spot_imgspot_img

Everwild – Il nuovo titolo Rare è un disastro

Notizie terribili per il prossimo titolo Rare

PUBBLICITÀspot_imgspot_img

Everwild è stato presentato in pompa magna durante l’X019, grande evento Xbox ormai circa due anni fa.
Tutti i videogiocatori sono rimasti incantati da questo mondo fiabesco e l’attesa per il gioco crebbe ancora quando fu nuovamente mostrato all’Xbox Showcase 2020.
Il titolo è sviluppato da Rare, che dopo aver lanciato il reboot di Battletoads, ha quindi deciso di cimentarsi in questo GDR ambientato in un mondo fantasy mai visto.
Tutto sembrava andare bene finché, qualche mese fa, non emerse una notizia non proprio confortante. Secondo alcuni rumor il gioco era terribile, e il team di sviluppo fu costretto a cancellare tutto e ripartire da zero.
Ad aggiungere benzina sul fuoco ci ha pensato anche Jeff Grubb durante il podcast XboxEra.
Il noto giornalista ha infatti affermato che Everwild si trova in uno stato disastroso, confermando il fatto che lo sviluppo sia ripartito da zero.

Hanno resettato tutto e non sanno esattamente quale sia lo stato del gioco poiché non sanno nemmeno cosa vogliono. Stanno ancora cercando di capirlo ed è un vero e proprio disastro.[…] Non sto esagerando, le persone attualmente al lavoro sul gioco non sanno nemmeno cosa sta succedendo co questo progetto.

Queste parole non sono di certo incoraggianti, visto che inizialmente il titolo sarebbe dovuto uscire nel 2022.
In questo momento la cosa più probabile è che potremmo giocare ad Everwild non prima del 2024, il che è un vero peccato.
Ricordiamo che Everwild è in uscita in esclusiva su Xbox Series X|S e PC.
Rimanete su Nerdpool per ulteriori aggiornamenti sul mondo videoludico!

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

SourceWCCFTech

ARGOMENTI CORRELATI

LASCIA IL TUO COMMENTO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img
spot_img

CORRELATI

spot_img

POTREBBERO INTERESSARTI: