IN EVIDENZA

L’anatomia di un X-MEN: 5 particolarità che rendono DEADPOOL unico

Deadpool non è di sicuro la persona migliore per mantenere un segreto, su questo non ci piove! Con la sua parlantina inarrestabile, nel corso degli anni si è preso gioco di ogni argomento, compreso il suo corpo e tutti i traumi che ha vissuto.

Durante le sue numerose avventure come mercenario e come eroe nella fila di X-Force, Deadpool ha subito, e si è ripreso, da ogni tipo di ferita. E man mano, il suo corpo è diventato sempre più strano. Vediamo cinque aspetti che lo rendono unico tra tutti i personaggi del mondo Marvel.

DEADPOOL NON E’ UN MUTANTE

Spesso vediamo Deadpool al fianco degli X-Men, ma è importante tenere a mente che tecnicamente non è un mutante. I poteri di Deadpool risalgono a quando prestava servizio nelle forze speciali canadesi. Pur non avendo veri superpoteri, la sua incredibile abilità come assassino gli ha permesso di distinguersi tra i compagni. Quando gli viene diagnosticato il cancro, sceglie di partecipare a un programma sperimentale.

Ispirandosi alle ricerche condotte dal Programma Arma X, il governo riuscì a estrarre e replicare il fattore rigenerante di Wolverine e inserirlo nel corpo di Deadpool. In questo modo sviluppò le sue abilità curative e poté dare il via alle sue avventure in costume. Quindi, Deadpool ha subito delle mutazioni e non è tecnicamente un mutante, ma spesso viene accostato a loro a causa del DNA che condivide con Wolverine.

IL FATTORE RIGENERANTE

Spesso il fattore rigenerante di Deadpool sembra essere persino più potente di quello di Logan. Entrambi hanno avuto diversi problemi con i loro poteri, ma sono riusciti a curarsi anche in situazioni estreme, colpiti da esplosioni atomiche o armi da fuoco, senza grandi problemi.

Senza particolari potenziamenti, il corpo di Deadpool venne persino ridotto in cenere, riuscendo ad autorigenerarsi. Particolare notevole è che il suo potere sembra funzionare nell’immediato, e la sua coscienza inizia a pensare ancora prima che il corpo si sia pienamente ristabilito. Tutte le torture infinite e inverosimili che Deadpool ha subito potrebbero essere legate alla sua relazione complicata con la Morte.

IL LEGAME CON CABLE

La relazione tra Deadpool e Cable risale alla creazione stessa di Wade su New Mutants #98, di Rob Liefeld e Fabian Nicieza. Anche quando smisero di combattersi a vicenda, la natura drammatica di Cable lo rendevano il perfetto opposto alla pazzia di Deadpool. Sebbene non sembrino avere granché in comune, i due si sono trovati fusi insieme durante un incidente con un teletrasporto all’inizio della serie Cable and Deadpool del 2004.

Avendo gli atomi connessi a livello quantico, quando uno dei due voleva teletrasportarsi da qualche parte, l’altro veniva portato alla stessa destinazione. Potevano anche essere lontani chilometri, ma dovevano restare sempre insieme (talvolta anche letteralmente). La costituzione fisica di Cable lo aiutò a sopravvivere a queste avventure. Al contrario, per Deadpool, ogni volta significava essere tagliato a metà o perdere dei pezzi.

Alla fine i due riuscirono a spezzare questo legame, ma Deadpool, in seguito, si trovò legato a un altro personaggio: Madcap.

IL CERVELLO

La mente di Deadpool è ancora più strana del suo corpo, e in tante occasioni lo ha aiutato a sopravvivere. Si è scoperto che tutti i riferimenti alla cultura pop, i dialoghi insensati e il parlare da solo, non erano qualcosa di lezioso, ma il risultato di una mente unica. Un cervello che lavora continuamente e che resta completamente indecifrabile ai telepati.

In varie occasioni, questa condizione è stata attribuita al fattore rigenerante di Deadpool, che che fa ricrescere di continuo i suoi neuroni e porta il cervello a lavorare con un ritmo frenetico, e spesso incoerente. Questa natura unica della mente potrebbe anche essere legata al breve contatto di Wade con la fondazione di tutta la realtà su Deadpool’s Secret Secret Wars #4 di Cullen Bunn, Matteo Lolli e Matteo Buffagni, un evento che lo ha reso maggiormente consapevole.

IL CANCRO

Deadpool ha l’abilità di trasformare i suoi difetti in punti di forza, e non vale solo per la sua mente unica. Il cancro che lo aveva portato a entrare nel programma Arma X non fu mai curato dal fattore rigenerante di Wade. Al contrario, il cancro stesso stava quasi per ucciderlo. Il risultato fu che il suo corpo si trasformò in un grottesco tumore vivente.

Queste circostanze cambiarono l’aspetto di Deadpool e il suo corpo iniziò a emanare un odore ripugnante, ma allo stesso tempo gli diedero nuove capacità. Il sangue di Wade è velenoso per i vampiri come Dracula, respinti da esso. Al contempo è impossibile copiare i poteri di Deadpool, come impararono a loro spese gli alieni Skrull quando cercarono di creare u nesercito di Deadpool. Il risultato fu un’esercito pressoché inutile all’impero, con grande ironia e risate da parte di Wade.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo Marvel Comics.

Vi ricordiamo che grazie a NerdPool potrete creare la vostra casella di fumetti presso L’idea che ti manca, non lasciatevi sfuggire questa occasione.

Via:cbr

Scrivi qui il tuo commento...