IN EVIDENZA

La morte di un personaggio dei Guardiani Della Galassia è simile ad una scena toccante nel MCU

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

3,326FansMi piace
1,560FollowerSegui
190FollowerSegui

In Guardians of the Galaxy #2, la morte di uno dei protagonisti porta a una scena toccante tra Rocket ed Ercole che ricorda una scena del MCU.

ATTENZIONE! L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER!

All’inizio della nuova serie Guardians of the Galaxy di Al Ewing e Juann Cabal, il team cosmico si ritirò, optando per vivere in pace come una famiglia. Tuttavia, la galassia ha sempre bisogno di essere salvata da qualcosa o da qualcuno e non ci volle molto perché una nuova minaccia si manifestasse nella forma degli dei oscuri dell’Olimpo. Da quando Gamora lo ha rifiutato, Star-Lord ha lasciato fuori lei e gli altri perchè semplicemente non poteva stare a guardare e non fare nulla mentre il male si scatenava nel cosmo. Pertanto, ha messo insieme una nuova squadra con Rocket Raccoon, che non era esattamente contento del ritiro.

La nuova squadra di Star-Lord si è scontrata con gli dei dell’Olimpo trovandosi in una situazione molto difficile. Pertanto, Peter Quill non ha avuto altra scelta che compiere l’ultimo sacrificio in una scena straziante che in realtà ricorda uno dei momenti più toccanti dell’Universo Cinematografico Marvel.

In Guardian of the galaxy #1, la squadra di Star-Lord attaccò l’Olimpo, la città galleggiante che gli olimpici chiamano casa in mezzo allo spazio. Lì, liberarono e reclutarono Ercole nei loro ranghi, aggiungendo il potente Dio a una squadra che includeva già Quill, Rocket, Nova, Phyla-Vell, Dragoluna e Marvel Boy. Tuttavia, la missione prende una brutta svolta nel numero 2 dove gli olimpici dimostrano quanto siano davvero pericolosi e vili. Con gli Dei malvagi che rappresentavano una minaccia troppo grande e con la maggior parte dei Guardiani alle corde, Star-Lord mise in pericolo la sua vita per fermarli.

Mentre gli altri Guardiani fuggono, Quill rimane indietro e innesca un’esplosione che distrugge l’Olimpo e se stesso. All’interno della nave, Rocket grida: “No! Dobbiamo tornare indietro! Dobbiamo prenderlo!” Tuttavia, è già troppo tardi: Star-Lord se n’è andato e Rocket rimane affranto dal dolore. È arrabbiato e attacca Ercole, che continua a trattenerlo. Alla fine, Rocket smette di lottare e accetta quello che è appena successo. Poi restituisce l’abbraccio di Ercole e piange tra le braccia.

La scena è devastante, giustamente. Dopotutto, Rocket ha appena perso uno dei suoi più vecchi amici e un membro della sua famiglia. È incredibilmente commovente vedere il personaggio, che il più delle volte tiene a debita distanza tutti, esprimere tale affetto e tristezza per un membro della sua squadra.

In effetti, l’intera scena, così come ciò che trasmette, riprende in modo simile il film MCU del 2014, Guardians of the Galaxy. Alla fine del film diretto da James Gunn, Groot si sacrifica per salvare gli altri Guardiani quando Ronan l’Accusatore si schianta su Xandar. Dopo che la battaglia è vinta, Rocket si rompe in lacrime per la perdita del suo amico ed è Drax che lo conforta accarezzandolo delicatamente. È un momento incredibilmente toccante nel film, dato che è la prima volta che Rocket abbassa la guardia.

Nel film, è Drax a confortare Rocket mentre nel fumetto, è un altro potente bruto cosmico. Questa volta, è Ercole che finisce per consolare Rocket, ma l’effetto è ancora straziante. I lettori sono abituati a vedere Rocket agire come il muscolo sibilante e armatore dei Guardiani della Galassia. È sempre difficile vederlo crollare ed esprimere le sue emozioni quando perde qualcuno vicino a lui. È per ricordarci che, nonostante tutto, ha ancora un cuore.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo Marvel Comics.

Vi ricordiamo che grazie a NerdPool potrete creare la vostra casella di fumetti presso L’idea che ti manca, non lasciatevi sfuggire questa occasione.

Via:CBR

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

3,326FansMi piace
1,560FollowerSegui
190FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...