IN EVIDENZA

Penny Dreadful: City of Angels 1×02, recensione dell’episodio, intitolato “Dead People Lie Down”

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,481FansMi piace
1,560FollowerSegui
205FollowerSegui
ATTENZIONE! L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER!

Eccoci giunti al secondo episodio di Penny Dreadful: City of Angels, la serie spin-off della più famosa Penny Dreadful. Ne abbiamo parlato anche qui e in questo articolo,

In questo articolo recensiremo l’episodio 1×02 di Penny Dreadful: City of Angels, intitolato “Dead People Lie Down”. Subito dopo la sinossi dell’episodio troverete le mie considerazioni sullo stesso. Se desiderate leggere la recensione del primo episodio, potete trovarla qui.

Sinossi

In questo episodio 1×02 di Penny dreadful: City of Angeles Raul Vega giace sull’orlo della morte, mentre suo fratello Mateo incontra il carismatico Pachuco Fly Rico. L’indagine di Tiago e Lewis li conduce al tempio della radio evangelista di sorella Molly Finnister e della sua formidabile madre, la signorina Adelaide. Il consigliere Townsend e la sua astuta assistente Alex capitalizzano utilizzando la discordia generatasi in città per raggiungere i loro obiettivi politici. Peter Craft ha un incontro con Elsa in spiaggia e i suoi figli incontrano il suo snervante ragazzo, Frank. Lewis e i suoi vecchi amici indagano sulle attività clandestine del Terzo Reich.

Penny Dreadful: City of angel

Introduzione

Fatte le dovute presentazioni nel primo episodio andato in onda la scorsa settimana, in questa seconda puntata Penny Dreadful: City of Angels 1×02, intitolata “Dead People Lie Down” ci ritroviamo totalmente calati nelle dinamiche della serie e nelle strategie attuate dai soggetti principali della storia. Al momento gli unici personaggi che sembra stiano vivendo un attimo di confusione sono Tiago e suo fratello Mateo.

Questo episodio più del primo strizza l’occhio alle contrapposizioni sociali tipiche di un paese diviso. Infatti possiamo notare che fin dai primi minuti di questo secondo episodio, salta fuori tutta la contrapposizione razionale, economica, religiosa e sociale che monta dopo le rivolte viste nel primo episodio. Si potrebbe bensì dire che sembra di esplorare con occhi passati il presente. Si potrebbe anche aggiungere che millenni di affinamento culturale ed evolutivo, si perdono davanti all’unico elemento che muove veramente le gesta e i pensieri umani, il branco. In fin dei conti è proprio di questo che parliamo.

Siamo difronte alle dinamiche che regolano gli scontri tra vari gruppi. Che siano scontri etnici, religiosi o sociali ha poca importanza, tanto i motivi sono sempre gli stessi. Quali? Possedere di più, contare di più, dimostrarsi migliori. E quali sono gli istinti primordiali che comandano queste dinamiche? Odio, paura del prossimo e senso di onnipotenza aggiungerei. In questo secondo episodio di Penny Dreadful: City of Angels, intitolato “Dead People Lie Down”, questi argomenti sono tutti amalgamati e trattati con estrema semplicità.

Episodio

Fatta questa introduzione su cosa vi troverete davanti dal primo minuto del secondo episodio di Penny Dreadful: City of Angels 1×02, intitolato “Dead People Lie Down”, passo ad esaminare ciò che è stato lo svolgimento dello stesso.

Già dai primi minuti notiamo la forte connotazione razziale e di odio che durante lo svolgimento della puntata diventerà sempre più preponderante. Questo carattere fortemente permeato dall’ odio, verrà addolcito da una lunga discussione tra Tiago e Molly Finnister che facendo un resoconto della sua vita al detective scopre di avere molte cose in comune con lui. Inoltre scopriamo la forza comunicativa e di propaganda che Il consigliere Townsend e la sua astuta assistente Alex portano avanti. Infatti incuranti del dolore passato e di quello presente, accentuano la necessità di fare l’autostrada affibbiandole un significato commemorativo, intitolandola ad uno dei poliziotti morto negli scontri.

Penny Dreadful: City of Angels showtime

Pro e contro

In questo episodio di Penny Dreadful: City of Angels 1×02, intitolato “Dead People Lie Down”, come nel primo ho onestamente notato pochi ed irrisori contro. Uno su tutti forse potrebbe essere stata la poca importanza ed il poco approfondimento dato alla situazione di Matteo. Ma possiamo ben capire che questa parte della storia, come quella che riguarda Raul, verranno sviscerate più avanti.
Ai pro visti nella precedente recensione, nella quale parlavo dell’ottimo dinamismo dell’episodio e dell’ottima gestione dei tempi, aggiungo che il personaggio di Tiago sta iniziando a convincermi di più. Diciamo che in questo secondo episodio di Penny Dreadful: City of Angels, sembra sia entrato di più nell’amalgama con gli altri personaggi.

Chiudo dicendo che Penny Dreadful: City of Angels ha rispettato molto le mie aspettative. Sembra che con questo secondo episodio sia partito un crescendo che lo potrebbe portare a pareggiare la fama della serie madre. Adesso non ci resta che aspetta il prossimo episodio, intitolato “Wicked Old World” che andrà in onda su Showtime L’ 11 maggio.

Penny Dreadful: City of angel

Avete visto l’episodio 1×02 intitolato “ Dead People Lie Down”? Vi è piaciuto? Siete d’accordo con questa recensione? Fatecelo sapere qui nei commenti.

Per questo e altri articoli su Penny Dreadful: City of Angels, seguiteci qui su Nerdpool.

ARGOMENTI CORRELATI

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,481FansMi piace
1,560FollowerSegui
205FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...

I PIÙ VISTI DI OGGI