IN EVIDENZA

PlayStation: impressioni sull’evento dedicato- seconda parte

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

3,326FansMi piace
1,560FollowerSegui
190FollowerSegui

Nella seconda e ultima parte del nostro speciale troverete le nostre considerazioni su alcuni dei titoli più esaltanti dell'intera presentazione.

Nella prima parte di questo speciale vi abbiamo parlato delle nostre impressioni riguardo alcuni dei titoli che arriveranno su PlayStation 5. Oggi, in questa seconda e ultima parte dedicata all’evento The Future of Gaming, proveremo a fornirvi spiegazioni ancora più dettagliate – quando possibile – di ciò che è stato presentato. Mettetevi comodi, perché abbiamo ancora molto da dire.

Astro’s Playroom

Guardando il trailer dedicato ad Astro’s Playroom siamo rimasti colpiti in positivo proprio come per la nuova avventura dedicata a Sackboy. La differenza sta nel fatto che il titolo in questione sarà pre-installato su ogni PlayStation 5 e ci fornirà un’idea dei tanti modi in cui potrà essere sfruttato il DualSense. Molto probabilmente si tratterà di un’esperienza di breve durata, tuttavia non vediamo l’ora di sperimentare al più presto le funzionalità del nuovo pad. Astro’s Playroom ci fornirà dunque la migliore occasione per farlo e sinceramente non stiamo più nella pelle.

Little Devil Inside

Insieme a Kena: Bridge of Spirit, Little Devil Inside si è rivelato una delle migliori sorprese indie dell’evento. Ciò che suscita una certa ilarità è il fatto che si tratta di un progetto finanziato con Kickstarter nel 2015. E in cinque anni di cose devono esserne successe se nel frattempo il titolo di Neostream è arrivato sul palco di Sony. Nel frattempo sono anche scattate le polemiche relative all’esclusività temporale legata a PlayStation 5, PS4 e PC, ma al di là di questi problemi “etici” il gioco ci è piaciuto molto.  Lo stile cartoon è ben riuscito e più in generale, le situazioni di gioco sembrano tanto diverse quanto caratteristiche. Le informazioni rilasciate al momento non sono molte, ma non vediamo l’ora di scoprirne di più su questa simpatica avventura open-world.

Demon’s Souls Remake

Nelle battute finali dell’evento è apparso brevemente Shuei Yoshida per annunciare un titolo davvero speciale. Ci riferiamo ovviamente al remake di Demon’s Souls di cui si è tanto parlato nei mesi scorsi. Finalmente i rumor sono diventati realtà e il risultato finale è perfino migliore del previsto. Inutile dire che siamo rimasti impressionati dall’incredibile qualità visiva e dalla quantità di dettagli presenti nel trailer, ma speriamo che questa operazione non sia rivolta esclusivamente al comparto tecnico. Gli sviluppatori hanno già confermato la presenza del ray tracing e di due modalità grafiche, una incentrata sulla fedeltà visiva e un’altra sul frame rate. Molto probabilmente la prima offrirà il 4K ancorato a 30fps, mentre l’altra dovrebbe concedere 60fps ad una risoluzione minore. Ad ogni modo, da questo remake vorremmo vedere una serie di accorgimenti e aggiunte che migliorerebbero ed espanderebbero l’esperienza.

Per fare qualche esempio, il gioco necessiterebbe di una serie di modifiche legate al bilanciamento generale, così come un aggiornamento dei pattern nemici. Infatti, nei primi Souls realizzati da From Software molte situazioni erano risolvibili girando intorno agli avversari. Tale caratteristica è stata poi risolta da Bloodborne in poi e vorremmo sia fatto un lavoro analogo anche su questo remake. Inoltre, chi ha giocato l’originale sa bene quanto sia terribile la percentuale di drop di alcuni oggetti come la pietralama pura e vorremmo che questa fosse ricalibrata. In sintesi, crediamo che Bluepoint e Japan Studios debbano intervenire su tutti quegli aspetti che oggi non sono invecchiati benissimo. Infine, per rendere perfetto questo remake, vorremmo che gli sviluppatori integrassero anche i contenuti che nell’originale sono stati tagliati, come la Landa dei Giganti. Demon’s Souls è una delle esclusive più sottovalutate dell’era PS3 e speriamo che Bluepoint intervenga negli aspetti più critici al fine di renderlo una vera killer application per PlayStation 5.

