IN EVIDENZA

Armageddon Time: James Gray dirigerà il drama dal cast stellare

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

3,326FansMi piace
1,560FollowerSegui
190FollowerSegui

Robert De Niro, Oscar Isaac, Donald Sutherland, e Anne Hathaway sono pronti ad unirsi a Cate Blanchett in Armageddon Time, il dramma che James Gray dirigerà per RT Features.

La Wild Bunch International introdurrà Armageddon Time agli acquirenti sul mercato virtuale di Cannes e rappresenterà i diritti internazionali del film. La CAA Media Finance, che ha organizzato il finanziamento, rappresenta i diritti di distribuzione interna del film. La WBI e la CAA Media Finance stanno coprendo i diritti cinesi.

James Gray per Armageddon Time ha scritto, diretto e riorganizzato le squadre con la RT Features dopo la loro recente collaborazione su Ad Astra, il thriller spaziale con Brad Pitt che ha visto Sutherland come co-protagonista. Rodrigo Teixeira produrrà con Lourenço Sant’Anna e Rodrigo Gutierrez.

De Niro, Sutherland, Hathaway, Blanchett, Gray e RT Features sono rappresentati dalla CAA. Hathaway è rappresentata anche dalla Management 360, Isaac è rappresentato da WME e Inspire Entertainment.

Trama

Armageddon Time, James Gray
Cast Armageddon Time

James Gray con Armageddon Time, ha creato un dramma basato sui suoi ricordi d’infanzia, la storia di un ragazzo che esplora amicizia e lealtà sullo sfondo di un’America che sta per eleggere Ronald Reagan come presidente. E’ molto diverso dalle sue recenti pellicole, e spera di girare a New York non appena le opportunità post-pandemie lo renderanno possibile. Ha parlato con Deadline della sua ambizione.

Dichiarazioni

“Ogni film che fai è diverso, ma sto cercando di fare qualcosa che è l’opposto del vasto, solitario vuoto del film che ho appena diretto. Sono ansioso di fare qualcosa che riguarda le persone, le emozioni umane e le interazioni tra le persone, e voglio che sia pieno di calore e tenerezza. In un certo senso, in Armageddon Time, si tratta della mia infanzia, ma è anche un’illustrazione di amore familiare in ogni livello. Sono dell’opinione che la maggior parte delle persone faccia del suo meglio e che si sforzano di fare del loro meglio in circostanze difficili e in qualche modo è una cosa bellissima e molto commovente”

Ha esordito James Gray parlando di Armageddon Time:

“In un senso più grande se posso sembrare un po’ franco e pretenzioso, la storia e il mito iniziano sempre nel microcosmo della persona e, sebbene tu usi qualcosa di così piccolo e specifico nella tua vita, il risultato può diventare universale se accede alle emozioni reali. Ho cercato di spostarmi al contrario di uno spazio buio freddo. Voglio essere politico e storico, ma riempilo di amore e calore. Quello che è successo con me, molto semplicemente, mi sono cacciato nei guai quando avevo intorno ai 11 anni, sebbene i ragazzi abbiano 12 anni nel film, e la storia riguarda il mio spostamento dall’istruzione pubblica ad una scuola privata e un mondo di privilegi. Questo film è quello che significava per me e quanto io sia stato fortunato, e quanto fosse sfortunato il mio amico e per quella pausa significava per me e per lui”.

Curiosità

Alla menzione che nelle storie precedenti hanno raccontato che la scuola privata era stata frequentata dal futuri presidenti Stati Uniti. Il presidente Donald Trump. James Gray risponde:

“La scuola privata, sì Donald Trump andò lì e Fred Trump era nel consiglio di amministrazione. È simbolico su ciò che la scuola rappresentava all’epoca, ingrassata in questa etica protestante bianca. A me è stato molto estraneo, un prodotto del sistema scolastico pubblico a New York, degli anni ’70. Si tratta di questa transizione e di come riflette su ciò che la società americana era e purtroppo è ancora. Come siamo separati secondo le linee della classe e dell’etnia. Armageddon Time ha davvero a questo proposito, la mia transizione a scuola da uno all’altro contesto. Le implicazioni sono piuttosto grandi. Il mondo si è diviso in modo chiaro, basato sui chi ha i soldi e su chi no”

“Non ho scritto il copione la settimana scorsa, ma piuttosto molti mesi fa ed è strano che molti di quelli che stiamo vedendo ora stanno interpretando molti dei temi che era mia ambizione esplorare. Questa ossessione che ho nell’esaminare le idee americane di mobilità delle classe, per farlo in un contesto umano con impatto sociale”.

Conclusioni

In fine su Armageddon Time, James Gray aggiunge che:

“I film fanno intimità e relazioni familiari molto bene, anche meglio del teatro, perché nel teatro il tuo posto migliore è ancora a 20 metri dall’attore. Nel cinema, il primo piano ha un potere enorme. Quello che sto cercando è qualcosa di veramente commovente. Ricordo quando ripenso a quel momento, che è il 1980 peR il tempo del film. È stato un anno importante nella storia del paese e per me personalmente e come se sono stato piuttosto fortunato. I miei genitori che non erano affatto ricchi come famiglia di classe operaia. Usavano tutte le armi che potevano, per poter mandarmi in questa scuola, che mi ha salvato la vita, ma mi ha anche risvegliato sul vero razzismo e sull’antisemitismo”

“In qualche modo, l’idea di presentare una storia come questa nel contesto di questa famiglia, raccontata con grande calore, è talvolta il tuo più grande cavallo di Troia, per coinvolgere le persone emotivamente in quel modo. E la storia è un’arma fantastica per poter dare notizie piuttosto crudeli”.

Per questa e altre news su cinema e tanto altro, seguiteci qui su Nerdpool.

FONTE:Deadline

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

3,326FansMi piace
1,560FollowerSegui
190FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...