spot_imgspot_img

Marvel: Goran Parlov torna a disegnare dopo aver avuto un ictus nel 2019

PUBBLICITÀspot_imgspot_img

Il disegnatore croato Goran Parlov ha condiviso il suo primo disegno da quando è stato colpito da un ictus nel 2019.

Il 31 maggio, Parlov ha postato la nuova immagine su Twitter. Possiamo vedere Nick Fury in una stanza da letto con un sigaro fumante in bocca e una pistola nella mano destra. Dietro di lui, Shirley Defabio è seduta sul letto con una sottoveste di pizzo nero, a gambe incrociate e con un’altra pistola.

Sono orgoglioso di poter condividere il mio primo disegno dopo più di 7 mesi. L’immagine è stata colorata in modo magnifico da Giada Marchisio. 

I fan hanno acclamato il suo ritorno, esprimendo tante lodi per il disegno e grande felicità per la guarigione dell’artista.

Lo scorso ottobre, Parlov era stato ricoverato in ospedale dopo essere stato colpito da un ictus. Dopo 10 giorni in ospedale, aveva aggiornato i fan riguardo le proprie condizioni. Ha continuato a postare aggiornamenti continui durante tutta la guarigione e si è scusato per una mancata presenza a un evento alle Isole Canarie e per il ritardo del lavoro sulla serie Get Fury.

Parlov è famoso in particolar modo per le sue tavole su Y: The Last Man e Punisher Max. Ha spesso disegnato anche altri personaggi Marvel, come Black Widow e Spider-Man.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo Marvel Comics.

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

Viacbr

ARGOMENTI CORRELATI

LASCIA IL TUO COMMENTO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img

CORRELATI

spot_img
Simone Giorgi
Sono Simone, 27 anni, e al momento mi divido tra Milano e Macerata. Laureato in Lingue e Letterature Straniere, ho frequentato il Master in Editoria della Fondazione Mondadori e lavoro come Junior Publisher per Pearson Italia. Ho sempre avuto una grande passione per la lettura, in particolar modo per i fumetti. Da Topolino ai manga, passando per i comics americani, il fumetto italiano e quello franco-belga, non rinuncio a esplorare ogni sottogenere di questo mondo così vasto e spesso troppo sottovalutato. Tuttavia, mi piace definirmi come un nerd a 360°, essendo appassionato anche di cinema e serie tv.

POTREBBERO INTERESSARTI: