Kemono Jihen – Recensione

Kemono Jihen: un manga horror… o quasi!

voto
6,5
spot_imgspot_img

Kemono Jihen è un manga scritto e disegnato da Sho Aimoto, serializzato sulla rivista Jump Square dal 2 dicembre 2016. Il manga è pubblicato in Italia da Edizioni BD sotto l’etichetta J-Pop e sono usciti fin’ora 9 volumi.

Dallo stesso è stato tratto l’omonimo anime trasmesso in Giappone dal 10 gennaio al 28 marzo 2021. In Italia, la serie è stata pubblicata su VVVVID in versione sottotitolata e il 1º dicembre 2021 su Netflix in versione doppiata.

Da bambini ci dicevano che i mostri esistono solo nelle favole, invece in questo manga ci dicono che hanno le sembianze di persone normali, che vanno in giro in pieno giorno e che possiamo ritrovarceli proprio di fronte a noi mentre scambiamo con loro due chiacchiere. Kemono Jihen racconta una storia di mostri affascinante, toccante e magica.

LA TRAMA

In un tranquillo villaggio di campagna gli animali muoiono uno dopo l’altro in circostanze inquietanti. Per risolvere il caso viene assunto da Tokyo un elegante detective di nome Inugami. Durante le indagini, l’uomo si imbatte in un misterioso ragazzino del posto, Kabane, soprannominato “Dorotabo” come lo spettro che vive nel fango. Dorotabo è stato abbandonato dai suoi genitori e non gode dell’affetto della zia e del cugino con i quali convive. E’ dal loro incontro che inizia questa strana storia di mostri, il particolare legame di Kabane con il mondo dei demoni sarà un fondamentale aiuto per il detective.

conclusioni

Kemono Jihen è un manga che all’inizio trae in inganno. La storia che ci racconta Sho Aimoto sembra infatti un racconto horror, e se ci pensiamo bene, ha tutti gli elementi per esserlo. E’ indubbio che questo shōnen non si possa definire originale, tuttavia possiede una capacità di intrattenere davvero notevole. I toni horror e drammatici, che si alternano a quelli più comici, rendono la lettura assai piacevole e, al tempo stesso, scorrevole. I personaggi risultano alquanto stereotipati (il ragazzo freddo e distaccato, il detective scaltro e misterioso, il personaggio dalla testa calda che gioca a fare il duro e l’androgino uomo che si comporta da donna). Tuttavia le relazioni che si instaurano fra loro costituiscono uno dei punti di forza e di rottura dell’opera stessa, permettendoci così di uscire un po’ dalla linearità della trama.

E’ forte e al tempo stesso mette tristezza, a questo affascinante e magico aspetto, il maestro Sho Aimoto, affianca l’aspetto umano. Infatti lo stesso Kabane, nonostante la sua giovane età, ha vissuto svariati traumi come l’essere stato abbandonato, la presunta “perdita” dei genitori, la negazione della famiglia che se lo è preso a carico e l’essere maltratto. Ovviamente non ci sono solo gli aspetti negativi, ma sono presenti anche quelli positivi come la voglia di riscatto, la crescita personale, la speranza o semplicemente la felicità. Questi si incastrano perfettamente come elemento unico a quelli negativi e rendono quest,opera interessante e toccante.

Secondo me l’attrattiva principale di Kemono Jihen sono sicuramente i Kemono. Nell’opera, abbiamo vari tipi di mostri che fanno riferimento al folklore giapponese, dove la maggior parte sono tutte figure umane che si fondono nella società e dunque fra gli esseri umani. A rendere maggiormente interessante e divertente questo aspetto e’ il fatto che c’è un ufficio investigativo specializzato in Kemono dove, guarda caso, l’unico detective (e proprietario) sarà proprio Inugami. Altro aspetto interessante è la scelta da parte del mangaka di caratterizzare i mostri e di riuscire, in alcuni casi, anche a farci affezzionare a loro.

chiudo col parlare delle tavole, tipiche dello stile shonen, semplici,pulite ed immediate. gli sfondi, spesso assenti, lasciano il posto ad un intensa resa delle emozioni ed espressioni dei vari personaggi. Quasi volutamente, l’autore sembra non volere utilizzare uno story-telling complesso, anzi tutt’altro. Infatti non ritroverete pagine cariche dove si ci focalizza sui dettagli dell’azione, ma sull’aspetto dei corpi, le loro distanze, espressioni e inquadrature varie. Insomma, se siete alla ricerca di uno shonen con una voce fresca e moderna, ma soprattutto travolgente, allora siete incappati davanti al titolo che fa per voi!

spot_imgspot_img
E' forte e allo stesso tempo mette tristezza, Kemono Jihen: un manga horror o quasi che ci racconta una storia di mostri affascinante, toccante e magica. se siete alla ricerca di uno shonen con una voce fresca e moderna, ma soprattutto travolgente, allora siete incappati davanti al titolo che fa per voi!
voto
6,5

Di cosa si parla nell'articolo:

POTREBBERO INTERESSARTI:

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

spot_img

Correlati

10 manga moderni che meriterebbero un adattamento anime

I manga stanno avendo una crescente popolarità nel mondo...

Blue Period: Nuove aggiunte al cast dell’anime

La curiosità per l’anime di Blue Period continua a...

Metamorfosi 1 di Kaori Tsurutani – Recensione

La passione per i manga può unire generazioni lontane......

Blue Period: Key Visual e primo trailer dell’anime!

Dopo l’annuncio dell’adattamento anime, possiamo dare un primo sguardo...
spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

E' forte e allo stesso tempo mette tristezza, Kemono Jihen: un manga horror o quasi che ci racconta una storia di mostri affascinante, toccante e magica. se siete alla ricerca di uno shonen con una voce fresca e moderna, ma soprattutto travolgente, allora siete incappati davanti al titolo che fa per voi!Kemono Jihen - Recensione