SHOCKDOM presenta per la collana Shock! BLACKSCREEN

spot_imgspot_img

Cosa accadrebbe all’umanità se una macchina fosse in grado di prevedere il destino di tutti, rivelando con esattezza anche il giorno della propria morte?

Shockdom pubblica una nuova edizione di BLACK SCREEN per la collana SHOCK!, in libreria, fumetteria e online da oggi 7 gennaio. Il volume nasce da un’idea di Lucio Staiano, che ha aiutato Peppe Andreozzi nel soggetto. Ai disegni, Giovanni Fubi Guida.

SINOSSI: Garret O’Daniel è il creatore dell’algoritmo alla base della tecnologia in grado di prevedere il proprio domani tramite un visore, lo Spoiler. Frank Rosenthal è un professore universitario che riceve un Black Screen: l’avviso della propria morte. Brian è un tecnico delle Seedindustries, compagnia che produce gli Spoiler, in grado di manomettere il sistema e di conoscere i destini di tutti. Amanda è sopravvissuta a un terribile incidente stradale in cui ha perso tutta la sua famiglia e che le ha lasciato l’ossessione della morte. Le loro strade si incrociano nel tentativo disperato di cambiare, o riuscire ad accettare, il proprio futuro. Ma il destino è ineluttabile o sono gli uomini a scriverlo attimo dopo attimo, con le proprie azioni?

Lucio Staiano, che è anche fondatore e responsabile di Shockdom e scrittore di fantascienza, racconta: «Ho avuto l’idea alla base di Black Screen a vent’anni e dopo più di trenta l’ho affidata a Giuseppe e Giovanni, che hanno creato uno dei più bei libri mai pubblicati da Shockdom. Spero che prima o poi qualche produttore si accorga di questo libro e ne faccia un film o una miniserie tv, perché se lo meriterebbe». Andreozzi aggiunge: «Quando Lucio mi propose di scrivere Black Screen, pensai al fatto che il soggetto ponesse le basi per analizzare qualcosa di diverso: rispetto alle solite storie sui viaggi del tempo dove i personaggi cercano, in un modo e nell’altro, di alterare le cose, in un mondo dove la conoscenza del proprio futuro è alla portata di tutti, possiamo chiederci cosa accade quando questo futuro è dato per scontato e ineluttabile. In fondo, è proprio così che funziona il disegno divino, giusto?» E gli fa eco Fubi: «Black Screen è una storia che diventa sempre più attuale man mano che si va avanti negli anni. È un po’ come il buon vino, invecchia bene. La realtà invecchia male, se si considera la possibile deriva sociotecnologica di cui si parla.»

AUTORI

Lucio Staiano: calabrese, classe 1969, laureato in fisica, esperto di comunicazione digitale, primo in Italia a credere nei webcomics come evoluzione del fumetto, ha creato nel 2000 Shockdom. Con Shockdom ha pubblicato Nebula, Habel Team, Noumeno – un thriller quantistico e Tiresia.

Giuseppe Andreozzi: nato ad Aversa nel 1983. Laureato in psicologia, frequenta i corsi di sceneggiatura cinematografica  e scrittura per la televisione alla Pigrecoemme di Napoli e quello di sceneggiatura fumettistica alla InFormOfArt. Per Shockdom ha scritto RIO 2031, con i disegni di Gabriel Picolo.

Giovanni “Fubi” Guida: classe ’89. Ha frequentato la scuola di fumetti a Roma, dove ha conosciuto Davide Caporali (Vita di Pai – Prima di Pai) per il quale ha curato la sceneggiatura per le ultime avventure di Maschera Gialla (Shockdom). Per Shockdom ha realizzato i disegni di Agorafobia, su testi di Dario Moccia, continuando a portare avanti anche progetti personali.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo degli anime.

COMMENTA LA NOTIZIA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

POTREBBERO INTERESSARTI:

spot_imgspot_img
spot_img

Correlati

spot_img