PUBBLICITÀspot_imgspot_img

Streets of Rage 4 Mr. X Nightmare: recensione

La perfezione non esiste eppure Streets of Rage 4 con Mr. X Nightmare ci va molto vicino. Lizardcube e Guard Crush Games hanno rimpolpato un gioco già eccezionale e lo hanno fatto con contenuti di qualità che potenzialmente possono offrire centinaia di ore di gioco. Estel, Max e Shiva sono solo la punta di un iceberg che per il generoso costo di otto euro offre anche una modalità di gioco aggiuntiva e un set di mosse addizionali per ogni singolo personaggio. Ora più che mai, SOR4 rappresenta il miglior esempio di come andrebbero trattate e rinnovate certe serie storiche rimaste nel cuore dei fan. Per di più, è uno dei giochi più divertenti e spassosi degli ultimi anni, specie se si gioca in cooperativa. Insomma, un must have (in combo con Mr. X Nightmare) tanto per i fan quanto per chi desidera approcciarsi al genere per la prima volta.

Lizardcube e Guard Crush Games saranno riusciti a confezionare un DLC all'altezza delle aspettative? Spoiler: la risposta è sì. Scoprite perché nella nostra recensione!

Negli ultimi anni, Dotemu con l’aiuto di studi capaci e appassionati ha riportato in vita svariati brand ormai perduti. Dal remake di Wonder Boy: The Dragon’s Trap fino al ritorno di Windjammers di cui è stato perfino annunciato un sequel, la casa francese ha fatto la gioia di tantissimi giocatori nostalgici. Per di più, grazie agli sforzi congiunti di Lizardcube e Guard Crush Games lo scorso anno è stato rilasciato lo splendido Streets of Rage 4. A distanza di quasi tre decadi dall’ultimo capitolo, gli sviluppatori hanno regalato al mondo intero un gioco che rappresenta la naturale evoluzione della serie. Ci siamo ritrovati per le mani un gameplay dotato di un sistema di combo rifinitissimo, una colonna sonora pazzesca e una direzione artistica sublime. Che cosa potevamo chiedere di più? Ovviamente i personaggi, e con Streets of Rage 4 Mr. X Nightmare questa richiesta non solo è stata soddisfatta, ma anche surclassata.

Lizardcube e soci avrebbero potuto tranquillamente limitarsi a sviluppare qualche nuovo personaggio giocabile in più e i giocatori non se ne sarebbero lamentati. Ma il DLC di SOR4 è l’esatto opposto di un’operazione pigra, tanto da risultare uno dei migliori contenuti scaricabili in termini di qualità prezzo. Sono stati aggiunti tre personaggi ai cinque già presenti nel gioco base, ed è stata realizzata anche una Modalità Sopravvivenza che dà un vero e proprio senso di progressione al tutto. Inoltre, l’uscita di questo pacchetto è stata accompagnata da una patch che aggiunge alcuni interessanti contenuti gratuiti. Come al solito però è meglio procedere in ordine.

Risse a non finire

Iniziamo subito dalla disamina dei combattenti introdotti in Streets of Rage 4 Mr. X Nightmare, ovvero Estel, Max e Shiva. La prima di questi, Estel Aguirre, è un personaggio originale di SOR4 inizialmente introdotto come boss negli stage 4 e 7. Si tratta di un’agente della polizia estremante versatile, dotata di un’ottima mobilità e che ci ha sorpreso per le sue qualità nel crowd control. Infatti, la maggior parte delle sue tecniche del moveset standard semplificano non di poco la gestione dei gruppi numerosi. Ad esempio, l’attacco lampo Boot Mark è un calcio laterale di media portata in grado di atterrare i nemici. La special neutrale Flashbang è invece una granata stordente che interrompe gli attacchi in arrivo e consente di continuare l’offensiva.

Con la special offensiva Police Tackle, Estel si butta addosso ad un nemico per poi concatenare una scarica di pugni. Questa mossa è particolarmente efficace perché la sua onda d’urto atterra tutti i nemici vicini al bersaglio, ma rende vulnerabili durante la seconda parte dell’attacco. La special aerea invece consiste in una granata esplosiva che permette di guadagnare spazio, mentre la mossa stella Tactical Support lancia un bombardamento alleato. In generale è un personaggio che ci è piaciuto molto proprio per le qualità di cui sopra, che hanno reso divertente ogni combattimento.

