IN EVIDENZA

Animal Crossing: New Horizons – 10 cose che vorremmo

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,481FansMi piace
1,560FollowerSegui
206FollowerSegui

Animal Crossing: New Horizons e quello che ci piacerebbe vedere

Animal Crossing: New Horizons è indubbiamente un gioco vastissimo e ricco di cose da fare, ma nonostante ciò, alcune cose hanno fatto storcere il naso ai fan storici della serie e non. Come ben sappiamo, il 23 aprile è stato rilasciato il primo aggiornamento gratuito che aggiungeva alcune grosse mancanze presenti nella versione di lancio del gioco. Ci auguriamo quindi che Nintendo possa accogliere le richieste dei fan per rendere il titolo ancor più godibile di quanto già lo sia. Ecco dunque in questo articolo 10 cose che vorremmo in Animal Crossing: New Horizons.

1. Barra di resistenza degli oggetti

Su Reddit, un ragazzo ha ipotizzato una barra della resistenza degli oggetti, che risulterebbe veramente molto utile. Il crafting, introdotto solamente in questo capitolo, è una delle funzioni principali del gioco su cui gli sviluppatori hanno puntato molto. Proprio come in The Legend of Zelda: Breath of the Wild, per dare la sensazione di dinamicità, gli oggetti dopo un determinato numero di utilizzi, cominceranno ad usurarsi fino a distruggersi. Essere informati costantemente sulla “vita” rimanente dell’oggetto potrebbe essere un ottimo salva-tempo.

Via: reddit.com

2. Aumentare il limite delle 8 scale e degli 8 ponti costruibili

In molti non lo sapranno, probabilmente, ma il gioco presenta un enorme limite: la costruzione di ponti e rampe è limitata ad 8. Un limite abbastanza imbarazzante, se si conta che una rampa ad esempio verrà usata (che si voglia o no), per raggiungere la spiaggia sul retro, dove periodicamente arriva Volpolo con la sua barca. Scegliete dunque accuratamente dove costruire le vostre scale facendo riferimento a questo limite, sperando che Nintendo possa rimuoverlo o quantomeno aumentarlo.

3. L’aggiunta di alcune applicazioni nel Nook Phone

Il Nook Phone è uno strumento indispensabile che ci viene fornito da Tom Nook all’inizio di Animal Crossing: New Horizons. Consentirà al giocatore di effettuare svariate operazioni in modo molto veloce, come visualizzare i contatti, sfogliare l’enciclopedia o scattare una foto. Una sua grossa limitazione è quella di non avere al suo interno un’applicazione che consenta di comunicare con l’aeroporto senza dovercisi recare fisicamente. L’apertura del gate, ad esempio, è un operazione molto macchinosa e lenta, costituita da numerosi dialoghi che alla lunga stancano.
Lo youtuber Nick Ha, tramite un video fan-made, ha provato ad immaginare la presenza della suddetta applicazione all’interno del Nook Phone.

Via: Youtube.com

4. Realizzare più oggetti in una volta sola

La creazione di esche, di asce o di pale, sono azioni che effettuiamo molte volte durante la giornata. Anche il semplice potenziamento di un oggetto può risultare molto noioso e lento per via dei numerosi dialoghi. Il problema principale si ha, appunto, quando bisogna creare tante unità di un singolo oggetto. Non è infatti possibile selezionare il numero di oggetti da realizzare, bensì bisogna subirsi la lenta animazione ogni volta. Sempre lo youtuber Nick Ha, ha provato ad immaginare un’opzione che ci consenta di realizzare più oggetti in una volta sola.

Via: Youtube.com

5. Spostare gli oggetti sull’isola con più facilità

Con l’ultimo capitolo della serie, è stato introdotto un interessante sistema di editing per la propria abitazione che rende le operazioni molto facili e veloci. Un editor simile sarebbe interessante averlo anche al di fuori della propria casa, naturalmente. Non parliamo del terraforming poiché lo spirito del gioco prevede che il giocatore impieghi molto tempo per modificare la geografia dell’isola; parliamo, piuttosto, della possibilità di spostare gli oggetti, come accade all’interno dell’edificio, grazie ad un puntatore.

