PUBBLICITÀspot_imgspot_img

Little Big Workshop: la nostra recensione!

Big Little Workshop si propone come un classico gestionale, con meccaniche interessanti nella produzione dei prodotti e nell'acquisto dei corretti macchinari. I lavoratori all'inizio costruiscono senza pensieri, ma dopo qualche ora di gioco anche loro avranno bisogno di attenzioni ed organizzazione, sia nello spazio lavorativo che nelle specializzazioni. La trascurabile trama aiuta a creare un'ambiente immersivo a cui dedicare il proprio tempo.
PUBBLICITÀspot_imgspot_img

Uscito nel 2019 su Steam, arriva anche su PS4 Little Big Workshop, un interessante gestionale frutto delle fatiche di Mirage Game Studio. Improvvisandoci imprenditori, lo abbiamo provato ed ecco cosa ne pensiamo!

Il piccolo grande tutorial

Quasi ogni titolo comincia con un tutorial e Little Big Workshop non fa eccezione. Su un grande tavolo di legno viene “posizionata” la nostra piccola azienda e ci viene dato il controllo per la prima volta.

Assumere i dipendenti, posizionare i macchinari e prendere in carico il nostro primo ordine sarà un ottimo modo per prendere la mano con il gioco.

I piccoli grandi lavoratori

Cosa sarebbe una grande azienda senza la piccola manovalanza? In questo gioco sono rappresentati con uno stile molto cartoonesco ed avranno bisogno di cure ed attenzioni per lavorare al massimo dell’efficienza.

Nell’azienda infatti dovremo predisporre delle zone relax adibite esclusivamente al recupero di energia dei dipendenti. Inoltre, in ogni stanza in cui sono presenti dei macchinari è necessario inserire qualche elemento che aumenti l’umore dei dipendenti. Piante, ventilatori e distributori d’acqua sono alcune delle scelte per bilanciare l’umore dei lavoratori con il rumore dei macchinari.

Dopo qualche ora di gioco, inoltre, avremo la possibilità di specializzare i nostri dipendenti, rendendoli esperti nella lavorazione di metalli, plastica, legno o nell’assemblaggio dei prodotti.

I piccoli grandi prodotti

Fulcro della nostra ascesa verso le vette capitalistiche ci sono i prodotti che andremo a realizzare.

Ogni oggetto da creare deve essere pianificato tramite un processo che include vari passaggi. Taglio del legno, affilatura del metallo e numerosissime altre opzioni sono i piccoli tasselli che consentono la fabbricazione di prodotti da vendere per accrescere il nostro patrimonio.

Ognuno di questi passaggi richiede un macchinario specifico per essere portato a compimento, oppure di un tavolo da lavoro sul quale è possibile fare varie operazioni a scapito del tempo impiegato. Avanzando nel gioco si sbloccano macchinari sempre più efficienti e, soprattutto, i lavoratori specializzati possono utilizzare i macchinari in minor tempo.

Ovviamente i macchinari più efficienti saranno anche più costosi, ma consentiranno produzioni più variegate e, soprattutto, più veloci.

Il piccolo grande mercato

Va bene produrre, ma a che scopo?

Qui arriva il mercato, fonte di tutti i nostri contratti e delle nostre finanze. Diviso in due grandi sezioni, il mercato si divide in contratti liberi e contratti con specifici clienti.

I clienti pagano di più per delle specifiche merci ma richiedono produzioni rapide, mentre i contratti liberi richiedono produzioni senza vincoli temporali ma ad un prezzo che oscilla nel tempo.

Migliorando la reputazione con i clienti è possibile ottenere contratti sempre più vantaggiosi, ma bisogna sempre stare attenti agli stretti tempi di consegna.

Per quanto riguarda i contratti liberi, invece, facendo avanzare di livello la nostra azienda sbloccheremo contratti medi ed avanzati. Saranno più complicati dei contratti base ma ci consentiranno di guadagnare molto più denaro.

little big workshop ps4

Le nostre piccole grandi impressioni

Come su Steam, anche su PS4 Big Little Workshop si propone come un classico gestionale, con meccaniche interessanti nella produzione dei prodotti e nell’acquisto dei corretti macchinari. I lavoratori all’inizio costruiscono senza pensieri, ma dopo qualche ora di gioco anche loro avranno bisogno di attenzioni ed organizzazione, sia nello spazio lavorativo che nelle specializzazioni. La trascurabile trama aiuta a creare un’ambiente immersivo a cui dedicare il proprio tempo.

Grande pecca del titolo sono i comandi all’interno del gameplay su PS4. La gestione del tempo è limitata alla schermata principale, quindi se state posizionando un vaso di fiori ed avete dimenticato di fermare lo scorrimento del tempo dovrete annullare l’acquisto per poter mettere in pausa e ragionare sul posizionamento. O se state gestendo i contratti e le priorità delle produzioni dovrete assicurarvi di mettere in pausa prima di ragionare sulla distribuzione del lavoro sulle varie postazioni.

Nel complesso il titolo si lascia giocare facilmente, aumentando gradualmente di complessità ed intrattenendo in tutta la durata della partita.

Se vi è piaciuta la recensione di questo titolo su PS4 seguiteci su Nerdpool.it per leggerne altre! E se volete passare una serata in nostra compagnia, seguiteci sul nostro canale Twitch!

IL NOSTRO VOTO

Big Little Workshop si propone come un classico gestionale, con meccaniche interessanti nella produzione dei prodotti e nell'acquisto dei corretti macchinari. I lavoratori all'inizio costruiscono senza pensieri, ma dopo qualche ora di gioco anche loro avranno bisogno di attenzioni ed organizzazione, sia nello spazio lavorativo che nelle specializzazioni. La trascurabile trama aiuta a creare un'ambiente immersivo a cui dedicare il proprio tempo.
Grafica
8
Sonoro
7
Longevità
8
Gameplay
7

TI POTREBBERO INTERESSARE

ARGOMENTI CORRELATI

LEGGI ANCHE

Gli Uomini della Settimana 1 – Recensione

È possibile rimanere ogni volta a bocca aperta quando si legge un'opera di Alessandro...

Dylan Dog 418 Bis: Qwertyngton – Recensione

In occasione dei festeggiamenti per gli 80 anni di Sergio Bonelli Editore, la casa...

The Suicide Squad: Missione Suicida, la recensione del film di James Gunn

Non è una recensione facile da scrivere questa, lo ammetto. Ieri sera, uscendo dalla...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

CORRELATI

Gli Uomini della Settimana 1 – Recensione

È possibile rimanere ogni volta a bocca aperta quando si legge un'opera di Alessandro Bilotta? A quanto pare sì! A fine giugno è uscito...

Dylan Dog 418 Bis: Qwertyngton – Recensione

In occasione dei festeggiamenti per gli 80 anni di Sergio Bonelli Editore, la casa editrice milanese ha deciso di proporre un albo extra per...

The Suicide Squad: Missione Suicida, la recensione del film di James Gunn

Non è una recensione facile da scrivere questa, lo ammetto. Ieri sera, uscendo dalla sala dopo aver assistito all'anteprima stampa di The Suicide Squad:...

Mujirushi: Il Segno dei Sogni – Recensione

Ogni volta che esce una nuova opera di Naoki Urasawa, che sia breve o lunga, è sempre un momento di festa (almeno per me)....
spot_img
PUBBLICITÀspot_imgspot_img