Tsuro: segui il tuo sentiero (e butta i tuoi avversari fuori dal tabellone) – Recensione

Semplice, veloce ma assolutamente non banale.
7.5
spot_imgspot_img

Cercate un gioco semplice, poco impegnativo, molto zen ma con un pizzico di cattiveria? Tsuro fa per voi! Scopriamolo insieme con la nostra recensione.

la scatola di Tsuro

Cos’è Tsuro?

Tsuro è un astratto in cui ci ritroveremo a intraprendere un percorso “spirituale” muovendo la nostra pedina, lungo un sentiero creato dalle tessere di tutti i giocatori. Sembra tutto molto zen, rilassante… e invece vi assicuro che, quando le vostre pedine si avvicineranno pericolosamente a quella del vostro avversario, cercherete in tutti i modi di fargli percorrere una via sbagliata per farlo uscire dal tabellone; un po’ come quella “brutta frequentazione”, che quatta quatta vi si avvicina e poi vi porta inesorabilmente verso la cattiva strada.

In Tsuro, infatti, il vostro scopo è semplicemente quello di non uscire dal tabellone. L’ultimo giocatore che rimane in “pista” vince la partita.

Vi potrà sembrare un titolo banale, ma la sua semplicità è proprio il punto forte di questo gioco, e vi posso assicurare che farete una partita dietro l’altra.

Tutti i componenti del gioco

Anno: 2005
Età consigliata: 8+
Giocatori: 2-8
Durata: 15′ – 20′
Lingua: italiana

Genere: Astratto
Complessità: 2,5/10
Editore: dVGiochi
Autore/i: Tom McMurchie
Prezzo: €34,90

Come si gioca a Tsuro?

Dopo aver posizionato il tabellone al centro del tavolo, ogni giocatore sceglierà una posizione di partenza, facilmente identificabile da una lineetta bianca sulla cornice dell’area di gioco.

Vengono consegnare 3 tessere ad ogni giocatore, che questi sceglieranno e posizioneranno sul tabellone in modo tale da prolungare il percorso dov’è posizionata la propria pietra. Una volta posizionata la tessera, la pietra si sposta lungo la nuova strada e il giocatore di turno ne pesca un’altra per ripristinare la mano di 3 tessere.

Regolamento di Tsuro

La pietra si muove fintanto che ha strada libera davanti a sé, e per questo, quando un giocatore posiziona una tessera che prolunga anche il percorso dell’avversario, farà muovere entrambe le pedine.

Questa meccanica del far muovere forzatamente l’avversario è il fulcro di Tsuro. Infatti, vi capiterà spesso di incrociare il sentiero di un altro giocatore, e di cercare di “buttarlo fuori” dal tabellone. Attenzione però: se due pietre incrociano il medesimo cammino e si scontrano, entrambe perdono. Oltre a questo, dovremo stare attentissimi a non intraprendere una strada errata che ci porterà fuori dal tabellone.

È un gioco facile o complesso?

Il gioco è davvero semplicissimo, non esagero dicendovi che dopo 5 minuti dalla prima apertura della scatola, sarete già in grado di iniziare la partita. Proprio per questa sua semplicità è un titolo perfetto per chi si avvicina per la prima volta ai giochi da tavolo. Ma semplice non è sinonimo di banale, infatti ci accorgeremo che, nonostante i primi turni siano abbastanza “in solitaria”, andando avanti dovremo destreggiarci tra il non rischiare di auto-eliminarci e l’infastidire i nostri avversari vicini.

Come gira Tsuro in 2, 3…. 8 avversari?

La bellezza di questo gioco è data anche dalla diversa percezione che si ottiene a seconda di quanti giocatori siano seduti al tavolo: c’è già molta differenza tra una partita a 2 o 4 giocatori, dove i tempi in cui le pedine vagano in “solitaria” si dimezza. In 8 giocatori poi, il tabellone si riempie in un attimo e si rischia di finire fuori già il terzo turno.

Non lo consiglierei per 2 giocatori, in quanto la fase più interessante del gioco arriva quando oramai il tabellone è quasi completo. Personalmente ho trovato più stimolanti le partite da 4 a 7 giocatori, mentre con 8 diventa forse troppo caotico.

le pedine del gioco

I materiali

Il colpo d’occhio di Tsuro è molto bello, così come si nota una certa cura nei materiali, nonostante siano davvero pochi. Purtroppo però le tessere non sono di colore omogeneo, così come i percorsi spesso non coincidono perfettamente, per non parlare poi dello “scalino” che si crea in una delle pieghe del tabellone.

Durante le varie partite che ho fatto, con diversi giocatori, quasi tutti si sono lamentati del fatto che le tessere si spostassero con un nulla, o che i percorsi non combaciassero perfettamente.

Problemi di posizionamento delle tessere di Tsuro e discromia

Per tutto il resto, invece, il gioco è ben realizzato, in particolare le pedine di buona qualità e il bellissimo disegno sul tabellone. Pregevole anche l’impostazione verticale del regolamento, che si apre come se stessimo leggendo un’antica pergamena orientale.

Considerazioni finali

Tsuro mi ha indubbiamente stupita per la sua immediatezza: con poche tessere, una pedina, e qualche regola semplice, si è rivelato un ottimo filler sia per i più esperti, sia per i neofiti. Una volta intavolato, si sono aggiunti giocatori che non avevano mai provato i giochi da tavolo, che non avevano nemmeno lo stimolo per provarli, o che semplicemente erano fermi a quella lontana e pesantissima partita a Monopoly nel lontano 1980.

Il gioco si apprezza molto di più nelle fasi finali della partita, dove il tabellone è quasi pieno, quando iniziano dei veri e propri “duelli” tra i giocatori e si sta particolarmente attenti a non inguaiarsi rischiando di percorrere la strada che ci porterà fuori dal tabellone.

L’unica cosa che è risultata un po’ meno chiara ai giocatori al tavolo è stata la meccanica della tessera Drago, che ci permette di ottenere le tessere di un giocatore uscente dalla partita, qualora non ve ne siano più da pescare. Se devo fare un appunto, mi sarebbe piaciuto leggere più esempi sulle varie casistiche che si possono creare una volta terminate le tessere da pescare.

Ovviamente, non consiglierei mai questo titolo a chi cerca un gioco impegnativo, con strategie profonde e meccaniche complesse: in Tsuro piazzi una tessera e vai avanti, se incontri un giocatore cerchi di buttarlo fuori dal tabellone, sennò ognuno per la sua strada.

Tsuro intavolato

Vi ricordiamo che potete acquistare Tsuro al prezzo contenuto (per il divertimento che offre) di €34,90 direttamente dallo Store di dVGiochi a questo indirizzo.

spot_imgspot_img
Tsuro è un gioco particolarmente semplice, adatto a neofiti ed esperti che vogliono un titolo veloce senza grosse pretese. Con una durata media di 15-20 minuti, sarete invogliati a fare una partita dietro l'altra.

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

Argomenti correlati

POTREBBERO INTERESSARTI:

spot_img

Correlati

spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Tsuro è un gioco particolarmente semplice, adatto a neofiti ed esperti che vogliono un titolo veloce senza grosse pretese. Con una durata media di 15-20 minuti, sarete invogliati a fare una partita dietro l'altra. Tsuro: segui il tuo sentiero (e butta i tuoi avversari fuori dal tabellone) - Recensione