Shy 1 di Bukimi Miki – Recensione

spot_imgspot_img

Forse l’eroe che il mondo aspetta già (cit.) non è forte e coraggioso ma semplicemente timido. Lo è sicuramente la protagonista di Shy, il manga di Bukimi Miki edito da Planet Manga dove ogni paese ha un suo eroe nazionale e quello del Giappone è la timida e impacciata Teru Momijiyama. Riuscirà la ragazza a sconfiggere la sua timidezza e a salvare le persone? Scopriamolo insieme nella recensione di questo manga!

Shy, la vostra timida eroina di quartiere

In un futuro non tanto lontano la pace e la sicurezza mondiale sono mantenuti da degli eroi dotati di superpoteri. Ogni paese ha un suo eroe e in Giappone c’è Shy. Piccola, timida come dice il nome e che non ispira molta fiducia, non come gli altri potenti e carismatici suoi colleghi. Ma la ragazza pur impaurita agisce nel salvare le persone. Ma quando per colpa sua una ragazza entra in coma lo sconforto la colpisce profondamente rinchiudendosi in se stessa. Teru Momijiyama, questa la sua vera identità, non riesce più a trasformarsi e non sa come fare per tornare ad essere un’eroe e compiere la sua missione da eroe: dare speranza alle persone e proteggere il loro cuore.

Shy
Planet Manga
Bukimi Miki

Il manga Shy parte dalla premessa degli eroi che salvano il mondo mettendo però dei paletti interessanti e nuovi. L’idea che ogni nazione abbia un suo eroe e che per carattere e modo di fare rispecchi la nazione stessa. C’è la russa Spirits, bella bionda e amante dell’alcol, o l’inglese Stardust che è una rockstar. La stessa protagonista ricalca la tipica ragazza giapponese timida, impaurita ma che sa tirare fuori il coraggio con un po’ di incoraggiamento.

Oltre a ciò possiamo dire che si riprende anche il genere majokko. Come le famose maghette gli eroi tengono nascosta la loro identità, possono trasformarsi grazie ad un paio di bracciali che guardano al loro cuore e alla loro volontà. Per questo Teru non riesce a trasformarsi e dovrà fare pace con i suoi errori per continuare la missione che Unilord ha affidato a tutti gli eroi. La protezione dell’umanità e del cuore delle persone ricalca quei temi tipici del genere e vediamo anche un nemico misterioso che sfrutta il lato più oscuro che uno cerca di nascondere agli altri e a se stesso.

Shy
Planet Manga

Questo mix tra eroi e magia è molto bello e rende alquanto unico Shy nel panorama manga. Una storia alla fine classica, una protagonista ben caratterizzata pur rimanendo ancora ancorata a stereotipi, ma ha sicuramente molto spazio per crescere. Lo spero visto il finale di questo volume con la ragazza che ha trovato più fiducia in se stessa, quindi ora è determinata a salvare le persone e migliorare i suoi poteri. Inoltre il fatto che ogni nazione ha un suo eroe incuriosisce. Speriamo di conoscerne altri oltre a già citati Stardust e Spirits. Certo, risultano un po’ stereotipati in base al loro paese, ma hanno anche potenzialità, possono essere esplorati e raccontati in maniera più profonda.

Con uno stile di disegno a volte un po’ grezzo ma che rende bene le scene di movimento e le emozioni sui volti, Shy si presenta come un’opera carina e divertente che può sorprendere ancora nei volumi successivi. Le premesse sono buone per una storia anche avvincente e che esplora il significato di essere eroe nel senso di aiuto e supporto a chi è in difficoltà. E la nostra protagonista dovrà anche migliorarsi e diventare più forte non solo fisicamente ma anche mentalmente per diventare una vera eroina. Noi facciamo indubbiamente il tifo per lei e siamo curiosi di leggere il proseguo della serie!

Voi avete letto Shy? E cosa ne pensate della sua protagonista e di questo strano mondo di eroi? Fatecelo sapere nei commenti e continuate a seguire Nerd Pool per essere sempre aggiornati sui vostri anime e manga preferiti!

LEGGI ANCHE:
Correlati
Shy è un nuovo manga di Bukimi Miki edito da Planet manga. Il titolo riprende la nostra protagonista, Shy, l'eroina che rappresenta il Giappone. In realtà è la timida Teru Momijiyama, una comune studentessa che si mette d'impegno nel suo compito di proteggere le persone e il loro cuore ma alcune situazioni imprevedibili la abbattono che non vuole più proseguire. Per sua fortuna ha l'appoggio dei suoi colleghi eroi e delle persone che ha salvato. Un manga che pur parlando di eroi presenta situazioni e temi del genere delle maghette, con uno stile di disegno che rende bene le emozioni dei personaggi ma anche le scene di azione. Per quanto i personaggi risultino stereotipati alcuni elementi fanno sperare che possano avere un'evoluzione ed essere sempre più esplorati, con la nostra Shy in prima linea per essere una perfetta protagonista e farci vivere molte avventureShy 1 di Bukimi Miki - Recensione