Chernobylite: la nostra recensione della versione next-gen!

Il lavoro svolto sulla grafica è ottimo e molto piacevole alla vista, oltre che ben ottimizzato. Purtroppo la stessa cosa non si può dire della povera implementazione del Dualsense
8
spot_imgspot_img

Abbiamo avuto il piacere di giocare in anteprima alla versione completa di Chernobylite per next-gen, per la precisione su piattaforma Playstation 5. Adesso siamo qui per dirvi la nostra! Vi avvisiamo subito che questa non sarà una recensione completa sul prodotto, poiché l’abbiamo già fatta al tempo dell’uscita su old-gen e potete visionarla a questo link. Infatti, ci concentreremo sulle novità introdotte dallo sviluppatore The Farm 51 e in che modo esse vanno a condizionare l’esperienza di gioco.

Una grafica esplosiva

La prima, importante novità da sottolineare riguarda la rinnovata veste grafica del gioco. Sia su Xbox Series, sia si Playstation 5 il giocatore più scegliere tra due modalità. La prima, più fluida, fa girare il gioco alla risoluzione di 1080p e 60 FPS; la seconda, invece, limita gli FPS a 30 ma aumenta la risoluzione fino a 4K per gli occhi più esigenti. Due opzioni ormai classiche, ma che funzionano bene su Chernobylite. Infatti, a meno di situazioni particolari, il gioco regge più che bene su entrambi i fronti. Oltretutto, è stato implementato un ottimo ray tracing. Già nella recensione old-gen abbiamo lodato il lavoro svolto dagli sviluppatori, che qui permette al gioco di raggiungere una resa grafica eccezionale. Per uno studio indie, il risultato raggiunto non è per niente male.

chernobylite screen

Chernobylite, un gioco alla mano

The Farm 51 ha poi lavorato sul mai abbastanza abusato Dualsense. Come sappiamo bene, il controller Playstation 5 ha una pletora di caratteristiche che, se non per alcune eccezioni, non vengono mai sfruttate abbastanza. Purtroppo, Chernobylite non è una di queste e gli sviluppatori si sono limitati a programmare in parte i trigger adattivi. Solo quello dedicato all’azione della sparatoria restituirà la sensazione di premere un vero e proprio grilletto, andando a porre resistenza sul dito del giocatore come avviene, per esempio, su Ratchet & Clank: Rift Apart. Un’occasione sprecata, che però non toglie nulla all’esperienza già ottima.

In conclusione, le versioni next-gen di Chernobylite non portano novità di gameplay assolute ma solo qualche accorgimento più che gradito. Invece, il comparto grafico subisce un power up grazie alle console di nuova generazione e questo porta il gioco ad un livello superiore. Ricordiamo che la versione next-gen del gioco di The Farm 51 arriverà il 21 aprile su PC (con un aggiornamento), Playstation 5 e Xbox Series X e S.

E voi, cosa ne pensate? Fateci sapere qui sotto nei commenti se siete interessati alla versione aggiornata del gioco e non dimenticate di seguirci su Nerdpool.it per ulteriori aggiornamenti!

spot_imgspot_img
Il passaggio del titolo alla next-gen porta Chernobylite ad un livello superiore. Il lavoro svolto sulla grafica è ottimo e molto piacevole alla vista, oltre che ben ottimizzato. Purtroppo la stessa cosa non si può dire della povera implementazione del Dualsense, che svolge comunque un ruolo sufficiente nella globalità del porting

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

Argomenti correlati

POTREBBERO INTERESSARTI:

spot_img

Correlati

spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Il passaggio del titolo alla next-gen porta Chernobylite ad un livello superiore. Il lavoro svolto sulla grafica è ottimo e molto piacevole alla vista, oltre che ben ottimizzato. Purtroppo la stessa cosa non si può dire della povera implementazione del Dualsense, che svolge comunque un ruolo sufficiente nella globalità del portingChernobylite: la nostra recensione della versione next-gen!