IN EVIDENZA

WWE 2K Battlegrounds: la recensione più distruttiva di sempre!

WWE 2K Battlegrounds riesce nel tentativo di dare una scossa alla serie di wrestling più acclamata dal mondo videoludico, con un approccio ed uno stile completamente surreale e ricco di spettacolo. Alcune imprecisioni per quanto riguarda la cura nei dettagli, non permette alla grafica di decollare e di certo non vi è un contributo eccellente da parte del gameplay. Quest'ultimo, sebbene sia sinonimo di garanzia e divertimento, lascia leggermente a desiderare a causa del lag che spesso potrebbe venire a verificarsi per mezzo di qualche lieve errore di calcolo. Detto ciò, è un titolo che accoglie bene soprattutto i neofiti e che restituisce ai giocatori quella voglia di mettersi alla prova e di divertirsi in compagnia.

La serie di wrestling più acclamata di sempre targata WWE e 2K Sports torna anche quest'anno con WWE 2K Battlegrounds!

Dopo l’insuccesso riscosso dall’ultimo titolo della serie, ecco che 2K Sports propone WWE 2K Battlegrounds. L’attesissimo titolo della celeberrima serie di wrestling, aveva attirato sin da tempo la curiosità della community videoludica infatti, in molti attendevano a livello globale più che nazionale, la pubblicazione del titolo in questione. È un dato di fatto che nel bel paese, la disciplina del wrestling non ha più la stessa voga che c’era fino a dieci anni fa tuttavia, i titoli della WWE hanno sempre assicurato qualità e divertimento.
È proprio il caso di dirlo: dopo il risultato ottenuto con le vendite dello scorso anno, sembrava necessario dare una scossa ad una delle serie videoludiche più memorabili di sempre!

È ora di mostrare di che pasta sei fatto!

Inizia a farti le ossa!

Sebbene non si presenti come una vera e propria novità, WWE 2K Battlegrounds sfoggia uno stile di gioco che ricorda molto titoli del calibro di WWE All-Stars, pubblicato da THQ nel 2011. Uno stile anche e soprattutto grafico, dove emerge in particolar modo, il lavoro svolto dagli sviluppatori di Saber Interactive, software house che ha dato vita a NBA Playgrounds.
L’atmosfera emanata da Battlegrounds era già nell’area con WWE 2K20 il quale, anche se non ha fruttato i risultati sperati, è riuscito a manifestare il tentativo del team di rilanciare la qualità e i contenuti di una serie che negli anni, sembrava piuttosto monotona e priva di novità. Gli elementi mistici e a dir poco tetri del gameplay offline offerti dai DLC come Bump in the Night e da alcuni momenti della modalità storia, hanno caratterizzato la serie in questione rendendola inaspettatamente ricca di contenuti.
Questi aspetti sono stati poi ripresi in WWE 2K Battlegrounds dove il surreale e l’inverosimile prendono il sopravvento, trasformandolo in un titolo adatto a tutti.

La stazza non è mai da sottovalutare!

Sfrutta ogni vantaggio a tua disposizione!

Inizieremo sgranchiendoci i muscoli con la sezione “gioca”, dove troveremo un ampio numero di modalità online e offline tra cui la modalità Torneo, Sfida Battleground e King of Battleground per la sezione online e la classica esibizione (quella tra uomini in una sezione diversa da quella delle donne) che, insieme alla modalità Campagna gestiscono l’offerta offline del titolo. Iniziando da quest’ultima, notiamo che è caratterizzata da una novità: l’intera modalità è un vero e proprio fumetto dove potremo leggerlo sfogliandolo di pagina in pagina, o se preferiamo possiamo ingrandirlo e passare da una vignetta all’altra.
In questo schema dove avanzeremo step by step ogni volta che completeremo un evento di quest’avventura, apprendiamo la passione per questo business di Paul Heyman il quale, ha intenzione di fondare un nuovo roster e chiamarlo Battlegrounds. Con il consenso di Mr. McMahon, proprietario della WWE, Heyman chiede l’aiuto di Stone Cold Steve Austin per reclutare i lottatori da inserire all’interno del nuovo show. Dopo aver accettato, Austin si prepara a visitare le più rinomate città del mondo che possano offrire superstar promettenti e all’altezza della WWE. Una volta sbloccato il nostro primo personaggio, Bolo Reynolds, partiremo all’avventura al fianco di Stone Cold il quale, ci farà esordire contro The Lone Wolf: Baron Corbin, il nostro primo avversario della modalità in questione.
In ogni spostamento del profeta 3:16, troveremo un wrestler diverso da utilizzare poiché ognuna di queste tappe, s’incentra su una nuova recluta osservata dalla coppia Heyman-Austin. Se dovessimo perdere un match tranquilli, non vi sarà nessun tipo di ripercussione e potremo riprovare ogni volta che vogliamo appena si conclude l’incontro, senza dover attendere lunghi caricamenti che ci riportano al menu principale.

