IN EVIDENZA

Marvel: come Punisher trasformò un’armatura di Iron Man in una vera macchina da guerra

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,457FansMi piace
1,560FollowerSegui
194FollowerSegui

Quando Frank Castle mise le mani sull’armatura di War Machine, mostrò all’universo Marvel quanto potesse essere davvero letale.

Frank Castle è sempre stato un esercito individuale. Ha agito come un vigilante per anni e ha combattuto contro tutti i tipi di criminali dell’Universo Marvel, ma rispetto ad altri supereroi Castle si è sempre distinto per il suo codice che nessun altro condivide. Non ha superpoteri o gadget speciali, ma è sempre armato fino ai denti con pistole, bombe, coltelli e qualsiasi altra cosa abbia nel suo arsenale apparentemente infinito.

Castle oltrepassò ogni limite quando indossò l’armatura da War Machine di James “Rhodey” Rhodes. Dopo aver dipinto il suo logo del teschio sull’armatura, Punisher divenne una vera e propria macchina da guerra. Castle si dimostrò pienamente all’altezza del nome “War Machine”, nel periodo in cui indossò l’armatura. Più dello stesso James Rhodes.

Frank Castle divenne il nuovo War Machine all’inizio dell’era Marvel Legacy. Indossò per la prima volta l’armatura in The Punisher #218 di Matthew Rosenberg e Guiu Vilanova, e la tenne per quasi un anno. Tutto iniziò quando Nick Fury reclutò Castle per una missione speciale. A quanto pare, alcuni ex soldati dello S.H.I.E.L.D. erano responsabili di un colpo di stato in un paese europeo, Chernaya, governato da un brutale signore della guerra. Per sistemare le cose, Fury inviò Castle, ma non a mani vuote.

Advertising

Fury diede a Castle la posizione dell’armatura di War Machine, che era bloccata in una struttura governativa. Naturalmente, Castle fu in grado di rubarla facilmente e prese il volo pronto a intraprendere la sua prossima missione. Mentre inizialmente ci furono un po’ di problemi di apprendimento, alla fine ebbe modo di conoscere l’armatura abbastanza bene. Avendo quell’armatura non riuscì a trattenersi e uccise molti soldati nemici in modo brutale e anche creativo, sia perforando le loro teste di netto o aprendo portali in cielo per poi lasciarli cadere.

Con l’armatura, Frank era quasi inarrestabile. Abbatté carri armati e interi plotoni e affrontò persino lo squadrone di agenti dello S.H.I.E.L.D. con le loro armature simili a quelle di Iron Man. Una volta risolta la situazione a Chernaya, Castle promise a Fury che avrebbe restituito l’armatura. Forse non sorprende che non abbia mai avuto intenzione di farlo.

Castle portò l’armatura di War Machine a New York, dove la usò per ripulire le strade come mai prima d’ora. Nel tentativo di far dimenticare le sue azioni negli eventi di Secret Empire, Castle cercò ogni agente dell’HYDRA su cui poteva mettere le mani. Presto, i corpi di dozzine di criminali iniziarono a riempire le strade e i Vendicatori non ebbero altra scelta che intervenire e fermare Castle prima che potesse fare altri danni.

Mentre Castle riuscì a sfuggire ai Vendicatori, Iron Man si unì alla battaglia per porre fine alla sua furia. Tuttavia, fu un altro supereroe a convincere Castle ad uscire dall’armatura e arrendersi. Quando Castle prese per la prima volta l’armatura, Rhodey era morto dopo gli eventi di Civil War, ma in seguito sarebbe stato resuscitato da Tony Stark. Rhodey riuscì a comunicare con Castle e convincerlo, in The Punisher #228 di Rosenberg e Guiu Vilanova.

Consegnata l’armatura, Castle fu arrestato ancora una volta, ma la sua incarcerazione non durò a lungo. Venne liberato dalla Vedova Nera e il Soldato d’Inverno e riprese la sua guerra contro i criminali, come un tempo, senza armatura.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo Marvel Comics.

Vi ricordiamo che grazie a NerdPool potrete creare la vostra casella di fumetti presso L’idea che ti manca, non lasciatevi sfuggire questa occasione.

Advertising
Via:CBR

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,457FansMi piace
1,560FollowerSegui
194FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...