Deathloop

Nel corso degli anni i due team di Arkane hanno dato più volte dimostrazione del loro talento grazie a titoli tanto profondi quanto intelligenti. Purtroppo, per qualche assurda ragione il pubblico di massa sembra non recepire queste incredibili qualità e il risultato si traduce in vendite sotto le aspettative. A giudicare dalle visualizzazioni del trailer gameplay, sembra che Deathloop non cambierà questa atroce tendenza e ci spiace tantissimo. In esso ci abbiamo visto tutte le caratteristiche migliori dei giochi rilasciati in passato, dalla possibilità di spostarsi in luoghi lontani grazie ad abilità speciali – come in Dishonored – agli elementi da roguelike visti in Mooncrash, l’espansione del sottovalutato Prey. A differenza dei titoli citati, Deathloop si presenta come uno shooter puro dove avremo la possibilità di sfruttare anche approcci meno diretti. I titoli Arkane sono caratterizzati da mondi complessi e profondamente immersivi che dànno al giocatore la possibilità di scegliere l’approccio gradito. Deathloop non sarà da meno e non vediamo l’ora di metterci le mani sopra al termine di questo 2020 su PlayStation 5.

VILLAGE Residen Evil

Uno degli annunci più attesi per l’evento PS5 è stato Residen Evil VIII, il cui trailer ha confermato i numerosi rumor che giravano da tempo. Capcom ha saggiamente deciso di seguire la strada intrapresa con il settimo capitolo, proponendo nuovamente la visuale in prima persona e il protagonista Ethan Winters. Il tetro villaggio farà da palcoscenico agli eventi che stravolgeranno ancora una volta la vita dell’uomo e, in tal senso, gli ultimi istanti del filmato ci hanno già dato un piccolo assaggio. Infatti, ad un certo punto vediamo Chris – più grosso che mai – scusarsi con Ethan prima di uccidere Mia, la moglie del nostro.

Per ovvie ragioni questo trailer ci ha intrigati tantissimo: siamo curiosi di scoprire quali misteri si nascondono in questo luogo così lugubre, chi sono i suoi abitanti e che ruolo avrà Chris in tutto ciò. Senza dimenticarci delle creature, che – oltre ai lupi mannari – speriamo siano numerose e varie.

Horizon Forbidden West

Il gran finale del Future of Gaming è stato dedicato a Horizon Forbidden West, uno dei seguiti più desiderati dagli utenti PlayStation. Dal trailer si nota subito la potenza di Guerrilla grazie a un comparto tecnico e una direzione artistica impressionanti. Le nuove macchine e la bellezza del mondo di gioco – ora caratterizzato dalla possibilità di esplorare i fondali marini – rendono tutto ancora più interessante. Noi però speriamo che il team riesca a portare quest’esclusiva ad un livello superiore. La sola potenza grafica è un traguardo raggiungibile da praticamente tutti gli studi first party di Sony, ma se il team olandese vorrà accaparrarsi il titolo di miglior casa di sviluppo, dovrà fare molto di più.

Con Frozen Wilds gli sviluppatori sono stati in grado di proporre un’esperienza decisamente migliore rispetto a quanto visto in Horizon Zero Dawn, dimostrando di essere attenti ai feedback e di tenerci al proprio lavoro. Da questo seguito per PS5 vogliamo quindi una maggiore cura negli elementi più critici del capostipite. Un sistema di combattimento melee più elaborato, sub quest più interessanti e un mondo di gioco più vivo. Una maggiore varietà nelle situazioni offerte e un sistema da RPG più profondo, potrebbero infine rendere questo seguito eccezionale. Ma speriamo che Guerrilla non si limiti soltanto a tali elementi e che ci sorprenda con idee strabilianti, dopotutto la next-gen serve anche a questo.

Considerazioni finali

Come avrete sicuramente notato, abbiamo saltato alcuni dei titoli mostrati nel corso della presentazione. Ciò è dovuto principalmente al fatto che diversi annunci si sono rivelati dei teaser, senza dubbio impressionanti, ma risicati in termini di informazioni. Project Athia, Stray o Pragmata hanno sicuramente il loro perché, ma è veramente difficile farsi un’idea di quello che potrebbero offrire. Oltre a questi ci sono progetti che non ci hanno entusiasmato particolarmente, come Destruction Allstars o Bugsnax, che magari rivaluteremo in futuro. Ciononostante, come abbiamo già detto Sony si è mossa piuttosto bene con il risultato che ora desideriamo PS5 più che mai.

Fateci sapere nei commenti che cosa ne pensate di questo evento e continuate a seguirci per tutte le novità in arrivo nei prossimi giorni.

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

3,326FansMi piace
1,560FollowerSegui
190FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...