Blocco 181, la recensione della serie di Salmo

Punti
8
spot_imgspot_img

Blocco 181 è la nuova serie Sky Original che debutterà il 20 maggio 2022. Sarà disponibile su Sky Atlantic e in streaming su Now. Maurizio Pisciottu, in arte Salmo, noto rapper italiano, ha supervisionato e prodotto la serie sia in ambito creativo, che in quello musicale. Ha, inoltre, interpretato un personaggio al suo interno. Alla regia troviamo Blocco 181 è la nuova serie Sky Original che debutterà il 20 maggio 2022 con Ciro Visco e Matteo Bonifazio. Nerdpool ha avuto l’opportunità di partecipare all’anteprima del nuovo show di Sky e queste sono le nostre impressioni.

Milano e le comunità multietniche

Blocco 181 ci illustra una Milano ai margini, incentrata sul Blocco e le gang che dominano le periferie. Al centro, troviamo le diverse comunità etniche che lottano per trovare il proprio spazio. Sebbene lo scopo della serie non sia quello di fare denuncia, come affermarl anche dallo stesso Capatondi alla conferenza stampa, troviamo molti elementi di riflessione sulle condizioni in cui vivono le diverse etnie presenti sulla città.

Questa favola Dark si concentra maggiormente su un gruppo numeroso di latinoamericani, in cui conosciamo la loro cultura nel dettaglio, insieme al modo in cui vedono la società che gli circonda. Questo aspetto dello show ricorda molto le opere televisive ambientate nel latino-america, con uno studio meticoloso dietro agli accenti e agli usi e costumi. La serie non vuole essere una rappresentazione realistica della città e in questo modo rende più credibile le faide tra il gruppo latino e quello italiano, i quali si presentano come molto aggressivi ma anche affascinanti.

L’emancipazione

Bea interpretata da Laura Osma, è la protagonista per eccellenza. La giovane appartiene alla comunità latina e combatte con una cattiva gestione degli affari da parte di Victor, il capo della gang. Egli si trova al posto del fratello di Bea, finito in carcere, e si rifiuta di dare ascolto alla ragazza per il semplice fatto che non sia un uomo. Attraverso il personaggio vedremo un viaggio che mostrerà la sua lotta per ottenere maggior potere, emancipazione e dimostrare le sue vere doti. Inoltre, sarà proprio Bea a collegare la sua comunità a quella del gruppo italiano in quanto avrà una relazione molto particolare, poliamorosa, con altri due ragazzi.

In questa protagonista troviamo forza, vigore e la voglia vivere nuove esperienze che contraddistingue i giovani, ma soprattutto audacia nell’affrontare un sistema maschilista che non lascia spazio alla propria libertà.

La musica

Uno degli elementi più importanti di Blocco 181 è l’aspetto musicale che contraddistingue le fazioni presenti nella serie. Infatti, lo stesso Salmo ha affermato che per i latinoamericani la musica è sempre presente per raffigurare la solarità e vivacità della loro cultura. Mentre ci troviamo tra i gruppi italiani, la musica non c’e quasi mai e se c’è, è più composta da bassi. Le tracce sono tutte originali e studiate da Salmo. Il quale lancerà un album omonimo ispirato allo show in cui saranno presenti anche artisti che hanno fatto parte di Blocco 181.

Considerazioni finali

La nuova serie di Sky Original Blocco 181 riesce a conquistare il pubblico con la sua sincà e aggressività, portando con sé attori talentosi e una colonna sonora da brividi.

spot_imgspot_img
La nuova serie di Sky Original Blocco 181 riesce a conquistare il pubblico con la sua sincà e aggressività, portando con sé attori talentosi e una colonna sonora da brividi, mostrandoci un lato di Milano che non tutti conoscevano.

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

Argomenti correlati

POTREBBERO INTERESSARTI:

spot_img

Correlati

spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

La nuova serie di Sky Original Blocco 181 riesce a conquistare il pubblico con la sua sincà e aggressività, portando con sé attori talentosi e una colonna sonora da brividi, mostrandoci un lato di Milano che non tutti conoscevano.Blocco 181, la recensione della serie di Salmo