Di certo, non è un posto per dilettanti!

Dimostra il tuo valore e fatti rispettare!

Per quanto riguarda la modalità esibizione, troviamo parecchie novità all’interno delle varie tipologie di match dove, oltre al classico 1vs1, troviamo un 2vs2 sia nella modalità più tradizionale che Tornado Tag Team Match. Qui è da apprezzare come nel tag team normale, il conteggio per i partner è piuttosto severo nel caso in cui dovessero entrare sul ring e trattenersi più del dovuto. Allo scadere del countdown infatti, proprio come se ci si trattiene fuori dal ring nel caso in cui fossimo gli uomini legali, la squalifica sarebbe automatica e ciò comporterebbe la sconfitta di chi ha violato il regolamento. L’unica nota negativa di questo match è l’assenza di mosse Tag Team le quali, non possono essere eseguite per alcun motivo tra i due partner; né se ci si trova insieme in un tornado, né all’angolo quando daremo il cambio al nostro compagno sarà possibile effettuare una presa insieme a lui. Oltre al Triple Threat e al Fatal 4-Way match ove le regole non hanno subito alcuna modifica, troviamo gli Steel Cage Match, i Gauntlet Match e le Royal Rumble. Nel primo di questi tre il nostro obiettivo sarà di arrampicarci sulla gabbia di ferro per raccogliere il maggior numero di soldi possibili. I sacchi pieni zeppi di pecunia brulicano di insidie, con il nostro avversario che non ci renderà la vita facile avendo l’obiettivo in comune e, una volta atterrato quest’ultimo a dovere, dovremo essere abbastanza svelti da non prendere la scossa una volta arrampicatici poiché dopo un po’ di tempo, scatta un allarme che elettrifica la gabbia.
Gli altri due match prevedono invece una tipologia tradizionale col Gauntlet ma non altrettanto con la Royal Rumble. Nella prima tipologia, ci ritroveremo infatti da soli sul ring con i nostri avversari che spawneranno uno alla volta, dopo aver battuto per schienamento o sottomissione chi li precede. Per quanto riguarda la Royal Rumble invece, ci ritroveremo come nel Gauntlet ad essere i primi sul ring con gli avversari che spawnano sul ring dopo un determinato periodo di tempo, l’uno dopo l’altro. Con un massimo di 6 avversari sul ring, il resto dei concorrenti alla battaglia reale attenderanno l’eliminazione di una Superstar per evitare l’affollamento e ovviamente, trionfa chi li butta tutti fuori dal ring!
Per quanto riguarda la modalità Torneo, è possibile parteciparvi online utilizzando una Superstar (maschile o femminile) esistente o una già creata mentre invece, per quanto riguarda Sfida Battleground e King of the Battleground, ci ritroveremo ad affrontare una serie di avversari e di sfide online. Queste ci consentiranno di accumulare Battle Bucks per potenziare la nostra superstar creata, con la quale faremo terra bruciata delle lobby di WWE 2K Battlegrounds.

Abbi un po’ di pietà!

Non ci starai cascando sul serio, vero?