Via: Youtube.com

6. La possibilità di costruire edifici tra un blocco e un altro

Per il posizionamento di fiori, oggetti o edifici, Animal Crossing: New Horizons è dotato di un sistema di blocchi (un po’ come accade in Minecraft). Prendendo come unità di misura un blocco, sarà possibile posizionare gli oggetti tra un blocco e l’altro, in modo da non limitare la libertà di azione, come accadeva nel capitolo precedente. Ciò purtroppo non accade con gli edifici: come potete ben vedere dalla foto sottostante, ad esempio, l’entrata del museo occupa 3 blocchi, mentre le rampe ne occupano due. La questione sarebbe risolvibile qualora Nintendo rendesse possibile costruire un edificio tra un blocco e l’altro. Questa asimmetria potrebbe provocare rabbia a molti giocatori amanti dell’ordine e dell’armonia.

7. La possibilità di creare edifici personalizzati

In Animal Crossing: New Horizons mancano alcuni edifici importanti, come il negozio di scarpe, il fioraio e la discoteca (nella foto sottostante, in Animal Crossing: New Leaf), visti nei precedenti capitoli. Siamo certi che questi edifici verranno introdotti, anche perché ogni settimana i personaggi che gestiscono questi luoghi arrivano sulla nostra isola a farci visita. Manca però l’opportunità di creare degli edifici anonimi al cui interno creare ad esempio bar, sale giochi e cinema. Sarebbe un’ottima idea da realizzare, l’unico limite resta però la mancanza di spazio all’interno dell’isola.

Animal Crossing: New Horizons

8. Gli indicatori per il posizionamento di fiori ed oggetti

Vi sarà capitato spesso di posizionare dei fiori, ma questi ultimi non sono stati messi nel punto desiderato. A tal proposito, sempre lo youtuber Nick Ha, ha ipotizzato un indicatore utile per non sbagliare la posizione degli oggetti. Una soluzione veramente utile e comoda, che migliorerebbe notevolmente l’esperienza di gioco.

Animal Crossing: New Horizons
Via: Youtube.com

9. La possibilità di ampliare la spiaggia

Come visibile nella foto sottostante, nonostante sia possibile utilizzare la sabbia per creare percorsi, non è purtroppo possibile ampliare la spiaggia. L’ideale sarebbe riuscire, tramite l’applicazione “modifica isola”, a rimuovere quel solco che divide il prato dalla spiaggia, in modo da ampliare quest’ultima.

Animal Crossing: New Horizons

10. La mancata interazione dei personaggi con gli oggetti

Una delle novità più importanti di questo titolo è la possibilità di posizionare qualunque oggetto anche al di fuori della propria abitazione. Nei capitoli precedenti ciò non accadeva, dato che i pochi oggetti posizionati sull’isola venivano contati come opere pubbliche, le quali richiedevano un enorme finanziamento, un po’ come accade attualmente con ponti e rampe. Nell’ultimo capitolo della saga questa barriera è stata superata. Il problema sorge però quando vedrete il vostro bel parco giochi, creato con tanta fatica, snobbato dai vostri stessi abitanti, che preferiranno passeggiare in luoghi abbastanza insoliti.

Animal Crossing: New Horizons
Via: Reddit.com

Un videogioco (quasi) perfetto

Sia chiaro, Animal Crossing: New Horizons è indubbiamente uno dei titoli più incredibili dell’anno e in generale tra i migliori per Nintendo Switch. Le vendite parlano chiaro, ma il margine di miglioramento ci sarà sempre. Con queste piccole accortezze, l’ultimo capitolo di Animal Crossing, potrebbe diventare un titolo praticamente perfetto nel suo genere.

Continuate a seguirci su Nerdpool.it per non perdervi tutte le novità dal mondo di Animal Crossing.

ARGOMENTI CORRELATI

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,481FansMi piace
1,560FollowerSegui
206FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...

I PIÙ VISTI DI OGGI