IN EVIDENZA

Jurassic World: Nuove Avventure 2: la recensione (no spoiler), Più Jurassic Park e meno Camp Cretaceous!

I presupposti, dalla lenta ma costante transizione da un prodotto per "bambini" ad un prodotto per "adulti" uniti ad alcuni espedienti narrativi interessanti e che fanno sperare con un ponte direttamente con Jurassic World: Dominion, rendono questa seconda stagione di Jurassic World: Nuove Avventure come un prodotto da aggiungere a "La mia Lista" di netflixiana memoria.

Mentre l’attesa per il prossimo (e probabilmente ultimo) capitolo della saga di Jurassic World aumenta, è arrivata la seconda stagione della serie animata su Netflix ambientata ad Isla Nublar

Avevo dei dubbi, lo ammetto.

Quando mi sono approcciato alle prime puntate della serie tv animata ambientata nel Mondo dei dinosauri, ho temuto. Quando poi ho capito che i protagonisti sarebbero stati dei ragazzini, un brivido mi era corso lungo la schiena.
Come avrei potuto ritrovare quello spirito che tanto mi emozionava nei film? Non ho avuto fede e lo posso dire: mi ero sbagliato.

Una delle tanti emozioni vissute in Jurassic Park: i Velociraptor

Una prima stagione di preparazione…

Alla luce della seconda stagione, quanto abbiamo visto nella prima possiamo ora prenderlo come un gigantesco tutorial.
Quanto mostrato, era la preparazione per conoscere i personaggi, apprezzarne le sfumature (per quanto gli stereotipi non manchino) e vedere gli eventi a noi noti di Jurassic World sotto un punto di vista differente da quello dei protagonisti dei film.

Man mano che la prima stagione sfilava via, la stessa narrazione cambiava con un passaggio quasi “innocente” dei primi episodi fino ad una trasformazione che ha trovato il suo compimento nella seconda parte.

Uno dei protagonisti della serie animata: il T-Rex

Il passaggio dalla gioventù all’età adulta

Il passaggio dalla prima alla seconda stagione è stato come un flusso lento ma costante che, come scritto nel paragrafo precedente, si compie con una metamorfosi dei giovani protagonisti. Passata la fase del “Uh ah si inizia sempre cosi” come diceva Ian Macolm nel film Jurassic Park: Il Mondo Perduto, si scivola inesorabilmente verso il terrore, la fuga e la morte.

Quest’ultima parte era un po’ la grande assente.
In effetti, per l’intera prima stagione, mancavano le morti ad opera dei dinosauri che i fans dei film conoscevano bene. Non che non si intendesse, durante le fasi della fuga dell’Indominus, che la gente stesse morendo. Ma non vi era mai un chiaro riferimento.

Nella seconda stagione, senza aggiungere troppi particolari, questo tabù andrà a cadere rendendo un po’ più Jurassic Park e meno Jurassic Workd:Nuove Avventure questa seconda stagione.

Preparazione al Terzo Atto

Oltre a quanto descritto, altri due aspetti meritano una particolare attenzione.

Il primo è che, finalmente, il T-Rex avrà un ruolo più centrale (elemento fondamentale in ogni film della saga) anche se continueranno a mancare gli altri protagonisti dalla parte dei dinosauri, ovvero i Velociraptor, nonostante dei focus interessanti su altri carnivori che, nei film, venivano a malapena citati.

Il secondo, invece, è un elemento legato alla narrazione dell’intera seconda stagione.
Oltre alle varie peripezie legate al tentativo di abbandonare l’isola, è stata inserita una trama parallela legata ad un mistero mai citato nei film. A questi punti è lecito pensare che potrebbe costituire sia essere un escamotage della sceneggiatura per andare avanti nelle stagioni ma potrebbe, e qui il cuore jurassico comincia a battere a mille, essere un ponte narrativo che si andrebbe a legare direttamente al prossimo film di Jurassic Park: Dominion.

Una delle scene della prima stagione

E quindi?

Quindi il prodotto che si può trovare su Netflix ha tutte le potenzialità per entrare a pieno titolo nell’Olimpo dei Dinosauri, senza dover temere il confronto con molti dei film della saga cinematografica.

I presupposti, dalla lenta ma costante transizione da un prodotto per “bambini” ad un prodotto per “adulti” uniti ad alcuni espedienti narrativi interessanti e che fanno sperare con un ponte direttamente con Jurassic World: Dominion, rendono questa seconda stagione di Jurassic World: Nuove Avventure come un prodotto da aggiungere a “La mia Lista” di netflixiana memoria.

I miei timori iniziali erano decisamente sbagliati.

ARGOMENTI CORRELATI

I presupposti, dalla lenta ma costante transizione da un prodotto per "bambini" ad un prodotto per "adulti" uniti ad alcuni espedienti narrativi interessanti e che fanno sperare con un ponte direttamente con Jurassic World: Dominion, rendono questa seconda stagione di Jurassic World: Nuove Avventure come un prodotto da aggiungere a "La mia Lista" di netflixiana memoria.

REVIEW OVERVIEW

Jurassic World: Nuove Avventure 2
7.7

Scrivi qui il tuo commento...