La modalità “creazioni” ha in serbo per noi due scompartimenti dedicati alla creazione della nostra Superstar e del nostro Battleground ideale. Iniziando con la prima delle due tipologie, ci ritroveremo all’interno di un menu dove selezioneremo innanzitutto il sesso della nostra Superstar ed in seguito, la sua classe. Tra queste troviamo High-Flyer (Gran Saltatore): specialista di manovre aeree, inclusi salti dalla terza corda e dal paletto, insomma un lottatore improntato sullo stile acrobatico dei luchador; Technician (Tecnico): specialista delle tecniche aeree e di sottomissione, impareggiabile nei contrattacchi; All-Rounder (Versarile): discreto nelle tecniche di tutte le categorie ma che si distingue per carisma e capacità di conquistare il pubblico; Brawler (Rissoso): uno specialista nell’esecuzione di colpi e prese, particolarmente adatto nell’uso delle armi; Powerhouse (Possente): le Superstar più forti del WWE Universe le quali, sfruttano la propria forza per eseguire potenti tecniche. In base alla classe quindi, cambia l’altezza e il fisico della nostra Superstar la quale tenderà ad essere più snella o più robusta.
La selezione del corpo e dell’altezza poi, dipenderà sempre dal tipo di wrestler al quale stiamo dando vita scegliendo una tipologia in base alla selezione dedicata alla nostra classe (un tecnico ad esempio, non sarà più basso di 1,70 cm e non più altro di 1,90 cm).
La personalizzazione della testa però, è piuttosto standardizzata poiché segue alla perfezione lo stile grafico scelto per il gioco, limitando la caratterizzazione nei dettagli del volto. Quest’aspetto tocca in particolar modo la bocca, la posizione del viso e della mascella, sebbene i modelli predefiniti riescano a dare un’ottima idea del viso che si vuol personalizzare. Questi presentano per l’appunto, un ampio numero di sezioni quali orecchie, sopracciglia, occhi e naso ma non si può dire lo stesso del numero di opzioni per la personalizzazione di queste sezioni ad esempio, a volte si può modificare solamente la lunghezza ma non la larghezza della bocca, né tantomeno scegliere il tipo di bocca che vorremo selezionare per la nostra Superstar; bisognerà selezionare un modello in possesso di tali caratteristiche.

Scegli il tuo look ideale!

Non rinunciare a ciò che meglio ti sta indosso!

Per quanto riguarda la creazione dei costumi e degli accessori, con la sezione “decorazioni”, potremo personalizzare la nostra Superstar in termini di apparenza in merito al taglio di capelli, la barba, il colore degli occhi (che presenta una varietà di modelli stravaganti e spesso particolari quali luminosi o completamente scuri, bulbo oculare compreso). Non manca inoltre, una sezione dedicata agli abiti del nostro lottatore la quale, include i costumi più stravaganti come quello da bulldog, scarafaggio gigante o da alieno che ovviamente, devono essere acquistati. Una volta creata la nostra Superstar, potremo accedere al suo “Albero delle Abilità” dove potremo spendere i nostri Battle Bucks per sbloccare le abilità e far salire il suo overall.
Come detto in precedenza, il builder di WWE 2K Battlegrounds prevede anche la creazione del nostro campo di battaglia, con un limite di 3 soli slot (gli altri vanno acquistati con la moneta di gioco). Inizieremo con la selezione del tema sul quale s’incentra il ring in questione. Potremo scegliere un tema solenne e cupo in stile Undertaker, o magari in stile artico oppure un’arena NXT, RAW o SmackDown, Summerslam, WrestleMania e Royal Rumble anche se molti di questi temi sono da acquistare. Si passerà poi alle varie tipologie di paletto, dell’imbottitura e delle corde (con la possibilità di rendere completamente differenti ognuna delle tre corde). È inoltre possibile cambiare il colore e la tipologia del tappeto e dell’apron che si vogliono utilizzare, come lo si può fare con la pavimentazione esterna del ring e con la barricata, stravolgendo così il tema inizialmente selezionato. Vi è ancora, la possibilità di scegliere quale tipo di pubblico assisterà alle nostre battaglie, con una selezione che varia dai fan più sfegatati, a dei rockettari anni ’80 fino a gli operai addetti ai lavori del nostro Battleground.
Non poteva mancare ovviamente, la scelta delle luci sulla rampa e sul ring con tanto di effetti sul recinto del nostro campo di battaglia i quali, prevedono fuochi d’artificio, fulmini provenienti dalla Death Valley in stile Undertaker o fumogeni e vampate infuocate provenienti dall’inferno di Kane. A concludere, la selezione del tema musicale della nostra arena con tanto di armi da poter trovare al di sotto del ring tra cui una sedia, un grosso martello di gomma con tanto di suono da giocattolo ad ogni colpo, la chitarra di Elias e una Moto da Cross (utilizzabile solo dai Brawler e dai Powerhouse).
A differenza di quanto si è visto con il canonico titolo dello scorso anno, non temete di dar vita al vostro Battleground: il ring non lagga e ci si può giocare senza alcun problema legato ai bug, tantomeno con le superstar create.

