IN EVIDENZA

Destiny 2: Oltre la Luce – Recensione di un nuovo inizio

Destiny 2: Oltre la Luce è un ottimo dlc, capace di offrire una buona varietà di contenuti e attività. Se da una parte abbiamo perso vari pianeti e una serie di attività, Bungie ha fatto in modo di compensarne l'assenza tramite un sistema per ottenere le esotiche e le armi dei raid ormai rimossi. La nuova aggiunta più importante, però, è sia il glaciale pianeta di Europa sia la prima classe Oscurità chiamata Stasi. Alla luce di tutto questo che è sorto durante la nostra recensione, ci sentiamo di promuovere a pieni voti questa espansione nella speranza però che il resto della stagione di Destiny 2 resti di alto livello. Questo perché nonostante Shadowkeep fosse ben strutturato, il resto della stagione si è dimostrato alcune volte carente di attrattività.

Il mondo di Destiny 2 è in continua evoluzione e Oltre la Luce è il nuovo capitolo di questo cambiamento. Il fulcro di questa nuova avventura è l’Oscurità: riusciremo a resistere alla tentazione e sfruttarla a nostro favore o faremo la fine dei Caduti? Scopriamolo insieme in questa recensione.

L’Oscurità mostra la propria forza

Nel finale della scorsa stagione avevamo assistito all’arrivo delle Piramidi, che avevano colonizzato silenziosamente l’intero sistema solare.

Ora ne abbiamo capito il motivo: come “pagamento” della conoscenza fornitaci, si sono portati via Marte, Titano, Io e Mercurio. Mentre Zavala si occupa di coordinare le missioni di soccorso per i nostri compagni che si trovavano su quei pianeti, noi abbiamo una nuova sfida da affrontare.

In Destiny 2, infatti, un nuovo nemico ha fatto la sua comparsa su Europa: si tratta di Eramis, una Kell dei caduti che è riuscita a controllare una particolare versione dell’Oscurità, la Stasi.

Destiny 2 Oltre la Luce Recensione

Grazie a questo potenziamento i Caduti sono diventati estremamente pericolosi e sarà nostro compito affrontarli e batterli, ricorrendo noi stessi alla Stasi.

A darci supporto in questa impresa ci saranno due personaggi che non si vedevano da tempo in Destiny 2, Variks e l’Ignota Exo. Il primo ci aiuterà a capire e scoprire i segreti dei Kell, la seconda invece ci farà riportare alla luce i segreti di Clovis Bray e della sua azienda.

La durata di questa campagna ci ha impegnato per circa 20 ore della nostra prova per la recensione durante la quale abbiamo anche potuto provare il nuovo tutorial (nel Cosmodromo) e un assaggio della Stagione della Caccia.

La trama di Destiny 2: Oltre la Luce è semplice ma di impatto, ma è ciò che viene dopo che veramente sorprende. Nel post-game, infatti, avremo la possibilità di scoprire i segreti di Clovis Bray.

Destiny 2 Oltre la Luce Recensione

Vecchio gameplay, novità interessanti

E’ ovvio che questa espansione non sia andata a cambiare il cuore del gameplay di Destiny 2, ma l’aggiunta della Stasi ha portato una piccola ventata di freschezza.

Questa nuova classe, infatti, oltre ad aver diviso le classi in Luce e Oscurità, è potenzialmente infinita.

L’endgame di questa espansione è principalmente incentrato sul potenziare la Stasi seguendo le ricerche svolte da Clovis Bray nei suoi esperimenti.

Un nuovo inizio che si rifà alle origini

E’ chiaro che questa espansione, in maniera maggiore rispetto alla precedente, voglia segnare l’inizio di un nuovo corso di Destiny 2.

Se con Shadowkeep l’obbiettivo era mettere le basi per la ripartenza del gioco dopo il distacco con Activision, Oltre la Luce segna invece l’inizio del vero e proprio percorso di rinascita.

L’intenzione di Bungie resta quella di proseguire ancora per molti anni con Destiny 2 per migliorarlo e arricchirlo, senza far uscire un sequel.

Destiny 2 Oltre la Luce Recensione

Purtroppo però per poterlo fare sono stati costretti a rimuovere o modificare diverse modalità, come la rimozione di alcuni pianeti e di alcune attività.

Anche se contestualizzate a livello di trama, la loro assenza sul lungo periodo potrebbero farsi sentire nell’offerta di Destiny 2.

In conclusione

Destiny 2: Oltre la Luce è un ottimo dlc, capace di offrire una buona varietà di contenuti e attività. Se da una parte abbiamo perso vari pianeti e una serie di attività, Bungie ha fatto in modo di compensarne l’assenza tramite un sistema per ottenere le esotiche e le armi dei raid ormai rimossi. La nuova aggiunta più importante, però, è sia il glaciale pianeta di Europa sia la prima classe Oscurità chiamata Stasi.

Alla luce di tutto questo che è sorto durante la nostra recensione, ci sentiamo di promuovere a pieni voti questa espansione nella speranza però che il resto della stagione di Destiny 2 resti di alto livello. Questo perché nonostante Shadowkeep fosse ben strutturato, il resto della stagione si è dimostrato alcune volte carente di attrattività.

Destiny 2 Oltre la Luce Recensione

Ora tocca a voi, cosa ne pensate di questa espansione? Siete d’accordo con la nostra recensione? Fatecelo sapere nei commenti e passate dagli altri articoli di NerdPool.

ARGOMENTI CORRELATI

Destiny 2: Oltre la Luce è un ottimo dlc, capace di offrire una buona varietà di contenuti e attività. Se da una parte abbiamo perso vari pianeti e una serie di attività, Bungie ha fatto in modo di compensarne l'assenza tramite un sistema per ottenere le esotiche e le armi dei raid ormai rimossi. La nuova aggiunta più importante, però, è sia il glaciale pianeta di Europa sia la prima classe Oscurità chiamata Stasi. Alla luce di tutto questo che è sorto durante la nostra recensione, ci sentiamo di promuovere a pieni voti questa espansione nella speranza però che il resto della stagione di Destiny 2 resti di alto livello. Questo perché nonostante Shadowkeep fosse ben strutturato, il resto della stagione si è dimostrato alcune volte carente di attrattività.
Grafica
8
Sonoro
8
Gameplay
8
Longevità
8

Scrivi qui il tuo commento...