IN EVIDENZA

Evangelion for Dummy (Plugs) – Recensione

Cristiano Brignola e Francesco Tedeschi analizzano l'anime di NGE in maniera molto minuziosa, ma mai pesante. Lo stile è molto ironico e non troppo serio, e tutti i ragionamenti portano a formulare ipotesi ben giustificate e spiegate con grande chiarezza che, basandosi su parole/scene precise dell'anime, ricostruiscono e forniscono una precisa chiave di lettura di NGE.
INTRODUZIONE

Partiamo dal presupposto che, per me, Neon Genesis Evangelion è sicuramente nella top three degli anime più appassionanti, coinvolgenti, ma allo stesso tempo disturbanti, di sempre. Quando è arrivato in Italia per la prima volta nel 2001 come parte della storica Anime Night di MTV, tutti gli spettatori (io per primo) pensavano di trovarsi di fronte a un ennesimo cartone di robottoni che combattono e devono sconfiggere potenti nemici. Ok, in piccola parte ci siamo, ma Neon Genesis Evangelion (NGE da qui in avanti) è molto di più!

Ogni volta che avete sentito parole come Lilith, Lancia di Longinus o Camera del Guf, la vostra testa è andata improvvisamente in tilt e avete vissuto anche voi un momento mindfu*k, come quelli sperimentati dai nostri cari piloti di Eva? Pensavate che NGE fosse un anime totalmente depressivo e con un messaggio di fondo solo pessimista? Allora, vi invito caldamente a leggere questo libro!

Il “diabolico” Hideaki Anno è riuscito a creare un prodotto talmente stratificato e ricco di significati che non si può comprendere dopo una sola visione ma che va visto e analizzato in dettaglio. Cristiano Brignola e Francesco Tedeschi quindi hanno pensato che fosse arrivato il momento di svelare tutta la verità (o almeno di provarci!). Sono entrambi scrittori di fumetti e di altri contenuti, ma sono soprattutto due nerd come noi che odiano/amano Anno e sono rimasti scioccati dal finale della serie.

Sei arrivato fiducioso alla fine, hai trepidato davanti a quelle ultime due puntate. Hai schiacciato play…le hai viste…e hai lanciato la TV dalla finestra, con annesso il cofanetto limited di vera latta costato un occhio. (pag.5)

E anche The end of Evangelion non è che abbia davvero semplificato le cose e chiarito ogni dubbio…anzi.

LA STRUTTURA DEL LIBRO

Il saggio si struttura in questo modo: una prima parte con un’analisi episodio per episodio della serie (+ film) con sinossi e punti salienti. A seguire, la trama generale viene ripercorsa invece in ordine cronologico per fornire (quasi) tutte le spiegazioni dell’intreccio. La seconda metà, invece, è più incentrata sul misticismo, la teologia e la magia, con un riferimento particolare alla Cabala. Sono ben evidenti i numerosi richiami a queste tematiche, pur non sapendo quanto siano stati davvero importanti per Anno. L’ultima, breve sezione contiene alcune domande alle quali purtroppo neanche i nostri due studiosi hanno saputo rispondere.

BREVE ANALISI

Avendo riguardato da poco l’anime su Netflix ho pensato di non rivedere la serie nella sua interezza, ma di soffermarmi su alcune scene particolari che non ricordavo man mano che proseguivo nella lettura. In effetti, mi sono subito accorto che pur avendo guardato l’anime più volte nel corso degli anni c’erano svariati elementi che mi erano sfuggiti del tutto. Oppure spesso pensavo non fossero così rilevanti ai fini del disegno generale.

Il lavoro svolto dagli autori nel passare in rassegna quasi tutte le scene dell’anime è davvero degno di lode e svolto con grande minuzia di particolari, ma mai pesante. Lo stile è molto ironico e mai troppo serio, pur ponendo la giusta attenzione in determinati punti grazie a frasi in grassetto o alla ripetizione costante di alcuni concetti chiave (tipo che, chissà perché, gli Angeli attaccano sempre Neo Tokyo-3!). Ovviamente, come detto sopra, la lettura acquista un valore maggiore se accompagnata dalla (ennesima) visione della serie nella sua interezza. Dunque, alla fine della prima metà del libro, gli autori arrivano a formulare ipotesi ben giustificate e spiegate con grande chiarezza che, basandosi su parole/scene precise dell’anime, ricostruiscono e forniscono una precisa chiave di lettura di NGE.

CONCLUSIONI

Non sta a me rivelare le conclusioni raggiunte da Cristiano e Francesco, ma posso confermare che il loro discorso è ben delineato e chiaro. Quando entrano in gioco temi più profondi (come la Cabala) la questione diventa più complicata e i concetti presentati meritano almeno una doppia lettura per chi non è esperto della materia. In generale, mi sono trovato estremamente d’accordo con l’analisi sul finale e sul significato generale della serie e rimangono inspiegabili solo pochi dettagli che non inficiano davvero la comprensione totale.

Gli autori hanno scelto di soffermarsi solo sull’anime e sul film finale, prendendo alcune informazioni anche da fandom online o dal videogioco Neon Genesis Evangelion 2 per PS2 uscito nel 2003. Personalmente, sono molto curioso di vedere anche come si concluderà la versione cinematografica attualmente in corso, mentre il manga è molto simile all’anime ma meriterebbe tutto un discorso a sé.

Quindi, fan di NGE vecchi e nuovi, non fatevi scappare questo libro e scoprite finalmente tutti i misteri legati al mondo di Evangelion!

ARGOMENTI CORRELATI

Cristiano Brignola e Francesco Tedeschi analizzano l'anime di NGE in maniera molto minuziosa, ma mai pesante. Lo stile è molto ironico e non troppo serio, e tutti i ragionamenti portano a formulare ipotesi ben giustificate e spiegate con grande chiarezza che, basandosi su parole/scene precise dell'anime, ricostruiscono e forniscono una precisa chiave di lettura di NGE.
Voto
9

Scrivi qui il tuo commento...