Datti da fare!

Diventa il più possente!

All’interno della sezione “Superstar“, potremo acquistare i nostri lottatori preferiti non ancora sbloccati e rinchiusi come delle action figure, all’interno della loro confezione. Ogni volta che posizioneremo il cursore sulla loro scatola, partirà la loro musica d’ingresso ed inoltre, ogni Superstar ha 3 costumi da poter sbloccare con i Battle Bucks o con i Golden Bucks. Come abbiamo visto, le prime si ottengono giocando alle varie modalità, le altre shoppando al “negozio” attraverso le microtransazioni. Una volta acquistato il nostro lottatore preferito, potremo spendere altri crediti per le altre due versioni alternative fino a quel momento bloccate e, una volta in possesso di una Superstar, potremo dare un’occhiata alla sua biografia, alle sue abilità (con tanto di comandi ed attacchi speciali) e al menu dei potenziamenti. Accedendo a questo menu, potremo acquistare un potenziamento da equipaggiare ad ognuna delle 3 fasce dedicate. Ogni potenziamento può essere ulteriormente migliorato ovviamente, ad un costo sempre più alto man mano che si sale di livello con quel potenziamento.

Scegli saggiamente!

Non lasciare nulla al caso, la strategia è fondamentale!

Molti potenziamenti sono sbloccabili man mano che si prosegue con la modalità Campagna dove, al nostro primo incontro, ci verranno spiegate le basi del gioco come un vero e proprio tutorial. Nel caso in cui dovessimo dimenticarle in futuro, potremo sempre accedere al tutorial dal menu di pausa, senza dover necessariamente abbandonare la partita e tornare al menu principale. I comandi tendono ad essere pressappoco simili ai titoli canonici con la differenza che con il tasto L2 (LT) è possibile caricare le mosse speciali in combinazione con il tasto assegnato. Alla base delle Superstar sul ring, sono presenti la barra della salute e quella della stamina in senso circolare dove al centro, troviamo il grafico a torta della Rabbia. Questa sezione si riempie in base ai colpi subiti, ma non quanto grazie alle nostre prestazioni e alla varietà di mosse utilizzate all’interno del match. Con la barra della stamina, avremo la possibilità di sferrare i nostri colpi e le nostre prese speciali mentre con quella della Rabbia, una volta riempita, potremo sferrare la nostra mossa speciale/finale cliccando R2+L2 (RT+LT).
Purtroppo, non ci sono colpi e prese in base agli arti ma in compenso, possiamo fare affidamento sulla spettacolarità offerta da WWE 2K Battlegrounds dove sarà fondamentale tener conto anche delle richieste del pubblico. Quest’ultimo infatti, ci suggerirà che tipo di mosse vorrà vederci eseguire e quando lo accontenteremo, vedremo l’indicatore del pubblico riempirsi sempre più, facilitandoci la vittoria per schienamento o sottomissione ma, se ignoreremo il pubblico troppo a lungo, la barra tenderà a svuotarsi.
Fondamentale poi è il blocco che basandosi sul tempismo, può counterare l’avversario il quale, se viene bloccato mentre il colpo sta per andare a segno, quest’ultimo rimarrà scoperto e vulnerabile ad ogni nostro attacco ma per un brevissimo tempo. Dovremo sfruttare questa tecnica a nostro favore anche quando ci troveremo al tappeto, se il nostro avversario non è intenzionato a rialzarci e vuole approfittare della nostra situazione svantaggiosa.

Preparati a far volare l’avversario… e ogni sua vertebra!

