IN EVIDENZA

Deathstroke: Gareth Evans spiega come sarebbe stato il suo film con Joe Manganiello

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,453FansMi piace
1,560FollowerSegui
194FollowerSegui

Gareth Evans, sceneggiatore e regista scelto per Deathstroke, ha spiegato in un’intervista come sarebbe stato il suo film con Joe Manganiello.

Joe Manganiello ha interpretato brevemente il personaggio in una scena post-credits di Justice League, dove vedevamo Slade Wilson incontrare Lex Luthor per avviare la loro Legion of Doom e combattere la squadra di supereroi appena formata.

Questo doveva essere la prima di numerose apparizioni di Deathstroke nel DCEU, che includeva un film indipendente di Deathstroke che Gareth Evans avrebbe scritto e diretto. Tuttavia, non ci sono stati molti aggiornamenti su questo progetto da quando è stato annunciato alla fine del 2017, e poiché la direzione del DCEU è cambiata in modo significativo dopo il rilascio di Justice League, sembra sempre più improbabile che Joe Manganiello riprenderà il ruolo.

Gareth Evans è stato recentemente disposto a fare luce su ciò che voleva realizzare con il suo film su Deathstroke:

Il piano era quello di raccontare qualcosa che sarebbe stata una storia snella, che sarebbe stata una specie di origine di quel personaggio. Qualcosa che sembrava potesse durare 100 minuti o 110 minuti al massimo, per non andare oltre la durata di due ore.

Advertising

Ha senso che il film di Deathstroke avrebbe esplorato il passato di Slade Wilson, perché anche se i fan della DC lo conoscono abbastanza, è ancora relativamente sconosciuto al grande pubblico. Quindi, con Justice League che ha caratterizzato un Deathstroke già affermato, il film dell’assassino avrebbe dovuto riportare indietro l’orologio e mostrare come Slade ha costruito la sua famigerata reputazione.

Ciò avrebbe incluso come Slade Wilson abbia perso la vista, qualcosa che ha affascinato Gareth Evans mentre leggeva le storie di Deathstroke ed è accaduto in molti modi diversi, a seconda della continuity fumettistica. Il regista ha parlato anche di questo nella sua intervista con Yahoo:

Quando l’ho letto, c’erano circa tre diverse versioni di come il suo personaggio ha avuto origine. E così ho pensato che potevamo fare qualcosa di abbastanza shakespeariano, in termini di come perde l’occhio e di come viene creato come il personaggio che è.

Gareth Evans ha anche detto che quando ha lanciato Deathstroke , è stato “fortemente influenzato dai film noir che escono dalla Corea del Sud” e voleva usare lo stesso tipo di trama, tonalità di colore, grinta e aggressività con la storia di Slade Wilson. E, come chiunque avesse familiarità con il corpus di opere di Evans avrebbe potuto supporre, il film Deathstroke avrebbe avuto scene di arti marziali di ispirazione indonesiana, sebbene il regista abbia notato che i combattimenti in questa storia sarebbero stati una fusione dello “stile radicato” che tradizionalmente mette in evidenza con alcuni elementi più “sgargianti” e “stilizzati”.

Progetto bloccato

Nel complesso, Gareth Evans ha affermato che le sue “idee audaci” per Deathstroke “avrebbero potuto essere davvero viscerali e davvero divertenti“, ma le cose non sono mai andate oltre le due o tre telefonate che ha avuto con Warner Bros.. Evans sospetta che questo progetto non sia più una priorità, ma ha ipotizzato che forse potrebbe essere ripreso tra cinque o dieci anni.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo DC Comics.

Vi ricordiamo che grazie a NerdPool potrete creare la vostra casella di fumetti presso L’idea che ti manca, non lasciatevi sfuggire questa occasione.

Advertising

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,453FansMi piace
1,560FollowerSegui
194FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...