IN EVIDENZA

What If: cosa succede quando gli eroi Marvel diventano agenti dello SHIELD?

Nel multiverso Marvel, molti degli eroi Marvel più famosi sono diventati agenti dello SHIELD invece di diventare vigilanti.

Sia nei fumetti che nell’Universo Cinematografico Marvel, lo S.H.I.E.L.D. è una delle parti fondanti dell’Universo Marvel. Mentre agenti di lunga data come Nick Fury hanno salvato segretamente il mondo decine di volte attraverso l’organizzazione spionistica, diversi eroi dell’universo Marvel si sono uniti allo S.H.I.E.L.D., anche solo per alcune missioni. In alcune delle tante realtà alternative della Marvel, molti eroi si sono uniti allo S.H.I.E.L.D. nella lunga serie antologica della Marvel What If?.

Daredevil

Una delle due storie di What If? Vol. 1 #28 di Mike W. Barr, Frank Miller e Klaus Janson inizia come la maggior parte delle storie su Daredevil, con un giovane Matt Murdock diventato cieco a causa delle sostanze chimiche radioattive. Ma in questa realtà, Tony Stark era presente all’incidente. Cercando disperatamente di aiutare il giovane, Stark lo portò in una portaerei, dove gli furono prestate tutte le cure mediche. Anche se la vista di Matt non fu ripristinata, Nick Fury vide un potenziale nelle nuove capacità sviluppate dal giovane. Matt si allenò con Fury e dimostrò un gran potenziale diventando una delle più grandi spie che Nick Fury avesse mai avuto.

Nel tentativo di ricattare il giovane, l’HYDRA utilizzò un LMD di Matt per rapire suo padre, Jack. Quando lo scoprì, Matt fece un accordo con Fury, diventare un suo agente non prima di aver salvato suo padre. Fury e altri soldati dello S.H.I.E.L.D. diedero una mano a Matt nel momento cruciale della missione e alla fine i due Murdock riuscirono a salvarsi. Fury offrì a Murdock uno stipendio impressionante, che permise suo padre di lasciare la boxe. Dopo che Matt si unì completamente allo S.H.I.E.L.D., scelse il nome in codice Daredevil per proteggere la sua identità.

Wolverine

In What If? Vol. 2 #7 di Jim Valentino e Rob Liefeld, Wolverine venne avvicinato da Nick Fury dopo un combattimento con Hulk e Wendigo. Venne fuori che il Dipartimento H prestò Logan per dare la caccia agli LMD dell’HYDRA e salvare Dum Dum Dugan. Dopo essere stato mandato in una missione con Black Widow, venne assunto a tempo pieno, rifiutando l’invito di Charles Xavier e Nightcrawler di unirsi agli X-Men. Wolverine diventò un alleato fidato di Nick Fury, fino al giorno in cui Fury venne ucciso da un attacco a sorpresa del barone Strucker.

Dum Dum decise di ritirarsi invece di sostituire Fury come direttore dello S.H I.E.L.D. e raccomandò invece Wolverine per quella posizione. Ciò ebbe un effetto domino nel mondo, in particolare sui mutanti, influenzando il riavvio del programma Sentinelle. Questo, a sua volta, impedì agli X-Men di dirigersi nello spazio e Jean di trasformarsi in Fenice. Wolverine aiutò persino il senatore Robert Kelly a fermare gli atti di registrazione mutanti e prevenire la cronologia di Giorni di un futuro passato senza accorgersene. In questo mondo, mutanti e umani alla fine trovarono pace l’uno con l’altro, grazie a Logan.

Punisher

Frank Castle perse la sua famiglia e per vendicarla diventò Punisher. Ma in una delle realtà introdotte attraverso il multiverso Marvel, What If? Vol. 2 #57 di Chuck Dixon e Mike Harris fu Nick Fury ad accorgersi della sue abilità. Fury offrì a Punisher l’immunità per i suoi precedenti omicidi, a condizione che diventasse un agente dello S.H.I.E.L.D. Castle diventò rapidamente un grande agente ed era persino a capo di una squadra per selezionare reclute, ma spesso si rifiutava di lavorare secondo le linee guida di Nick Fury .

Durante una missione per osservare le attività dell’HYDRA, l’intero squadrone a cui era stato assegnato Castle fu spazzato via, mentre lui riuscì a salvarsi. Rendendosi conto di non poter combattere eseguendo gli ordini di Fury, Castle convinse il suo vecchio alleato Microchip ad hackerare i file dello S.H.I.E.L.D. e scoprire la posizione del quartier generale dell’HYDRA. Anche se Frank non riuscì a sopravvivere all’assalto a sorpresa, fece comunque esplodere una bomba nucleare sull’isola uccidendo tutti.

Jessica Jones

Quando l’Uomo Porpora usò i suoi poteri per mandare Jessica Jones contro gli Avengers, la breve battaglia finì con Jessica gravemente ferita e lasciata sola a se stessa dopo la sua guarigione. Ma come rivelato negli eventi di What If? Jessica Jones Had Joined The Avengers di Brian Michael Bendis e Michael Gaydos, le cose non andarono così. Lo S.H.I.E..L.D. offrì a Jessica un ruolo all’interno dell’organizzazione come collegamento ufficiale tra lo S.H.I.E.L.D. e i gli Avengers. Mentre Jessica inizialmente rifiutò questa offerta nella maggior parte dei mondi, in questa realtà Captain America fu in grado di convincerla.

Jessica si fece rapidamente un nome in entrambi i gruppi, il che portò ad una maggiore cooperazione tra i supereroi e lo SHIELD. Rese più stabile il rapporto con Capitan America e la sua prospettiva da outsider permise di scoprire i segnali di avvertimento sull’imminente esaurimento mentale di Scarlet Witch che nessuno aveva notato. Ciò permise agli Avengers di arrivare a Wanda prima degli eventi di Avengers: Disassembled, che impedì ai mutanti di questa Terra di continuare a prosperare. In questo mondo, Jessica trovò la felicità e l’amore con Steve Rogers, non con Luke Cage, arrivando persino a sposarsi.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo Marvel Comics.

Vi ricordiamo che grazie a NerdPool potrete creare la vostra casella di fumetti presso L’idea che ti manca, non lasciatevi sfuggire questa occasione.

Via:CBR

Scrivi qui il tuo commento...