Furia inarrestabile

Max è il personaggio che più di tutti ci preoccupava ma ha finito per essere la sorpresa di Streets of Rage 4 Mr. X. Nightmare. Ciò è dovuto alla sua accessibilità e alla facilità con cui si può fare piazza pulita di nemici, elementi che lo rendono un vero mostro. A dirla tutta, basta poco per rendersi conto che forse è un po’ sbilanciato, ma noi speriamo che gli sviluppatori lo lascino così perché è spassosissimo. Proprio come in Streets of Rage 2 questo lottatore mantiene quella dualità fatta di lentezza e velocità, tuttavia in SOR4 si possono fare macelli senza troppi sforzi. Il Max di questo capitolo è un po’ più propenso all’esecuzione di combo e certe manovre lo rendono estremamente pericoloso.

Rispetto al passato non si può più abusare del Power Slide poiché ora è dotato un leggero delay, ma a causa di ciò è possibile infilarci in mezzo una serie di colpi. Al contrario, la speciale offensiva Thunder Tackle permette di lanciarsi velocemente sui gruppi di nemici e si può concatenare a qualsiasi cosa. Di conseguenza – e grazie all’ottimo output di danni – si può recuperare la salute in fretta e furia. Torna anche Spinning Knuckle Bomb, la mossa “trottola” del wrestler utile sia in attacco che in difesa, in questo caso per eludere i colpi in arrivo. Infine, con Body Slam Max può lanciarsi addosso ai nemici dall’alto. Se eseguita a ridosso di una parete questa mossa diventa un wall jump direzionabile con la pressione dei tasti del d-pad. A chiudere il cerchio ci pensa la mossa stella Thunder Strikes, che causa ingenti danni e ha un raggio d’azione più che generoso.

Pugno d’acciaio

Shiva è uno dei personaggi più intriganti dell’intera serie e il suo ritorno è stato desiderato a lungo dai giocatori. Inutile dire che tra i personaggi di Streets of Rage 4 Mr. X Nightmare è anche quello più agile e veloce, poiché dotato di attacchi fulminei. Il suo moveset ruota attorno all’esecuzione di combo a terra o in aria, con la possibilità di eseguire manovre evasive in caso di necessità. Essendo un maestro di Kempo non utilizza le armi, ma è comunque possibile lanciarle. Se usata con testa questa caratteristica può rivelarsi devastante: difatti, se si lancia un’arma su un nemico molto vicino è possibile concatenare velocemente più attacchi.

Proprio come Max, Shiva dispone delle tecniche che lo hanno reso celebre e Final Crash ne è un esempio. Questo attacco Blitz lancia in aria l’avversario e si può facilmente concatenare alla special aerea Air Senretsu Ken, che infligge un certo numero di colpi. La speciale difensiva Flaming Circular Kick è invece un calcio che funziona da counter e permette di evitare proiettili e quant’altro. Infine, la mossa stella Shin Hashinshuo rallenta il tempo per qualche frazione di secondo e consente di allungare le combo.

Mr. X Nightmare

Se i team di sviluppo si fossero limitati ad un compitino probabilmente non ci sarebbe altro da aggiungere, ma qui le cose si fanno interessanti. Streets of Rage 4 Mr. X Nightmare porta con sé una modalità sopravvivenza che dà il nome al pacchetto e rimpolpa l’offerta di gioco. Quest’ultima è strutturata in modo tale da offrire una sfida in costante aumento, sia per numero e tipo di nemici che per pericoli ambientali. L’obiettivo ovviamente è di portare a casa quanti più punti possibili e il gioco ci offre anche una serie di aiuti in pieno stile roguelike.

- Advertisement -

Dopo aver completato ogni stanza SOR4 ci dà la possibilità di scegliere tra due o più potenziamenti che andranno ad influenzare i nostri attributi. Alcuni di essi sono esclusivamente positivi, altri invece offrono sia bonus che malus e aggiungono un po’ di pepe al tutto. Più in generale, si va da potenziamenti ai danni, alla difesa o alla velocità di movimento a danni elementali basati su fuoco, elettricità o corrosione, fino a perk più complessi. Il tutto si svolge in scenari moderni inediti o retro, i quali aggiungono nemici storici e un velo di nostalgia. In generale siamo rimasti soddisfatti dal numero di location presenti, e seppur i nuovi scenari non siano tantissimi vengono presentati in più varianti, con trappole e pericoli ambientali che ne differenziano l’esperienza.

