Marvel: perché GORR il Macellatore di Dei è il cattivo più letale di sempre

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,464FansMi piace
1,560FollowerSegui
192FollowerSegui

Molti nemici hanno minacciato Thor nel corso della sua vita come Dio del Tuono dell’Universo Marvel, ma forse nessuno è stato così terrificante come Gorr il Macellatore di Dei. Creato da Jason Aaron e Esad Ribic su Thor: God of Thunder #2 del 2013, Gorr ha dedicato tutta la sua vita a uccidere ogni divinità dopo che lui e la sua famiglia erano stati abbandonati dai loro dei in un periodo di estremo bisogno. Thor è diventato, dunque, il bersaglio più odiato da Gorr.

Tuttavia, oltre ad aver perseguitato Thor per millenni fino ai suoi giorni finali come Re di Asgards, Gorr rappresenta una grande minaccia non solo per gli Asgardiani. Ci sono svariate divinità e semidei in tutto l’universo, e alcuni di questi, tra cui eroi come Hercules e Ares, sono membri di squadre, come gli Avengers e i Champions, sulla Terra. E’ solo questione di tempo prima che Gorr rivolga lo sguardo verso prede a noi familiari, al di fuori del pantheon Norreno.

Date un’occhiata al video qui sotto per la storia completa di Gorr il Macellatore di Dei, le sue recenti comparse nei fumetti e perché potrebbe rappresentare una minaccia per l’intero Universo Marvel.

Advertising

L’impatto della vendetta genocida di Gorr ha conseguenze inimmaginabili sui reami e i popoli che veneravano quelle divinità. E’ solo questione di tempo prima che gli eroi Marvel affrontino Gorr, un avversario che non mostrerà nessuna pietà anche a nemici che non sono dei. E visti i suoi poteri, le scommesse sembrano volgere a favore di Gorr.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo Marvel Comics.

Vi ricordiamo che grazie a NerdPool potrete creare la vostra casella di fumetti presso L’idea che ti manca, non lasciatevi sfuggire questa occasione.

Advertising
Via:cbr

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,464FansMi piace
1,560FollowerSegui
192FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...