Una pecca emerge tramite alcuni errori di calcolo a causa dei quali, può capitare di ritrovarsi la Superstar spawnata improvvisamente in una posizione completamente diversa da quella in cui si trovava. Con l’annullamento dell’esecuzione, soprattutto durante il contrasto di una mossa, ritroveremo le due Superstar in una zona del ring del tutto diversa e completamente sballata, al termine di un movimento di cui abbiamo visto solamente la conclusione. Nonostante ciò, vi è un gameplay dinamico, divertente, fluido e comodo, privo di comandi complicati o di contrattacchi difficili da eseguire infatti, basterà cliccare uno dei tasti azione che appaiono durante la manovra offensiva dell’avversario.
La meccanica di gioco è molto semplice e poco articolata e ciò, favorisce l’adesione di chiunque sia tendente all’approccio con WWE 2K Battlegrounds. È davvero un titolo per tutti, dove la strategia fa da padrona con un’ottima logica in merito all’alternanza degli attacchi e delle prese semplici e speciali, oltre ad un buon utilizzo dei potenziamenti che da un momento all’altro, potrebbero ribaltare le sorti di un match che fino a quell’istante, sembrava destinato a concludersi in maniera del tutto diversa. Non è richiesta nessuna particolare precisione, in un gioco dove ci si può lanciare dal paletto ed eseguire mosse ultra spettacolari e in maniera a dir poco fantasmagorica. Un festival di colori, effetti speciali e di manovre al di là dell’incredibile, si alternano all’ignorantissima violenza degli elementi circostanti.
Lo stile grafico sposa alla perfezione il contesto dominante in WWE 2K BATTLEGROUNDS: Dai ralenti delle mosse fenomenali, ai lanci devastanti con tanto di spuntino per i coccodrilli fino alle cornamuse assordanti, il divertimento è di casa in un titolo che non rinuncia per nessun motivo ad uno spettacolo ai limiti del sovrumano.

Is Comiiiiiiinggg!!!

Ogni attacco imminente può essere decisivo!

In sintesi, WWE 2K Battlegrounds riprende lo stile di gioco visto qualche anno fa con altri titoli non canonici e che puntavano a dare una scossa spettacolare alla serie videoludica della WWE. Dopo un brutto colpo ai profitti con WWE 2K20, la serie necessitava di un cambiamento con l’arrivo di un titolo, che pone le fondamenta sul surreale ed un numero di acrobazie fuori dal comune: elementi che hanno dunque risvegliato la voglia di grinta in tutti gli appassionati di questa disciplina. Non manca purtroppo, qualche pecca in ambito grafico e di gameplay, con frequenti errori di calcolo e lag che si presentano in particolar modo se la difficoltà è alta o se due giocatori ci danno dentro con un elevato numero di mosse speciali. Ci vuole qualche secondo prima che tutto torni alla normalità tuttavia, non è da trascurare la scarsa definizione applicata sui volti e sui particolari fisici durante i movimenti, soprattutto con i modelli delle Superstar da poter ammirare nelle sezioni di creazione. Ciò nonostante, è un gioco che con le dovute attenzioni da parte di 2K Sports e di Saber Interactive, riesce a regalare ore e ore di divertimento con modalità di match del tutto nuove ed interessanti, elementi circostanti ed interazioni particolarmente avvincenti che stimolano il variare delle mosse e delle armi da utilizzare. Battlegrounds è un titolo che senz’alcun dubbio, stimola la curiosità e l’intraprendenza dei giocatori, capace di metterli in difficoltà e mettendo alla prova la loro abilità, rendendo alta la posta in palio.

E voi, avete già acquistato WWE 2K Battlegrounds? Cos’altro vi aspettate di trovare nel nuovo titolo dedicato alla federazione di wrestling più famosa del mondo? Fatecelo sapere nei commenti e continuate a seguirci su Nerdpool.it.  

WWE 2K Battlegrounds riesce nel tentativo di dare una scossa alla serie di wrestling più acclamata dal mondo videoludico, con un approccio ed uno stile completamente surreale e ricco di spettacolo. Alcune imprecisioni per quanto riguarda la cura nei dettagli, non permette alla grafica di decollare e di certo non vi è un contributo eccellente da parte del gameplay. Quest'ultimo, sebbene sia sinonimo di garanzia e divertimento, lascia leggermente a desiderare a causa del lag che spesso potrebbe venire a verificarsi per mezzo di qualche lieve errore di calcolo. Detto ciò, è un titolo che accoglie bene soprattutto i neofiti e che restituisce ai giocatori quella voglia di mettersi alla prova e di divertirsi in compagnia.
Grafica
7.4
Sonoro
6.7
Gameplay
7.5
Longevità
7.0

Scrivi qui il tuo commento...