Ad ogni modo, abbiamo giocato un buon numero di partite e possiamo affermare che ogni run si è rivelata differente alla precedente sia per perk utilizzati che per situazioni affrontate.

Il bonus che non ti aspetti

La rigiocabilità di Streets of Rage 4 Mr. X Nightmare è spinta dalla possibilità di sbloccare nuove mosse per tutti i personaggi, compresi quelli retro. Per ottenere tutto non dovrete fare altro che giocare con i vari lottatori e fare quanti più punti possibili. La cosa interessante è che queste tecniche si possono selezionare anche nelle altre modalità e ciò permette di provare e sperimentare i mix più improbabili. Durante le nostre prove abbiamo completato una manciata di personaggi e abbiamo apprezzato queste variazioni perché danno un feeling differente ai combattenti senza stravolgerli.

Passando ai contenuti della patch, oltre ad una serie di palette cromatiche che danno un tocco più personale ai nostri eroi, gli sviluppatori hanno rimpolpato la modalità allenamento. Quest’ultima in principio disponeva solo di una modalità libera e non offriva molto per chi ha poca dimestichezza con il genere. Ebbene, con l’ultimo aggiornamento sono state inserite sia delle nozioni generali per i fondamenti del combattimento che delle lezioni dedicate per i singoli personaggi. Non si poteva chiedere di meglio.

Concludiamo la recensione con una particolare menzione alla colonna sonora di Mr. X Nightmare, che vanta ben tredici tracce composte dal talentuoso Tee Lopes.

IL NOSTRO VOTO

La perfezione non esiste eppure Streets of Rage 4 con Mr. X Nightmare ci va molto vicino. Lizardcube e Guard Crush Games hanno rimpolpato un gioco già eccezionale e lo hanno fatto con contenuti di qualità che potenzialmente possono offrire centinaia di ore di gioco. Estel, Max e Shiva sono solo la punta di un iceberg che per il generoso costo di otto euro offre anche una modalità di gioco aggiuntiva e un set di mosse addizionali per ogni singolo personaggio. Ora più che mai, SOR4 rappresenta il miglior esempio di come andrebbero trattate e rinnovate certe serie storiche rimaste nel cuore dei fan. Per di più, è uno dei giochi più divertenti e spassosi degli ultimi anni, specie se si gioca in cooperativa. Insomma, un must have (in combo con Mr. X Nightmare) tanto per i fan quanto per chi desidera approcciarsi al genere per la prima volta.
Qualità/Prezzo
9.5

ARGOMENTI CORRELATI

LEGGI ANCHE

Dylan Dog 418 Bis: Qwertyngton – Recensione

In occasione dei festeggiamenti per gli 80 anni di Sergio Bonelli Editore, la casa...

The Suicide Squad: Missione Suicida, la recensione del film di James Gunn

Non è una recensione facile da scrivere questa, lo ammetto. Ieri sera, uscendo dalla...

Mujirushi: Il Segno dei Sogni – Recensione

Ogni volta che esce una nuova opera di Naoki Urasawa, che sia breve o...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

CORRELATI

Dylan Dog 418 Bis: Qwertyngton – Recensione

In occasione dei festeggiamenti per gli 80 anni di Sergio Bonelli Editore, la casa editrice milanese ha deciso di proporre un albo extra per...

The Suicide Squad: Missione Suicida, la recensione del film di James Gunn

Non è una recensione facile da scrivere questa, lo ammetto. Ieri sera, uscendo dalla sala dopo aver assistito all'anteprima stampa di The Suicide Squad:...

Mujirushi: Il Segno dei Sogni – Recensione

Ogni volta che esce una nuova opera di Naoki Urasawa, che sia breve o lunga, è sempre un momento di festa (almeno per me)....

Ascender vol.3: Il Mago Digitale – Recensione

È uscito per Bao Publishing a inizio luglio il terzo volume di Ascender, la serie sequel di Descender, sempre scritta da Jeff Lemire e...
spot_img
PUBBLICITÀspot_imgspot_img