IN EVIDENZA

The Mandalorian 2×07: tutto quello che c’è da sapere sull’ Operazione Cenere

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,626FansMi piace
1,560FollowerSegui
208FollowerSegui

Mentre la serie tv The Mandalorian continua a macinare consensi, facciamo un piccolo approfondimento su un fatto narrato durante l'ultima puntata.

L’ultima puntata di The Mandalorian può non essere considerata una puntata cardine se ci si fermasse ad una semplice analisi degli eventi accaduti, ma come tutte le puntate di questa seconda stagione, ha in sè alcuni spunti interessanti.

Le interconnessioni

Uno dei (tanti) pregi che questa lunga cavalcata del nostro mandaloriano preferito ci sta riservando, è la capacità di legare moltissimi elementi dell’universo Star Wars, andando ben oltre i fatti narrati nei film delle Trilogie.

Ad essere precisi, una percezione (non della Forza) di un cambio di rotta lo si poteva cogliere già con Rogue One: A Star Wars Story ed in Solo: A Star Wars Story con riferimenti o l’apparizione di personaggi che si andavano a collegare ad altri prodotti non del grande schermo, come The Clone Wars.

Ma qui, in The Mandalorian, i riferimenti sono strutturali con diramazioni pensate e progettate non solo per aprire le porte ad altri progetti, ma con un ruolo funzionale alla trama stessa della serie tv.

The Clone Wars

Operazione Cenere: terra bruciata galattica

Ed ecco che entriamo nel vivo.
Nella puntata, in una conversazione tra due personaggi (nessun riferimento per non rovinare eventuali sorprese) si fa riferimento ad un evento che, da solo, riesce a gettare un ponte tra vari prodotti del mondo Star Wars, riuscendo a trascendere il grande e piccolo schermo, andando ad attingere sia al mondo fumettistico, dei libri che a quello dei videogiochi.

Nello specifico, mi riferisco a “L’Impero a pezzi“(scritta da Greg Rucka, disegnata da Marco Checchetto), Star wars Aftermath. La fine dell’Impero (Autore Chuck Wendig) ed il videogioco Battlefront II (sviluppato da EA DICE in collaborazione con Criterion Games e Motive Studios, e pubblicato da Electronic Arts), tracciando un filo rosso che osa ben oltre quanto ci si potesse aspettare.

Ma di cosa si tratta?

Per rispondere dobbiamo tornare ad Episodio VI: il ritorno dello Jedi. Dopo l’apparente morte dell’Imperatore , i festeggiamenti scaturiti da Endor e propagatosi nell’intera Galassia, durano poco.
Dopo circa 20 giorni, viene attuato un piano che l’Imperatore stesso aveva previsto in caso di una sua prematura dipartita. Il piano viene rivelato tramite alcuni “droidi sentinella” ad alcuni ufficiali fidati dell’Impero: attingendo dalla tattica militare del “terra bruciata”, tramite alcuni satelliti metereologici, vengono create delle tempeste climatiche estremamente intense su alcuni pianeti bersaglio. Viene così avviata l’Operazione Cenere.

Uno degli aspetti più inquietanti di questo piano è proprio quella di prevedere di colpire non solo pianeti ribelli, ma anche (se non soprattutto) pianeti fedeli all’Impero o comunque legati ad i suoi personaggi caratterizzanti. Troviamo così coinvolti i pianeti Vardos (dove vengono ambientati alcuni dei fatti di Battlefront II) , Abednedo, Candovant, Commenor, Nacronis e Naboo

Tra questi, come viene detto nell’episodio 2×07 di The Mandalorian, vi è inoltre Burnin Konn dove, con l’esecuzione dell’Operazione Cenere, vengono decimate le forze imperiali presenti sulla superficie, tra cui la squadra di Migs Mayfeld (personaggio presente nella puntata).

Una scena tratta da Battlefront II


Dalla Cenere al Primo Ordine

Uno degli aspetti più importanti è proprio la scelta di colpire uomini ed infrastrutture imperiali, portando avanti un disegno di pulizia e di rinascita, appunto dalle proprie ceneri, di un nuovo ordine galattico.

Andando avanti con i fatti narrati, dall’Operazione Cenere nascerà anche un secondo segmento operativo, volto ad una selezione di ufficiali fidatissimi (sopravvissuti, quindi, all’azzeramento messo in atto dopo i fatti di Endor) che verranno portati al sicuro nelle Regioni Ignote, da dove sarebbe rinato il nuovo Impero, conosciuto come Primo Ordine.
I fatti successivi agli eventi dell’Operazione Cenere vengono narrati nei libri di Aftermath.

Star Wars: The Mandalorian, origini del primo ordine
Una delle scene più iconiche legate al Primo Ordine

Come potete vedere, The Mandalorian sta tessendo una fitta trama con l’obiettivo conclamato di unire sempre più segmenti narrativi del mondo Star Wars, forse con un occhio rivolto ed ispirato alla strategia portata avanti anche in casa Marvel con i risultati che ben conosciamo.

In Star Wars, dove già esistono moltissime opere in varie forme, quest’azione di tessitura potrebbe portare ad un mosaico di cui The Mandalorian sarebbe solo il primo tassello.

Se ti andasse di leggere altri articoli, puoi seguirci su Facebook, Twitter ed Instagram.

ARGOMENTI CORRELATI

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,626FansMi piace
1,560FollowerSegui
208FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...

I PIÙ VISTI DI OGGI